Ho incontrato Paul Pantone

L'incontro con Pantone (2002 di febbraio)

A metà gennaio 2002, cioè 3 mesi dopo aver conseguito la laurea in ingegneria, ho deciso di andare a incontrare il signor Pantone negli Stati Uniti. Questa decisione non è avvenuta dall'oggi al domani. Anzi, avevo già scambiato alcune mail con Paul che mi invitava ad andare a trovarlo per un "periodo" prolungato di 3 settimane per vedere tutti i possibili dettagli di una futura collaborazione.

Così sono decollato il 4 o 5 febbraio 2002 con un Boeing 777 da Parigi a Salt Lake City per 12 ore e poi 3 ore di volo poiché il viaggio includeva uno scalo a Houston. Lo specifico perché si trattava del mio primo volo e 12 ore di volo per un battesimo con sorvolo del lastrone di ghiaccio è abbastanza suggestivo. Dopo oltre 28 ore di viaggio (tutto compreso) siamo arrivati ​​a Preston, un piccolo paese nel cuore delle Montagne Rocciose, 200 km a nord di Salt Lake City. Il tempo era piuttosto gelido: 50 cm di neve e -20 ° C.

Dico "noi" perché non sono andato da solo: Michel Saint Georges, un ingegnere medico belga di origine del Quebec, mi ha accompagnato: ha scritto alcune riflessioni interessanti su quanthomme, clicca qui .

Questo per quanto riguarda i set, passiamo agli attori: il giorno dopo, incontriamo Paul per la settimana di “formazione”. Fortunatamente eravamo 4 francofoni: un Nicois, Olivier e un altro Quebecois di cui avevo dimenticato il nome ma la “formazione” era ovviamente data in americano (con un forte accento country vista la località). Le informazioni contenute in questa "formazione" sono, purtroppo, pura speculazione senza alcun fondamento o anche prova scientifica. E quando ho chiesto, all'inizio del nostro incontro, documenti scientifici, Paul non è stato in grado, nonostante le sue promesse, di fornirmeli 2 settimane dopo (si trattava di documenti dell'Università di Berlino)
"Rimani di mentalità aperta" era la frase tipica di Paul, ma c'è differenza tra l'essere di mentalità aperta e l'ingenuità nell'accettare teorie infondate...

Leggi anche:  Rapporto dell'ingegnere ENSAIS sul motore Pantone

Per quanto riguarda le trattative che abbiamo cercato di avere, sappi che c'è un divario molto importante tra il contenuto del sito di Paul (presumibilmente molto altruistico) e l'uomo (molto capitalista) che è interessato a vendere “Licenze”… Questo spostamento è indubbiamente inteso ad attrarre facili “prede”.

Insomma, dopo 3 settimane così suddivise: 1 settimana di formazione (la settimana a $ 1500) e 2 settimane di "ritocchi" e trattative varie sono rimasto piuttosto estremamente deluso da questo incontro, soprattutto perché avevo "investito" in questo incontro tutti i magri risparmi che uno studente può avere.

Alla fine non abbiamo imparato nulla a livello tecnologico e il mio studio è stato la cosa più scientifica che esiste sul processo Pantone e sono tornato in Francia molto disgustato se non depresso… ma il resto avrebbe di nuovo portato a casa il punto! Unica cosa positiva: Michel ed io non abbiamo dovuto pagare per la settimana di allenamento ($ 3000 risparmiati sono già quelli soprattutto per "vento"!), Cosa che ovviamente non era il caso degli altri 2 tirocinanti e, per la cronaca, anche Paul Pantone ci ha pagato la prima settimana di hotel.

Ovviamente specifica che Michel ha pensato esattamente la stessa cosa: non c'è niente da aspettarsi da Pantone ...

La fase di ricerca del lavoro (marzo 2002 - dicembre 2003)

Poiché non c'era nulla da aspettarsi da Pantone né tecnologicamente né professionalmente, ho deciso di cercare attivamente un impiego ... Se possibile nel campo energetico ... ma, se l'inventore è disonesto, ho creduto (e credo ancora) nel potenziale del processo che non ho rinunciato.

Cercando lavoro come ingegnere, ho quindi continuato a cercare di sviluppare il processo con i mezzi molto limitati a mia disposizione. L'esperimento di maggior successo è stato quello dello Zx (ZX-TD Pantone) di Olivier (ûn diverso da quello degli USA) e tornerò su questa esperienza più tardi. Vorrei tornare brevemente a questo periodo di ricerca di lavoro che è stato piuttosto doloroso. Soprattutto durante i colloqui di lavoro che sono riuscito a ottenere: mi è stato fatto capire che un ingegnere non dovrebbe avere convinzioni ambientali: “Un ingegnere meccanico ecologico? Non dovrebbe esistere! " ecco la replica classica che ho dovuto affrontare quando non mi è stato detto del colore, verde, della mia maglietta ...Il corollario è che un ingegnere deve necessariamente sviluppare prodotti inquinanti e disprezzare l'ambiente. ? Comunque la maggior parte degli HRD o degli ingegneri davanti a me non ha capito niente, o fingeva di non capire niente, al concetto di reforming a bordo (base della tecnologia di processo Pantone). In queste condizioni mi sembrava di essere una persona illuminata ed era difficile intraprendere un rapporto professionale insieme ...

Leggi anche:  Suggerimenti per fare un montaggio 2 pantone

Ma c'è anche da dire che anche gli HRD potrebbero aver sentito il mio desiderio di sviluppare il processo, questo avrebbe potuto ostacolare la mia riuscita integrazione in azienda. Comunque questo periodo di ricerca di lavoro è stato molto difficile, moralmente e finanziariamente.

È molto difficile entrare nel campo energetico. Lo scetticismo ambientale, la pigrizia intellettuale (quella tipica: “se funzionasse, si saprebbe”) e il dogmatismo scientifico sono onnipresenti. E se sarebbe disonesto dare la colpa di tutti i fallimenti di certe innovazioni a gruppi di pressione, è ovvio che alcune corporazioni difendono, a volte con forza, i loro risultati.

Allo stesso tempo, ho tenuto alcune conferenze pubbliche, soprattutto in occasione di fiere o mostre di ecobio, ma ho subito capito che ci sarebbero voluti anni a questo ritmo. Nel marzo 2002 ho anche fatto un programma radiofonico (sulla radio gratuita "Here and Now" Icietmaintenant.com ) a Parigi con Jean Pierre Lentin, giornalista scientifico.

Alla fine del 2002 ho deciso di farla finita, almeno temporaneamente perché i tempi e le spese sostenute erano troppo importanti, e di creare un sito che parlasse della mia ricerca. In effeti; era l'unico mezzo di diffusione accessibile che avevo a disposizione: è nata l'idea di econologia.

Leggi anche:  Come primo motore pantone?

La nascita di econologie.com (dicembre 2002 -?)

È stato il mio incontro nel dicembre 2002 con Gabriel Ferrone de la Selva, ecologo degli anni '1970 e René Dumont, che ha accelerato la creazione del sito. In effeti; presidente dell'associazione EES, Ecologie Energie Survie, Gabriel aveva tonnellate di documenti sui suoi scaffali. È stato un peccato perché molti di questi documenti erano molto interessanti: gli ho quindi proposto la creazione gratuita di un sito web per diffondere queste informazioni.

Dopo alcune settimane di lavoro, il sito Econologie.com era sul web all'inizio di marzo 2003.

Purtroppo le difficoltà di comunicazione con Gabriel (77 anni) hanno portato alla quasi totale separazione tra EES e il sito nel luglio 2004 in occasione del passaggio alla versione 2.

Nel sito rimangono solo pochi testi e documenti di EES ma non promuovo più questa associazione, che, va detto, sta morendo: ha fatto attivamente campagna negli anni '80 ma ha perso la maggior parte dei suoi membri ora ( la maggior parte per morte di vecchiaia), non ha più il peso necessario alle sue ambizioni ...

Tuttavia, questa collaborazione con Gabriel si è arricchita e soprattutto ha permesso la creazione di questo sito ...

Gli obiettivi del sito sono spiegati più chiaramente in questa pagina: Perché il sito Web Econologie.com?

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *