Nuovo processo per ridurre le diossine nei processi di combustione aggiungendo rifiuti contenenti zolfo

Ricercatori dell'Istituto di ricerca sulla chimica ecologica del centro GSF
nei pressi di Monaco hanno sviluppato un nuovo processo che riduce notevolmente le diossine nei gas di scarico degli inceneritori. Attraverso
aggiunta di legami di zolfo non tossici, hanno raggiunto a
riduzione delle diossine fino a 99%.

Dal momento che, d'altra parte, i rifiuti domestici ordinari ne contengono
parte dei legami di zolfo, questo processo apre completamente le prospettive
notizie, in termini di riciclaggio per la combustione dei rifiuti, ma anche
per altri dispositivi di combustione come le centrali elettriche a carbone. Egli
Ciò significherebbe aggiungere una parte dei rifiuti domestici al carburante
selezionati contenenti questi legami di zolfo per consentire di ridurre
le emanazioni di diossine.

Un brevetto è stato depositato in Germania presso l'ufficio brevetti europeo,
costituendo un passo importante nello sfruttamento dei risultati di questo progetto
sovvenzionato dall'Unione Europea. Secondo Karl-Werner Schramm, il
Direttore dell'Istituto di Chimica Ecologica del Centro GSF, lo è
ora è necessario effettuare una serie di prove sulla scala di
inceneritori industriali. Il signor Schramm e i suoi colleghi stanno guardando
un partner industriale che mette a disposizione le proprie strutture
continuare la loro ricerca.

Leggi anche:  Nuovi video disponibili

Contatti:
- GSF - Forschungszentrum fur Umwelt und Gesundheit / Presse- und
Offentlichkeitsarbeit, tel: + 49 89 31 87 24 60, fax: + 49 89 31 87 33 24,
e-mail: oea@gsf.de
Fonti: Depeche IDW, GSF Center Press Release, 22 / 09 / 2004
Redattore: Jerome Rougnon-Glasson,
jerome.rougnon-glasson@diplomatie.gouv.fr

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *