L'oro nero e oro giallo

Parole chiave: HVB, HVP, HVV, biocarburanti, tronchi da triturazione, produzione, decentrato, energia pulita, CO2

Ecco il carburante alternativo per eccellenza, questa volta per i motori diesel: Pure Vegetable Oils o HVP. In effetti, questi motori dalle virtù indiscutibili, rappresentano oggi le maggiori vendite in Francia e in particolare per il 4 × 4 e i loro cugini SUV ibridi. L'Europa da anni dà il via libera all'HVP, ma come in un famoso fumetto gallico “Tutta l'Europa è conquistata. Qualunque? No, perché un piccolo paese resiste ancora all'invasore "

Perché?

Le Syndrome du Titanic

Questo è il titolo rivelatore di Nicolas Hulot libro sul suicidio e comportamento altamente irresponsabile dei leader economici e politici della società ricche. Ricchezze? Attrezzatura Sì, ma il buon senso, no.
Attualmente, l'industria produce ancora più gas serra dei trasporti, ma questi stanno aumentando in modo allarmante e dovrebbero presto diventare il settore più inquinante ... Il problema con queste attività è che usano combustibili fossili che olio. Ma il principale difetto comune di queste energie primarie, con il gas o il carbone, è il loro apporto di gas serra, compreso il mezzo C02, in un tempo brevissimo, se si pensa ai 400 milioni di anni di stoccaggio da parte di natura! Sei ancora scettico? Le analisi dei gas intrappolati nei nuclei profondi al Polo Nord mostrano un'ovvia correlazione tra l'aumento del tasso di C02 e quello della temperatura media. Sappi che è già aumentato di 0.6 ° in appena 1 secolo. Conseguenze? Sono innumerevoli ed estremamente gravi per tutta la vita sulla terra, compresa la più fragile: la nostra! Questi includono, ad esempio, lo scioglimento dei banchi di ghiaccio d'acqua dolce, l'interruzione delle principali correnti marine che regolano il clima globale, i cicloni, l'innalzamento del livello del mare per espansione termica, l'aumento delle precipitazioni, torrenziali o meno. , nelle regioni temperate e al contrario, una desertificazione accentuata nelle regioni meridionali. Ora l'equilibrio è sconvolto e dal 1950 l'aumento delle emissioni di gas serra è esponenziale e direttamente proporzionale alle nostre attività e alla crescita economica (il famoso + 3% annuo…)! Per non parlare del logico esaurimento di queste risorse, la terra può già riciclare solo la metà dell'attuale CO2, che si sa, non è di gran lunga il peggior gas serra. Bisogna però capire che chi consuma di più inquina di più, con i metodi attuali. A questo livello, Nord America, Europa, Russia e Australia, che rappresentano solo 1/4 della popolazione mondiale, utilizzano 2/3 dell'energia prodotta! Un tasso insostenibile a livello globale con i nostri 6.5 miliardi di esseri umani poiché ci vorrebbero 5 volte le risorse della terra per vivere tutti come… americani! E cosa possiamo dire nel 2050, quando saremo vicini ai 10 miliardi? Questi squilibri flagranti e crescenti favoriscono tensioni, anche estreme, come la guerra o meglio la sua versione moderna, il terrorismo.

Non è la strada che governa!

Questa piccola frase omicidi di Raffarin la dice lunga sulla mentalità immutabile dei nostri "grandi" leader spesso fuorvianti, e spiega da sola, 99% dei nostri problemi. Se la politica stava prendendo decisioni razionali, non ci sarebbe più attacchi ma, troppo spesso, i consulenti sono più che il portavoce lobbisti ben pagati egoista e avido. E ci si chiede se la sfortuna di non farebbe la felicità degli altri ...
parte politica così c'è speranza. A meno che i settori di etanolo nelle mani di grandi colza agricoltori, frumento e barbabietola da zucchero dall'altro lato Diester e. Energeticamente male dal pozzo alla ruota o generale, se si preferisce, questo settore ha solo "vantaggio" per mettere a fuoco e la produzione di questo carburante alternativo nelle raffinerie esistenti. Ma, come ha sottolineato di recente, Christian Brodhag, il Interministeriale Delegato per lo sviluppo sostenibile "Le piccole dimensioni delle strutture (HVP, NDLA) transazione pone anche problemi tra tutti gli attori che sono necessarie per la loro attuazione. decisioni di sistema centralizzata di energia è più facile che in un sistema decentralizzato. Ci rendiamo conto oggi queste difficoltà nella distribuzione di energia eolica in Francia. (Parco ridicolmente basso e attualmente quasi fermato dalla Lobbie FES NDLA) "Eppure, queste micro-produzioni eviterebbero di trasporto costosi e creerebbero alcuni lavori in tutto il mondo, non è vero? Egli ha aggiunto "Il contesto dello sviluppo sostenibile implica infatti di ridurre al minimo i costi economici e sociali di modifiche apportate di produzione e di consumo necessari per ridurre le nostre emissioni. Due piste principali in grado di ridurre tali costi:
· La tecnologia che permette un risultato più efficiente a costi inferiori
· Opportunità di ricerca in lavori economici e, nuovi servizi e nuovi prodotti. Il significativo sviluppo delle energie rinnovabili, pertanto ci pone nuovi problemi, per loro stessa natura. "
Leggendo tra le righe e con un po 'di buon senso, è facile vedere che la situazione politica è legata a questi effetti pubblicitari. Prendiamo ad esempio l'ultima riga tratta dal discorso di cui sopra “alla ricerca di opportunità ..”: le elencheremo su carta e soprattutto… non faremo nulla di concreto. Ancora un altro ragionamento apertamente egoistico indotto dalle lobby dominanti mentre lo squilibrio globale in rapida crescita tra paesi ricchi e poveri ci minaccia con il peggio a breve termine. Infatti, in meno di due secoli, stiamo rilasciando carbonio, principalmente attraverso il petrolio, che la natura ha immagazzinato per buoni motivi di equilibrio vitale, certo. Per chiudere questo capitolo politico, da cui dipende la nostra sopravvivenza, aggiungiamo che l'Europa autorizzata dalla Direttiva 2003/30 / CE del Parlamento Europeo e del Consiglio dell'8 maggio 2003 volta a promuovere l'uso di biocarburanti o altri combustibili rinnovabili in trasporto
“Grazie ai progressi della tecnologia, la maggior parte dei veicoli attualmente in uso nell'Unione europea può già utilizzare una miscela debole di biocarburanti senza grossi problemi. Gli ultimi progressi tecnologici consentono percentuali più elevate di biocarburante nella miscela. In alcuni paesi sono già in uso miscele con il 10% di biocarburanti e oltre. "

Leggi anche:  L'olio è nel prato

Come possiamo immaginare, le energie rinnovabili possono svolgere un ruolo importante, ma attualmente sono limitate al 10% del consumo di energia in Europa, raggiungendo il 21% entro il 2010 secondo le normative attualmente in vigore. I biocarburanti - etanolo, metanolo e biodiesel - dovrebbero scendere dal 2% nel 2005 al 5,75% nel 2010, il che è, dal punto di vista ecologico, abbastanza insufficiente. In Francia, attualmente sono incorporati solo fino all'1% nella benzina e nel diesel, nonostante 180 milioni di euro di incentivi fiscali all'anno. I professionisti di questi settori attendono con impazienza altre misure fiscali e normative, ma il governo rimane in silenzio su questo tema.
E anche se la Francia è quello di aumentare la quota di biocarburanti meno tassati sotto la TIPP (tassa interna sui prodotti petroliferi) o ICT ora (imposta nazionale sul consumo!), Lei curiosamente "dimenticato" il più promettente e di gran lunga, di questi nuovi combustibili: olio di girasole vegetale. Mentre il Farm Bill sarà passato questo ottobre la IFHVP ha proposto due emendamenti ragionevole articolo 12 che permettono solo il consumo agricolo di HVP come un esperimento. Quest'ultima siamo d'accordo con la direttiva 2003 / 30 / CE da applicare nel diritto in Francia dal gennaio 1, che non è il caso, che avresti capito!

HVB, HVV o HVP?

Leggi anche:  Micro-CHP semplice con olio vegetale

Il petrolio greggio vegetali, Virgin o Pure? Il termine di successo europea HVP è per l'olio vegetale puro. Questa è l'unica domanda che rimane sulla olio di girasole vergine estratto per semplice pressione meccanica o di schiacciamento. Poi un semplice assestamento H 72 00 e 5 micron di filtraggio, consentendo centinaia di migliaia di veicoli diesel in Germania, Austria e Irlanda, in particolare, di ridurre le particelle e di avere un CO2 equilibrio "pozzo alla ruota" vicino a zero! Meglio perché non tornare indietro e, infine, riciclare tonnellate 500 000 privi di oli di frittura industriali, comunità o ristoranti che di solito finiscono in natura? Si noti qui che ci sono anche biodegradabili motori di oli vegetali il più efficiente motore a base di petrolio per 4 e 2 tempo e oli idraulici ampiamente utilizzato in Austria e in Germania utilizza principalmente foresta ...!
Tornando al carburante HVP, è bene sapere che il suo motore Rudolf Diesel funzionava inizialmente con olio vegetale di arachidi come durante la sua dimostrazione pubblica all'Esposizione Universale di Parigi nel 1900. Una caratteristica particolarmente interessante e applicata per i militari ... Le ben consigliate petroliere offrirono rapidamente il loro "petrolio di petrolio" come sostituto e M.Diesel dovette persino "sparire" dalla barca portandolo in Inghilterra nel 1913 per diesel i sottomarini inglesi ...

Parlando e politica di ritorno

Mettere olio vegetale puro in un motore diesel è doppiamente vantaggioso perché le rese di produzione di questo olio possono raggiungere 7,5 cioè con l'equivalente di un litro di olio utilizzato per produrre , schiacciare, trasportare i semi oleosi, possiamo prelevare 7,5 litri di olio equivalente sotto forma di 4 litri di olio, quindi ne restano 3 da vendere, e 3,5 di equivalente energetico alimentare sotto forma di farine grasse per l'alimentazione animale in sostituzione delle importazioni (OGM?) dal Brasile o dagli USA.

Un'altra cosa, 1 litro di petrolio è energeticamente equivalente a 1 litro di gasolio ma non rilascia CO2 e riduce del 75% le sostanze incombuste sospettate di generare da 3 a 6mila decessi all'anno, nella sola Francia. Infatti, mentre gli ingegneri "sanno come fare" e producono prototipi di auto che consumano in media 3 L / 100 km di benzina nel ciclo urbano, 90 e 120 km / h, nel 1984 (Citroën Eco 2000, Peugeot VERA e Renault VESTA 1 poi 2), da 20 anni nulla viene commercializzato!

Leggi anche:  Olio vegetale puro: rapporto dell'ingegnere

Solo i nostri vicini tedeschi sempre più lucido e spesso i tecnici migliori che abbiamo "osato" vendere Audi A2, Volkswagen Lupo 3 L con motori TDI a tre cilindri che mostrano le più alte rese di produzione corrente con oltre 40% , massima. Prima di loro, in 1977, loro connazionale Ludwig Elsbett aveva sviluppato un motore di poli-carburante con olio di girasole, naturalmente, con già un rendimento complessivo del 40%! Con questa soluzione, più inquinamento spostato dalla produzione di energia elettrica non rinnovabile, le lunghe e pericolose superpetroliere di trasporto, la raffinazione pericolosi e inquinanti, il trasporto con cisterne e dimentico. Inoltre, questo olio è biodegradabile, esempio Incidente fiamma e può assumere il ruolo del petrolio in tutte le sue attuali applicazioni con lo stesso cibo delicious ... odore! Questa cagna è possibile per molti corsi brevi e trasferito in cui i consumatori sono. Più o meno le consegne di carburante e più paura di tipica carenza di energia centralizzata per un migliore controllo ...?

Gettare in un girasole facile da coltivare, con poca acqua, senza fertilizzanti e bestiame per il cibo in seconda rivalutazione invece di importare 70% del nostro fabbisogno negli Stati Uniti sotto forma di farina di soia GM! Con il girasole, i rifiuti possono anche essere aggiornato in combustibile solido e fertilizzante naturale. Chi lo dice meglio? Nessuno ! E soprattutto non questa corrente alibi politico chiamato Diester, così costoso e inquinante raffinerie di petrolio per produrre, è costituito solo 30% del Bio diesel

E 'chiaro che le lobby del petrolio associati o no, i produttori sono potenti come avido di obiettivi a breve termine. Si consideri che oggi, in 2005, con già più di 650 milioni di auto "classico" e quindi altamente inquinanti in tutto il mondo, è il momento di reagire. Quale sarà questi stessa energia multinazionale quando i suoi clienti saranno tutti malati o morti? Ci hanno fatto camminare sulla testa e siamo tutti frustrati da questi blocchi macroeconomici del WTO (Organizzazione Mondiale del Commercio) e il FMI (Fondo Monetario Internazionale)! Quindi, per evitare il disastro in corso, del petrolio e costruttori preoccupati per i loro profitti, soprattutto, deve logicamente ripristina questa industria globale per il futuro e la propria sopravvivenza. oro giallo dovrebbe sostituire l'oro nero oggi, aspettando ancora meglio con l'estremità dei motori termici.

Nella nostra seconda parte, vedremo le attuali azioni dei cittadini e le loro applicazioni di HVP sulle auto attuali che dimostrano la loro fattibilità e che sono i semi di questa rivoluzione "gialla"!

Marc ALIAS

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *