Oro verde da residui minerari

Considerato a lungo un problema ambientale, le rocce di scarto delle miniere potrebbero infatti aiutare a combattere il riscaldamento globale assorbendo alcuni dei gas serra responsabili del cambiamento climatico. Greg DIPPLE, professore presso il Dipartimento di Scienze della Terra e dell'Oceano presso l'Università della British Columbia, ha studiato la capacità di questi residui rocciosi di intrappolare in modo sostenibile l'anidride carbonica (CO2).

Secondo lui, questo fenomeno, naturale su scala temporale geologica, si manifesterebbe molto più rapidamente sui residui ricchi di silicati di magnesio come quelli delle miniere di nichel, diamante, crisolito, platino e quelli di alcune miniere di 'oro. Il processo di carbonatazione minerale permette alla CO2 disciolta nell'acqua piovana di reagire con la silice sulla superficie della roccia. DIPPLE ritiene che sia quindi possibile intrappolare in questi rifiuti tutta la CO2 prodotta dall'estrazione stessa, trasformando così questa industria in un'industria pulita in termini di emissioni di gas serra. è molto veloce su alcuni siti, si nota appena su altri.

Leggi anche:  noci sapone, biancheria naturale ed economico.

 Il passo successivo della ricerca è quindi modellare il processo e capire come migliorare il tasso di assorbimento di CO2 a un costo ragionevole per gli operatori minerari. Sembrerebbe che l'efficienza dell'assorbimento di anidride carbonica vari a seconda dei mezzi messi in atto per trattare i residui minerari, sebbene inizialmente scettiche, le società minerarie stanno cominciando a guardare con interesse alla questione.

Contatti:
- UBC Public Affairs:
public.affairs@ubc.ca
Fonti: rapporti della University of British Columbia, 10/01/2005
Editor: Delphine Dupre, VANCOUVER,
attache-scientifique@consulfrance-vancouver.org

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *