Nuovo motore a benzina: videoregistratore, motori con rapporto di compressione variabile


Condividi questo articolo con i tuoi amici:

Introduzione sui motori con rapporto di compressione variabile e panoramica interesse Adrian CLENCI e Pierre Podevin. Università di Pitesti, in Romania. Conservatoire National des Arts et Métiers di Parigi, Francia

Introduzione

Una delle caratteristiche essenziali del motore dell'automobile è l'ampia gamma operativa in termini di velocità e carichi. Il carico completo "piede sul pavimento" è raro, l'uso del motore viene principalmente eseguito a carico parziale. La massima efficienza del motore ad accensione comandata, che è circa 30%, non supera 10 a 15% a bassi carichi parziali. È quest'ultimo caso che si incontra principalmente, 80 a 90% delle volte, nell'uso urbano del veicolo.

Per superare questo deficit, dobbiamo cercare soluzioni costruttive che realizzano funzionamento in questo intervallo un significativo aumento della resa. Uno di essi consiste in una variazione del rapporto di compressione variando il volume della camera di combustione.


Altro:
- un video di presentazione del MCE-5, motore rapporto di compressione variabile sviluppato in Francia
- MCE5, VRC-i montato su una Peugeot 407

Scarica il file (un abbonamento alla newsletter può essere richiesto): Nuovo motore a benzina: videoregistratore, motori con rapporto di compressione variabile

commenti Facebook

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *