Pantone engine presso UTT

Rapporto TX: studio sul motore Pantone

Prodotto all'Università di Tecnologia di Troyes da BLANCKE Rémi e DESSAINT Renaud

Introduzione

Nella seconda metà del XX secolo l'uomo ha utilizzato l'olio senza limiti per soddisfare le proprie esigenze. Negli ultimi anni, abbiamo notato che questo uso improprio sta sconvolgendo completamente il nostro pianeta. D'altra parte, la risorsa petrolio non è infinita. Se non riduciamo il nostro attuale consumo di petrolio, non ce ne saranno più tra trenta o quarant'anni.
Questi due aspetti ci motivano oggi a trovare alternative per limitare questo consumo di olio.
Dispositivi diversi come i motori ibridi (sviluppati da una casa automobilistica) o il motore Pantone potrebbero sostituire i motori attuali, consumare meno petrolio e inquinare meno il pianeta.
Come parte di un TX, abbiamo scelto di verificare la validità del sistema pantone, brevettato nel 1998. Questo dispositivo consente a un motore a benzina a due tempi di funzionare con il 25% di benzina e il 75% di acqua. Tuttavia, nessun laboratorio di ricerca pubblica analisi scientifiche sul motore Pantone. Questo sistema funziona davvero? Analizzeremo quindi prima il sistema M Pantone, quindi effettueremo un'analisi scientifica e criticheremo questo dispositivo. Effettueremo quindi vari studi sperimentali che giustificano la nostra analisi preliminare. Infine suggeriremo un assemblaggio migliorato del dispositivo M Pantone.

Leggi anche:  Motore Pantone presso ENSAIS

sintesi

Durante il semestre siamo stati in grado di studiare il motore Pantone come parte di un TX. All'inizio, sebbene il motore Pantone sia considerato rivoluzionario da questi sostenitori, crediamo alla fine del nostro studio che questo sistema sia utopico nella versione che siamo stati in grado di studiare.

Infatti, la potenza e il consumo sono identici all'assemblaggio originale e sebbene questo motore sia leggermente disinquinato, non è ancora efficiente come un convertitore catalitico. Pertanto, il motore pantone non fa nulla per ridurre il consumo di petrolio sul pianeta.

In secondo luogo, questo studio ci ha permesso di sviluppare varie conoscenze e abilità. Infatti, abbiamo imparato a seguire una metodologia scientifica per realizzare il nostro progetto. Questo ci ha anche permesso di sviluppare il nostro pensiero critico nei confronti dei risultati sperimentali e di Internet.

Questo ci aiuterà quindi a risolvere problemi e realizzare progetti nella nostra professione di ingegnere.

Leggi anche:  lampade a risparmio e l'ambiente

I commenti di Christophe Martz

Questo rapporto costituisce un approccio più scettico al motore pantone, effettuato anche su un motore non ottimizzato, ma sono state prese misure che non sono stato in grado di prendere durante il mio progetto. Questo è molto positivo ed ecco i pochi commenti che ho fatto sui risultati e sulle analisi svolte.

Pagina 15:

1) Il ph dell'acqua interessante ma non rivelatore. Parte della CO2 / O2 è stata probabilmente disciolta nell'acqua (quindi colore torbido) questa misurazione sarebbe stata interessante
2) fonte di acqua in eccesso: 1) umidità dell'aria ambiente
e / o 2) acqua di combustione

Pagina 19:

1) Il calcolo della densità conferma le mie misurazioni PCI della benzina residua "gorgogliata" che era 20 Kj / L (metà del PCI della benzina fresca)
Il benzene è l'additivo che sostituisce il piombo.

Pagina 20:

Leggi anche:  Le celle a combustibile

1) Dissoluzione del benzene in acqua? Da dove viene il legame OH nella benzina? Non dovrebbe averlo nella composizione originale mi sembra tranne che negli additivi forse?
2) Niente più residui secchi nella benzina fresca: interessante, questo dimostra che la benzina gorgogliata non è inquinata come pensiamo.

Pagina 21:

1) Non ho idea dei loro scarsi risultati di disinquinamento. Probabilmente a causa di cattive regolazioni (o usura del motore?) Dato che le mie erano eccellenti. ( vedere le misurazioni dell'inquinamento )

Download dello studio Pantone presso l'Università di Tecnologia di Troyes

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *