Nove morti in attacco a un impianto petrolifero in Nigeria

Almeno nove persone, tra cui otto agenti di polizia e un dipendente nigeriano, sono state uccise martedì 24 gennaio, in un attacco da parte di uomini armati a un impianto della compagnia petrolifera italiana Agip a Port Harcourt. Secondo ENI, di cui Agip è controllata, l'attacco ha preso di mira principalmente la banca installata sul sito. Il gruppo ha affermato di non avere dettagli sul collegamento o meno del raid ai ribelli nella regione del delta che hanno preso di mira l'industria petrolifera per diverse settimane.

"Questa è una rapina riuscita", ha detto il console generale italiano a Lagos, a proposito dell'attacco, molto ben organizzato e lanciato da due barche veloci. Gli aggressori indossavano divise mimetiche e berretti. Erano armati con AK-47. Il console ha precisato che nessun espatriato, quindi nessun italiano, era stato ucciso, contrariamente a quanto inizialmente detto dai testimoni.

Scopri di più

Leggi anche:  Il ritorno della massa ordinaria mancante

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *