Pantone engine presso UTC

Rapporto TX: Testare il reattore PMC Pantone su un tipo Citroën 2CV di motore.

Prodotto all'Università di Tecnologia di Compiègne da LEFEBVRE Julien e NGUYEN Marc

Introduzione

Le notizie di questi mesi hanno mostrato un rafforzamento del fabbisogno di energie alternative. Infatti un barile di petrolio non viene più scambiato sotto i 60 dollari in borsa. Inoltre, il 16 febbraio 2005 è entrato in vigore il Protocollo di Kyoto.

Nel quadro stabilito da questo accordo, l'Unione Europea si è impegnata a ridurre le proprie emissioni di gas serra dell'8%.

I trasporti svolgono un ruolo importante in queste emissioni di gas serra. Appare quindi urgente e necessario compiere progressi significativi sulle emissioni dai tubi di scappamento dei nostri veicoli.

È in questa prospettiva che entra in gioco il processo Pantone, che consente di ridurre i consumi e le emissioni inquinanti di un motore a combustione interna convenzionale.

Leggi anche:  vetture GT di domani

Questo semplice processo che utilizza il calore di scarico e l'acqua è ancora poco compreso e su di esso è disponibile poca documentazione affidabile.

Abbiamo quindi deciso di costruire un reattore Pantone su un motore 2CV per testare il funzionamento di questo dispositivo. Questo lavoro si è svolto nell'ambito di un UV TX che è stato interamente svolto presso il workshop TN04. Questo rapporto descrive il progetto, la sua realizzazione e i risultati ottenuti.

sintesi

Questo UV TX ha raggiunto l'obiettivo di far funzionare con successo il motore con il reattore Pantone. Abbiamo visto che questo dispositivo sembra essere una strada interessante per lo studio del controllo dell'inquinamento dei motori che utilizzano l'acqua. Nonostante tutto persistono molte incognite e saranno ancora necessari molti studi per poter spiegare e far funzionare il reattore PMC Pantone.

I sei mesi che abbiamo trascorso a svolgere questo lavoro sono stati un'opportunità per mobilitare le nostre conoscenze scientifiche e le nostre capacità tecniche da svolgere
una riflessione sulla possibilità di guidare in modo più pulito consumando meno.

Leggi anche:  vita delle centrali nucleari e nuovi tipi di reattori

Abbiamo anche in programma di continuare il nostro lavoro sui processi di disinquinamento idrico al di fuori del quadro educativo, attraverso nuovi progetti, realizzati in ambito privato o eventualmente associativo.

Pensiamo anche che sarebbe molto interessante suggerire ad altri studenti UTC di riprendere il nostro lavoro per portarli oltre.

Download dello studio del motore pantone presso l'Università di Tecnologia di Compiègne

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *