la nostra immondizia

Cosa succede ai nostri rifiuti?

I nostri bidoni della spazzatura traboccano. Ogni anno un francese genera in media 434 kg di rifiuti domestici. Ma cosa succede a queste montagne di spazzatura?

Per molto tempo la scelta per i gestori dei rifiuti è stata semplice: discarica o incenerimento (con o senza recupero energetico). Insomma, ce ne siamo liberati senza preoccuparci troppo delle conseguenze. La situazione, tuttavia, sta cambiando ed ecco i dettagli di quello che è successo ai nostri rifiuti in Francia nel 2002.

distribuzione di massa dei rifiuti in Francia

In entrambi i casi 2002:

  • 41% dei rifiuti domestici è ancora sepolta mentre questo destino dovrebbe essere riservato per i rifiuti finale.
  • Il 41% viene incenerito con il recupero energetico. Nel 2004 questo recupero avrebbe generato 3340 Gwh di energia elettrica e 814 Ktep di calore (fonte DGEMP).
  • 3% sono ancora incenerito senza recupero di energia. Parte delle scorie è valutato.
  • L'8% è soggetto allo smistamento del materiale, ovvero i materiali facilmente riciclabili vengono separati. Ma le nostre cifre non specificano se questi materiali siano effettivamente riciclati.
  • Solo il 6% viene compostato, mentre il 28% dei nostri bidoni sono rifiuti compostabili.
  • 1% è valutato dalla digestione anaerobica.

Possiamo quindi vedere che ci vuole molto tempo per mettere in atto una gestione dei rifiuti veramente rilevante. Senza risalire al 41% dei rifiuti domestici messi in discarica, ci si può interrogare sull'apertura di nuovi centri di incenerimento (vedi la polemica di Fos-sur-mer). Se è vero che oggi quasi tutti gli inceneritori recuperano l'energia di scarto da un punto di vista energetico, i problemi delle emissioni di tossine rimangono comunque. L'incenerimento porta soprattutto alla scomparsa della maggior parte delle materie prime e quindi vieta il riciclaggio. Per questo motivo l'incenerimento dovrebbe essere riservato ai rifiuti che non possono essere assolutamente recuperati in altro modo: questo è tutt'altro che il caso attuale. Eppure l'attuale politica francese tende ancora a favorire l'incenerimento.

Solo il 6% dei rifiuti domestici viene compostato mentre i rifiuti putridi rappresentano il 28% del peso dei nostri bidoni. Questo fenomeno è conseguenza della mancanza di selezione alla fonte: è fondamentale predisporre una gestione dei rifiuti putricabili separata da quella dei rifiuti che non lo è. Un tale sistema consentirebbe anche lo sviluppo della biometanizzazione, che è un recupero energetico dei corpi organici molto più “ecologico” rispetto alla collocazione di questi rifiuti negli inceneritori.

Infine, l'8% dei rifiuti domestici viene selezionato per il riciclaggio. Perché questa percentuale è così bassa rispetto al 50% di tedeschi e svizzeri? È ovvio che la Francia è in ritardo in questo settore.

Da un lato i settori non sono ancora sviluppati ei costi rimangono alti, dall'altro l'istruzione dei francesi non è ancora completa in questo settore. Perché lo smistamento selettivo quotidiano è un vincolo (ma non così terribile): richiede che conosciamo la natura dei nostri rifiuti e che adottiamo nuove abitudini - per non parlare della necessità di aumentare il numero di bidoni e per conservarli.

Occorre quindi uno slancio politico per questo progetto, sia a livello statale per dare direttive forti, sia a livello comunitario per organizzare la gestione razionale dei rifiuti. Per quanto riguarda i cittadini, sono un collegamento essenziale perché è riducendo il volume dei loro bidoni attraverso acquisti ragionevoli e uno smistamento intelligente che renderanno il sistema economicamente sostenibile. Non dobbiamo dimenticare che ognuno di noi paga, tramite le nostre tasse locali, la gestione dei nostri rifiuti. Più sprechi significa tasse più alte, sta a noi non entrare in questo circolo vizioso!

Per saperne di più

- Riciclaggio carta, cartone e plastica
- Riciclaggio del vetro, metallo e Tetra-Pack
- 32 risponde alle domande sui rifiuti domestici relativi al packaging
- Relazione di G. Miquel all'Ufficio parlamentare per la valutazione delle scelte scientifiche: “Riciclaggio e valutazione dei rifiuti domestici”, 1999.

Leggi anche:  Biogas in Africa

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *