Backyard paglia terra pigro

Did67 Lazy Potager: giardinaggio senza sforzo con il fieno

Le orto pigro : giardinaggio senza fatica con fieno. Hay: un super-materiale “4 in 1”

DR foto: Didier Helmstetter.

Foto introduttiva: verdure coltivate in un terreno che non è mai stato lavorato - niente vanga, niente piccone, niente zappa, niente grelinette… E ovviamente, senza l'uso di una motozappa!

L'utilizzo del fieno, al posto di altri materiali (paglia, compost, corteccia, foglie morte, ecc.), È la chiave del sistema. Svolge 4 ruoli essenziali, che consentono al giardiniere di oziare.

In primo luogo, come ogni copertura opaca (se lo spessore è sufficiente), blocca le erbacce annuali, che non germinano più. Non c'è bisogno di zappare o disegnare.

Quindi, mantiene un'intensa vita biologica nel suolo, in particolare con i lombrichi (in particolare quelli del gruppo dei "vermi anecici", che scavano gallerie verticali). Saranno numerosi e molto attivi perché ben nutriti. In realtà, è un'intera armata di organismi che si mettono al lavoro per "lavorare" e costruire il suolo. Questa attività provoca la secrezione di glus. Mette in moto un processo di "aggradamento" del suolo (l'opposto di "degrado"). Quindi naturalmente, senza alcun lavoro, questo porta, in pochi mesi, ad un terreno “che sembra cuscus”. Non c'è bisogno di scavare o passare la grelinette. “E soprattutto, non usate un timone, che massacra i vermi triturandoli! "

Leggi anche:  Il clima preoccupa l'amministratore delegato di Lloyd
Giardino pigro: vermi e paglia
"Grattando" un po 'i vermi sono ovunque, sotto la coperta che li nutre e li protegge ...
Il giardino pigro: getti
I "rigetti" sono i segni di un'intensa attività di un gruppo di vermi - i vermi "anecici", che sono i veri ausiliari del giardiniere, quelli che scavano gallerie verticali ... Perché ci sono "vermi e vermi"!

Inoltre, la copertura protegge il suolo e i suoi organismi dagli attacchi: i “grumi” (aggregati) che si formano non vengono degradati dall'impatto delle gocce di pioggia; anche in caso di violente tempeste, e nonostante la pendenza, non ha traccia di erosione, né particelle fini spazzate via; la fertilità rimane. Protetto dal vento e dal sole, il terreno è mantenuto umido, il che favorisce l'attività degli organismi e la crescita delle piante. Non c'è bisogno di diserbare per mantenere il terreno sciolto e arioso.

Infine, la decomposizione del fieno fornisce al terreno, e quindi alle piante, tutti i nutrienti essenziali per la loro crescita. E non solo i pochi elementi "principali" (i famosi NPK) che aggiungiamo con i fertilizzanti. Questi elementi sono stati prelevati dal prato, durante la crescita dell'erba, che ha assorbito tutto ciò di cui una pianta ha bisogno. Il fieno è quindi anche un "concime organico molto completo", a lenta cessione poiché deve essere prima scomposto, che avviene naturalmente in base alla velocità di crescita della pianta (seguono gli organismi del suolo che se ne occupano. anche il ritmo delle stagioni). Non c'è bisogno di fertilizzare! Anche il letame, "che è solo ciò che resta del fieno quando è passato attraverso il tubo digerente degli animali, che vi hanno portato i loro nutrienti, mescolati a paglia, anche più poveri", non interessa!

Leggi anche:  I ricercatori della TU di Berlino sviluppano un motore pulito ed efficiente
Lazy garden lettuce, casa più che biologica
Lattuga coltivata senza lavorazione del terreno, senza concimazione, senza alcun trattamento… masticabile!

Queste, in poche parole, sono le “sorgenti naturali” su cui si basa questo approccio… E questo spiega perché i risultati sono così spettacolari.

Da notare che la paglia (tranne quando si utilizza paglia "organica") contiene residui dei vari trattamenti a cui è sottoposto il cereale, tra cui fungicidi spesso irrorati solo poche settimane prima della raccolta, accorciatori, erbicidi, mentre il il fieno dei prati naturali non è stato generalmente trattato. “Un motivo in più per preferire il fieno alla paglia! "...

Ultima sorpresa: "Va anche notato che questo modo di fare funziona molto meglio e più velocemente installando il tuo orto in un prato o in un prato o anche in una terra desolata". In un orto "classico" il terreno sarà stato randellato e in parte avvelenato, la popolazione di vermi anecici sarà bassa o addirittura inesistente in caso di uso intensivo della motocoltivatrice, fertilizzanti minerali e alcuni pesticidi, anche "organici" (rame , comunemente usato in "biologico", è un veleno per il suolo, vermi, funghi, micorrize; si attacca ad esso). Nel caso di un terreno del genere, a volte sarà necessario perseverare per una mezza dozzina di anni prima che i meccanismi naturali prendano il sopravvento! In un prato bastano 6 mesi o 1 anno perché tutto sia “al top”!

Leggi anche:  Mitsubishi i-Miev in vendita a 33 500 euro per professionisti

Bonus: il video che presenta il Didier Sillon'net, piccolo strumento della sua ideazione (con l'aiuto dei soci della forums del sito web Econology) Per tagliare il fieno per terra

Altro:

Monitoraggio lavori sul giardino di Didier H. da 2014

Introduzione al Kitchen Garden Sloth

48 commenti su "Le Potager du Laesseux Did67: giardinaggio senza fatica con il fieno"

    1. Una volta installato, il convolvolo è davvero un problema. Nel "giardinaggio classico" come nel mio modo di fare le cose. Anche il famoso e controverso erbicida del controverso marchio promette la sua eliminazione. Puoi provare, ma tornerà!
      Il meglio, quando puoi: parti da un prato non inquinato, senza convolvolo, e non installarlo (acquistando o cambiando piante).
      Da parte mia metà del giardino è vergine e l'altra metà è un vecchio giardino, ridiventato prato, "moderatamente" contaminato. Dato che mi risparmio un sacco di lavoro, passo alcuni minuti al giorno a tirarlo fuori, il più profondamente possibile. In due o tre anni è sfinito, dopo essersi "bonzaizzato". Finché non gli dai la minima possibilità - non appena ci sono le foglie, il rizoma "si ricarica" ​​di energia.
      Il soggetto viene avvicinato più volte in econolgie: https://www.econologie.com/forums/agriculture/jardiner-plus-que-bio-en-semis-direct-sans-fatigue-t13846.html [usa "convolvolo" nel motore di ricerca interno del sito]
      The Lazy Gardener

      1. Ciao
        Quando e come acqua nel pacciame permanente?
        Sono nuovo e ho trovato queste informazioni indicano che per la maggior parte delle piante non è consigliabile bagnare le foglie
        C'è un video per favore sull'argomento?

    2. Mr. Didier,
      Devo raccogliere il fieno, per il mio giardino, se raccolgo l'erba tagliata (falciata) lungo una strada dipartimentale (D606), sarà inquinata o no?
      merci de votre réponse

      Paul G. (89)

    1. Per quanto ne so, non è la regione o il tempo che conta.
      Il metodo è efficace solo contro le infestanti annuali, che vengono riseminate ogni anno. E questo a due condizioni: a) mantenere uno strato in modo permanente, durante tutto l'anno; b) mantenere uno strato abbastanza spesso da "bloccare" la luce (io metto una ventina di cm di fieno impacchettato a fine autunno o molto presto a fine inverno. Non è contro le erbacce "perenni". , che sopravvivono sottoterra di anno in anno; in primavera producono scarti, dalle riserve accumulate in un organo: rizoma, tubero, moncone ... Questi, li strappo. si allenta dopo un anno di copertura, si estrae senza difficoltà l'erba, le sue radici, il suo organo sotterraneo (tranne il convolvolo!) e anche le piante perenni regrediscono molto velocemente.
      Infine, per essere completi, non dovresti cercare la perfezione: la prima domanda da porsi è "questo danneggia il mio giardino?" ". Lascio sempre le erbacce sulle parti non occupate dagli ortaggi: producono biomasse che alimentano i miei vermi; mantengono organismi viventi nel suolo grazie alla secrezione delle radici nella "biosfera". Perché preoccuparsi di seminare il concime verde?
      The Lazy Gardener

  1. Ciao, nel prato come fai a mettere in cultura, solo il fieno non ti basta o semini nel fieno e non in terra ???? Non ne so molto. grazie

    1. Nel prato, il primo anno, non semino. Falso, copro con uno spesso strato di fieno e pianto (piantine allevate in vaso), anche se il terreno è "duro" ... E così tiro su delle "perenni", che lo bucano. Circa 6 mesi dopo, non c'è traccia delle "erbe". In autunno o nell'anno successivo posso seminare senza problemi con i miei solchi ...
      Ma è sempre meglio seminare in terra, nei solchi. Dato che il fieno serve anche a "bloccare" la germinazione delle annuali, bloccherà la germinazione di ciò che semini - non fa differenza! Quindi devi aprire i solchi, in modo che la luce raggiunga il terreno e semini lì dentro, dal secondo anno in poi.
      Capirai che non è stato possibile per me spiegare tutto in un articolo. Vi invito a seguirci sull'econologia, dove questo è meglio spiegato in 140 pagine!
      Didier, il Lazy Gardener.

  2. Mi alleno un po 'così; un po 'di lavorazione del terreno e molto pacciame (fieno, falciatura ...).
    Sono d'accordo con Didier, ma ho 2 problemi:
    Merli che hanno sistematicamente sconvolto il mio pacciame ... e le piantine con esso! (più fieno metto, più merli ho). Come cacciare i merli?
    Talpe che si nutrono di lombrichi e trasformano il terreno in montagne russe ... tagliando alcune piante sul loro cammino. (Ne intrappolo una dozzina ogni anno, ma arriva sempre).
    Diventa un grosso problema, al punto in cui penso che temporaneamente fermo pacciamatura.
    Ho anche avuto un'infestazione di formiche sotterranee e afidi delle radici nella mia serra per 2 anni, ma non credo che questo sia correlato alla pacciamatura. Come sbarazzarsene?
    ... Ma chi non ha le sue piccole preoccupazioni!

    1. Scusa, avevo saltato, al momento:
      - Ho lo stesso problema con i merli; sono attratti dai vermi "sopra la testa" (di superficie), una prelibatezza per loro; Appendo reti per uccelli sulle piantine; per le piante più sviluppate non provoca più danni ...
      - Non pensavo che le talpe potessero raggiungere un tale sviluppo e diventare parassiti; sono infatti attratti dai vermi; possono tagliare le radici sul loro cammino ma non fanno lo stesso danno delle arvicole terrestri o dei topi talpa, che ho in massa; e che io intrappolo ...
      - ho avuto, quest'anno, anche formiche e afidi delle radici (credo che sottoterra come fanno sulle piante, le formiche "allevano" e mungono gli afidi); Lo attribuisco allo squilibrio creato dalle piogge eccessive all'inizio dell'estate, dal terreno troppo freddo e dalla mancanza di aiutanti quest'anno ... La serra è un "sistema complesso", altro artificiale. Non ne ho ancora uno ma ci sto pensando ...

    2. ciao per i merli ho messo metallo trasparente, no sto scherzando, ho messo la rete con una maglia di 75 X 100 mm che ho messo a terra. Ho trapiantato tra i punti. se ho seminato passo di tanto in tanto e dirigo le foglie se necessario. per le talpe prendete una ciotola con il bordo arrotondato, interratela in modo che questo bordo sia a filo del terreno, metteteci dentro 5 cm di acqua in modo che la talpa impari a nuotare, e soprattutto annaffiatela bene intorno. l'umidità attrae verso cui attirano le talpe. per gli afidi uso molto assenzio in infuso + sapone nero e anche letame di pomodoro (foglie o buongustai) non faccio più compost ammucchiato in un angolo dell'orto metto tutto tra piante o ortaggi e natura fai il resto a che serve stancarti
      nel 2016 ho usato 400l di acqua, spray inclusi

  3. Sono passate alcune settimane da quando ho iniziato ad adescare l'orto di un bradipo, vedi: https://www.econologie.com/forums/agriculture/comment-commencer-un-potager-du-paresseux-les-etapes-et-conseils-t14895.html

    Penso si possa aggiungere un 5 ° effetto (indirettamente incluso nel termine "protezione" nel 3 ° della lista di Didier ma credo che meriti una precisazione): è l'effetto di protezione termica!

    In effeti; più che la paglia utilizzata in permacultura, un bel fieno coperta protegge termicamente il terreno: Ho notato ogni volta che mi calo il compostaggio cibo la sera sotto lo strato di fieno, ci sono pochi gradi di differenza di temperatura! Così che detta temperatura elevata detto significativa attività biologica!

    Vedo un inconveniente: in caso di "contaminazione", i "parassiti" (in senso lato) potrebbero non essere completamente uccisi dal gelo invernale!
    Il pensiero popolare (forse sbagliato ???) afferma che dopo un buon inverno freddo, il terreno è "decontaminato" ...

    1. Tutto dipenderà dalla durata dell'episodio freddo… Questo “appianerà” le variazioni di temperatura. Ma dopo 15 giorni di - 10 °, ciò non impedirà una certa pulizia ... D'altra parte, un furtivo - 15 ° una o due notti, avrà molto meno effetti ...
      L'isolamento rallenterà l'aumento della temperatura del suolo in primavera o alla fine dell'inverno. Allora sarà più un difetto. Sarà necessario coltivare la pazienza, prima di seminare o piantare. I cicli biologici saranno lenti ... La mia esperienza, tranne quest'anno!, È stata che tendeva a recuperare il ritardo con una crescita più forte in seguito ... Per essere qualificati ovviamente a seconda della coltura ... Per i primi ravanelli, forse dovremo aspettare ...

      1. Ciao Didier e grazie per aver condiviso la tua esperienza. Attualmente sono un orticoltore che pratica un sistema piuttosto "biointensivo" ma non sono soddisfatto. Mi trasferisco quest'inverno, il che mi dà la possibilità di ricominciare da capo e il tuo sistema mi attrae molto. Della primavera, che era proprio uno dei miei freni. Pensi che sarebbe possibile e redditizio rimuovere il pacciame a febbraio e marzo per riscaldare il terreno ed evitare una crescita stentata? In quanto "professionista", difficilmente posso permettermi un ritardo e non voglio coprire il mio giardino in serra per superare questo ritardo ...
        In alternativa, utilizzare il telo nero su pacciamatura, sarebbe efficace per aumentare la temperatura?
        grazie,
        giuliano

    1. No no. Dobbiamo "coltivare la pigrizia", ​​quindi fate il meno possibile. Lì, le erbe entreranno in una vita pigra, le foglie si guasteranno, il ceppo rimane. Vai oltre! Senza luce, non tornerà. Se lo metti abbastanza spesso, non sarà in grado di perforare.
      Solo le piante perenni riusciranno a sfondare (dente di leone, acetosa selvatica, cardo, piantaggine, convolvolo se ce ne sono ...). Nel primo anno bisogna estrarli il più delicatamente possibile, attraverso il fieno, cercando di ottenere le radici oi rizomi oi bulbi (a seconda della pianta).
      cordialmente
      Did67

  4. Buonasera,
    Ho un orto biologico, quindi lavoro con le grelinette, volevo sapere se devo eliminare le erbacce prima di mettere nel fieno, ho già fatto la stessa cosa, con la paglia.
    Merci de votre réponse
    Jeanne

    1. Lascia cadere anche la grelinette ... Nella migliore delle ipotesi, è inutile. Nel peggiore dei casi, è un po 'dannoso (meno della vanga ovviamente; molto meno della barra del timone, ovviamente) ...
      cordialmente
      Did67

  5. Didier Ciao, Grazie per aver condiviso la tua conoscenza, si mette solo la luce per libero, o semplicemente tu solo parlare.
    Da un anno ormai penso di cambiare vita, per motivi personali, e quindi di diventare un giardiniere del mercato e vendere anche i "derivati" dei miei raccolti. Da un anno guardo tutti i video che hanno un interesse per la permacultura, e ho fatto una constatazione che è allo stesso tempo triste e rassicurante: triste perché sei l'unico in Francia (guardo solo video di lingua francese) a esibire scientificamente (da parte la tua professione di agronomo) il funzionamento di una cantina, rassicurante perché hai osato farlo, e che finalmente possiamo imparare. Quindi penso di poter dire che in termini di permacultura (una parola un po 'antiquata nel nostro contesto) sei senza dubbio il più perfetto degli insegnanti. Anche se potresti perdere l'esperienza delle piantagioni associate o simili, ma le basi elementari di un sottosuolo perfetto vengono portate alla luce solo da te scientificamente.
    Tutti gli amanti della permacultura vedranno Damiens Dekarts e altre belle persone che
    una certa esperienza di permacultura che fa sognare noi (dilettanti). Ci fanno venire voglia di provare… ma tu ci dai la spiegazione scientifica di come arrivarci: diventa un allevatore di lombrichi e sviluppa il micelio. Niente più grolinette o altre assurdità così spesso viste tra coloro che affermano di essere permacultura. Senza rinunciare all'unguento, ma per ringraziarti, direi solo una cosa: la nozione di permacultura esiste dal 1928 in Giappone (se dobbiamo credere a Internet), ma il vero vero direttore di questa permacultura, il primo che ha ha evidenziato i fondamentali per arrivarci (allevatore di lombrichi) si chiama Didier67 nel 2016, con il suo fieno ... posso immaginarti troppo umile per dirlo pubblicamente, ma dopo un'attenta considerazione, mi dico che lo è Finché indossi il vero costume che meriti davvero: Inventor of Econology. è semplicemente la forma più perfetta di permacultura rivelata…. base di permacultura dell'econologia.
    Per tutto questo Didier, ti ringrazio e, a nome dell'umanità, ti ringrazio doppiamente.
    Firmato un uomo che ha finalmente le risposte alle sue domande.

  6. Ciao Didier. Un seguace del giardino più che naturale. Non mi hanno mai trattato niente. Il diserbo per me molto poco. Condivido il mio giardino con le "erbacce" all'improvviso alzo il passaggio di magnifiche farfalle con la piantaggine e sono felicissimo di vederle nutrirsi. carbone sui pochi cardi che lascio loro. la pulizia dei miei animali (conigli di capra) direttamente in giardino senza passare attraverso il compost, e per tutta l'estate l'erba tagliata sopra. Non ho mai rivoltato il mio terreno. ( comunque, non avrei la forza) Trasmetto le osservazioni dei miei vecchi vicini, alle 5 del mattino nel processo di diserbo di un giardino già nichelato di un terreno per tornare al giurasico e trattare deve quasi tutto nel caso … Le ho "battute" spesso con verdure più "belle".
    E quest'estate ho scoperto i tuoi video, una rivelazione per me. Finalmente spiegazione scientifica su cosa stava sculacciando nel mio giardino senza saperlo. Quindi quest'anno lo sto facendo bene. 20 cm buoni di fieno ovunque nel giardino. Conservavo ancora il letame animale per i carciofi e il rabarbaro.
    Me rimane il serre? Anche nel settore dei servizi, ho ancora mangiare pomodori, peperoni e lattuga.
    Anche il fieno? Ho ancora un buon strato di zolla dell'estate. Abbiamo bisogno di acqua per intonacare il fieno? D'inverno la serra si svuota, il terreno si secca e aspetta la primavera….

    nota personale, ho la mia fragola paglia con la felce in legno a terra, un paradiso per i lombrichi.

    1. Scusa, ho saltato un po 'questa discussione.
      Non annafferei in una serra. Tanto vale mantenere il fieno asciutto. Non bagnare le verdure. Annafferei le piante solo gocciolando, sotto il fieno o ai piedi di ogni pianta di pomodoro, melanzana, ecc ...
      Ma io uso palline rotonde, che srotolo. Il fieno è poi compatto e il resto se srotolato con cura, senza areazione.
      Per il fieno sfuso, lo imballerei nel miglior modo possibile, picchiettando con un forcone, o camminando su due assi su cui camminerei ...
      Ma non ho ancora una serra, quindi non posso "garantire" - utilizzo il condizionale ...

  7. Buonasera,
    Grazie per tutti questi commenti… Sto scoprendo e confermando quello che stavo praticando più o meno bene, quindi questo mi aiuterà.
    Attendo con impazienza la risposta al commento di Stéphanie del 16/11 per la sua serra. Ne ho uno anch'io e più pomodori ma è vero, negli altri anni resta vuoto e la terra secca.
    Quindi mi metto a spargere fieno ovunque. Una piccola speranza per soffocare il trifoglio che da 3 anni invade il mio giardino.
    grazie,
    Fatima

  8. Buongiorno,
    Quest'anno farò "l'orto di un uomo pigro", guardo tutti i tuoi video e trovo questo meraviglioso giardinaggio. Ho una domanda sulle lumache. Il mio orto ne è infestato. Nonostante le trappole della birra e il raccolto di lumache ogni notte. Come si fa? Hai una buona idea?
    Un grand merci
    Veronica

  9. Con quale entusiasmo che ti trovo io sono a Perpignan, lo farò.
    In questo contesto meridionale, sole e disidratazione, come gestire l'umidità necessaria Grazie per la tua risposta e la tua conoscenza

    1. Non gestisco l'umidità, nel senso di umidità nell'aria. Le mie verdure sono esposte al pieno sole, su questo giardino in pendenza a ovest e esposto a sud (ho solo una siepe a nord). Anche se a Perpignan l'intensità può essere un po 'più alta, non credo sia un grosso problema, a patto che il terreno rimanga bagnato.
      E lì, la copertura del suolo permanente svolgerà il suo ruolo, mantenendo il suolo umido e proteggendo le riserve d'acqua (entro certi limiti; nel 2015, un anno di siccità nella nostra regione, ho messo drop "; le piante consumano acqua e anche con i sistemi di copertura del suolo la riserva può finire per esaurirsi, poiché il serbatoio del carburante dell'auto più economica finirà per essere vuoto se guidi senza mai fare il carburante. pieno; nessun "miracolo" possibile).
      Viene aggiunta la presenza di funghi (vedi video su Youtube lo stesso): https://www.youtube.com/watch?v=69HMVyFelkI
      - i funghi hanno una "forza" di estrazione dell'acqua circa 6 volte maggiore di quella delle nostre piante (le nostre piante raggiungono un'aspirazione di circa 15 bar; i funghi a circa 90; il fungo da record mondiale a più di 900!
      - "immagazzinano" l'acqua nei loro filamenti
      - quindi l'associazione "fungo - radici", denominata micorrize, conferisce una notevole capacità di estrazione e ritenzione idrica, di cui beneficiano le piante [su internet, in relazione al tartufo, si fa una ricerca sul "bruciato ", Questa zona sotto un albero dove l'erba si secca perché i filamenti di tartufo" pungono "l'acqua].
      Se fosse necessario ombreggiare, è tramite un'alternanza di piante alte (arbusti), piantate in filari orientati nord-sud che lo farei. In questo modo, le verdure tra queste file sarebbero all'ombra per 3/4 della giornata.
      Ma non dimenticare mai che il sole è l'energia delle piante! Quindi non renderlo un "nemico" - a torto (tranne che per alcune rare piante da ombra). Questa è una delle tante "stronzate" che fanno molti giardinieri.

  10. Non ho un "grosso" problema di lumache, tranne l'anno scorso, con i due mesi umidi di maggio e giugno. Penso che i seguenti stiano contribuendo a questo:
    - tengo i sentieri erbosi; sono rifugi per i più importanti predatori di lumache, coleotteri di terra (questi insetti spesso lucenti e di un verde brillante), ma anche stafilini (questo non è il leggendario riccio!) ...
    - nessun ostacolo: niente sporgenze, niente assi o altro che possa ostacolare la circolazione di questi ausiliari.
    Di solito ho qualche lumaca alla fine dell'inverno: sono attivi più velocemente degli insetti; poi tutto è tornato alla normalità, il che significa che ho ancora qualche lumaca, che fa un danno limitato, ma all'improvviso anche i miei ausiliari hanno sempre qualcosa da mangiare. Soprattutto, non mirare a sradicarli ...
    Il mio principio fondamentale è che per non avere parassiti, dobbiamo "allevare" questi parassiti; attrae ausiliari ...
    Sto quindi installando, a pochi metri dal mio giardino, un "giardino del riccio" (nella speranza che ce ne sia uno che lo occupi), con piante molto attraenti per le lumache: le hosta , calendule, girasole, cardo blu (Eryngium) ... cerco sempre di combinare due o tre cose: utilità / bellezza / biodiversità (il cardo blu è molto carino, fa bellissimi bouquet; anche il girasole è carino e nutre gli uccelli, ecc.).
    Uno dei problemi con le lumache è che ci sono parecchie specie, ognuna con la sua "dieta". Ho trovato una grande arancia che "sguazza" su una calendula in pieno giorno, ma quando ho messo le calendule tra le mie piantine di carote per attirare le lumache, alle lumachine biancastre non importava. e si precipitò sulle carote; Ho dovuto raccoglierli a mano, al calar della notte ...
    Non so ancora tutto sull'ecologia delle lumache ... non ho necessariamente la soluzione ... Si noti inoltre che i "compost" (mal gestiti) sono spesso rifugi, perché alcune specie come la materia organica all'inizio del decomposizione…

    1. Buonasera,

      Per le lumache si dice tutto = il modo migliore per gestirle è secondo me averne un po 'e l'armonioso ecosistema del giardino finisce per essere equilibrato. Penso anche che la presenza di siepi e arbusti consenta agli uccelli di posarsi, sono formidabili predatori.
      Ma devi anche conoscere la bestia, per questo ti invito a guardare il video strabiliante di Hervé Coves "gestione olistica delle lumache" su youtube. Non vedrai più le lumache allo stesso modo!

      1. Buongiorno,
        In effetti, questo video permette di dare un'altra occhiata alle lumache, e quindi, all'orto ...
        Did67

    2. Bonjour Didier,

      Uso il BRF con successo da alcuni anni.
      Da 2 anni seguo il tuo metodo di pacciamatura ... con ottimi risultati se potessi fare la marmellata dalle lumache.
      Funziona alla grande per i lombrichi, gli arredi di superficie e tutte quelle specie viventi che lo accompagnano,…. comprese le varie lumache e altri roditori di piante. E c'è il disastro. Tutto ciò che cresce viene immediatamente rosicchiato di notte ... mentre dormo.
      Saranno tranquillamente digeriti nel giorno del fieno. Né visto né conosciuto!
      Non l'ho mai visto; Grappoli di lumache che si intrecciano tra piante di patate, ravanelli, fagioli, zucchine, melanzane, aglio himalayano,…. Tutto va lì e nessuna pianta ha il tempo di crescere.
      Per 2 settimane il metodo pigro (e le docce quotidiane) mi hanno costretto a fare limacicidi con forbici e lancio di lumache dalle 22 fino a tarda notte. Il giardino del pigro mi impedisce di dormire! Una vergogna; -)
      La popolazione è notevolmente diminuita, ma le foglie delle piante continuano ad essere bucate; Non posso determinare da cosa. Piccole lumache bianche impossibili da separare? Forbicine? Lumache marroni che escono dopo la mia notte? Continuo a ripiantare.
      Un altro problema l'anno scorso: l'arredamento è fatto in superficie ma lascia il seminterrato molto compatto ... che i topi topi adorano per le loro gallerie. Il mio metodo: dare qualche colpo nel fieno, per "scuotere" il seminterrato e rompere le gallerie esistenti, principalmente intorno all'orto. I wireworm non amano i terreni instabili.
      Confermo per la semina sotto un sottile strato di paglia; Non cresce

      Arvi Haute-Savoie

  11. Buona sera Didier

    Ho scoperto i tuoi video ieri. Da allora li divoro uno dopo l'altro.

    Il mio giardino è un antico bosco di conifere sulla sabbia. Sono passati 13 anni da quando ho iniziato con i legni duri sempreverdi o no. Per circa dieci anni, falco circa due volte all'anno. Per 2 anni ho notato un evidente sviluppo di funghi (bene la parte visibile), che mi sembra essere un buon segno.

    Il problema è che se mi sviluppare colture più fieno in loco. La vicina foresta piena di felci, mi vorrà conoscere la vostra opinione per il suo utilizzo nella copertura.

    cordialmente

    Michel

  12. Bonjour Didier,
    Sono appassionato dei tuoi video e presto inizierò il mio orto ... Solo che mi sono trasferito a Ile de LA REUNION dove ci sono solo 2 stagioni, 6 mesi di distanza dalla metropoli, senza paura di un ipotetico gelo… D'altra parte, parassiti e malattie….
    Qui non riesco a trovare fieno di prati naturali ma solo fieno di erbe seminate sui terreni più o meno orizzontali di scorie vulcaniche… Ma c'è un legume invasivo (desmodium intortum) che può arrivare fino a 1 m di altezza : in associazione con il fieno, questo dovrebbe fare il trucco ... (è soprannominato colla-colla per i suoi semi d'amore ...)

    Ho enormi problemi a trovare alcuni semi (ortiche, consoci ...)

    Riferirò sui miei test e ti invierò foto e commenti ...

    Presto per il vostro prossimo video ..

    merci encore

    Gerard

  13. Bonjour Didier,
    Ho imparato a conoscere i tuoi video da alcuni mesi e nel novembre 2016 ho deciso di entrare nel giardino del bradipo.
    Ho realizzato 14 assi di 1 mx 5 m con 50 cm di interasse per il passaggio, ho ricoperto il tutto con 10 cm di foglie di quercia del mio legno e 10 cm di fieno. Tutto il mio vecchio orto era coperto e ho riportato il mio timone nella mia stalla. Ho anche realizzato per prove 2 tavole di 1.20 mx 4 m convesse di 30 cm al centro. Per iniziare ho fatto crescere l'aglio, lo scalogno e i bulbi di cipolla in vaschette e li ho semplicemente messi spargendo il fieno sulle assi. Due settimane fa ho seminato i fagioli spargendo il fieno spingendo i fagioli per 2 cm nel terreno e mettendoci sopra del terriccio, avrei rimesso il fieno contro i piedi quando sarebbero cresciuti.
    Grazie per averci fornito tutti questi dettagli così gentilmente, per me, inizia a rendermi felice di aver messo via questa barra.
    Pepito47

  14. Per informazione, i bulbi di aglio, cipolla, scalogno non temono il freddo. Puoi altrettanto facilmente metterli direttamente nel terreno, sotto il fieno ... Quando sarà necessario "perforeranno". Proprio come fanno i tulipani, i narcisi, i narcisi ... Ottimizzare la pigrizia non è così facile: troppo spesso si rimane "convinti" che sia assolutamente necessario fare delle "manipolazioni", insomma, per complicarla. l'esistenza ... Un po 'una droga il cui ritiro non è così facile!
    cordialmente

  15. Ciao, sono due settimane che ho scoperto i tuoi video e grazie per la condivisione ,,, sono una signora di 58 anni fino a quando non mi sono limitata in giardino a insalate di ravanelli e qualche metro di pomodoro e melanzane e zucca… ho spazio ma non la salute e la motivazione per avere un giardino disciplinato come i miei vicini! `` Ho lettiera di paglia di compost e fieno di pecora ... improvvisamente ho sparso questo su una parte del giardino che era erba ma non lo è forse non è il momento giusto! ,,, cosa ne pensate? .. anche se non coltivo almeno le erbe non ricresceranno o meno… .mi sono ispirato dalla tua esperienza e ti terrò informato. ... grazie a te perché hai riacceso una motivazione! ,, grazie

  16. Ciao Didier

    Che piacere leggerti, ora affronterò la visione dei tuoi video. Una domanda, la nostra casa e il suo piccolo giardino (120m2) si trovano in cima a un piccolo passo di 650 m. Siamo spesso ventosi e temo che il fieno si rallegri in natura quando soffia. Sto progettando di utilizzare una rete a maglie quadrate da 50 mm per mantenere il fieno a terra. È una buona idea? Grazie in anticipo per la tua risposta

  17. Buongiorno,
    Scopro i tuoi video con molto interesse, grazie mille per queste preziose informazioni.
    Devo capire che possiamo, senza rimpianti, abbandonare l'idea del compostaggio visto che suggerisci di depositare cibo, erba e altri rifiuti direttamente sul terreno?

    Cordiali saluti,

    Christian Haerlingen
    Sperimentatore permacultura anno scorso nella regione di Liegi, in Belgio.
    0032 492 20 17 00

  18. Ciao, ti scrivo dal Canada. Mi sono imbattuto nei tuoi video. Mentre cerco di semplificarmi la vita invecchiando, i tuoi metodi hanno catturato il mio interesse!
    Ho usato la paglia sulle aiuole prima per il controllo delle infestanti, ma con mio sgomento i semi di fieno hanno iniziato a germogliare dappertutto e ci sono volute settimane per rimuoverli!
    Allora si capirà la mia paura di mettere il fieno direttamente nel mio giardino!
    Quindi la mia domanda è: hai mai avuto questo problema e come identificare?
    Grazie e buona giardinaggio estate e rilassante!

  19. Ciao Didier,
    Come iniziare? Il mio giardino è per il momento un prato composto da erbe alte, ortiche, rovi ...
    Se ho capito bene, devo falciare in basso e mantenere il fieno così creato per coprire la mia terra. quanto devo aspettare? tre mesi, di più?

  20. Ciao Didier, una settimana fa non conoscevo l'orto del bradipo e questo mi interessa molto. Vorrei produrre le mie verdure (zucchine, obergine…), i miei frutti principalmente sugli alberi, i miei legumi (lenticchie, ceci, piselli…), alcuni semi oleosi (girasole, colza…) e cereali (grano, mais). E 4 galline per le uova. Nel negozio si compravano solo latte e carne, tutto il resto veniva prodotto in casa. Secondo te, mi basterebbero dai 400 ai 500 m2 di terreno e quanto tempo dovrei trascorrere lì ogni giorno? Ho anche pensato a una serra per prolungare le stagioni di crescita e crescere su strutture verticali con compost composto da residui di colture e giardini, compresa la paglia mescolata. Cosa ne pensi dei parassiti e della produttività?

  21. Buongiorno,
    Ho letto alcuni commenti sulla coltivazione dei bulbi: cipolle, scalogni e aglio sul fieno,
    Voglio davvero iniziare, y_a_t_il altri sono tornati? e consigli
    grazie
    fred

  22. Ciao Didier
    Grazie per tutti i vostri buoni consigli
    Ci hai parlato un giorno (alla Biobernai) di un Giovanni, credo, per fornire fieno biologico.
    Dove posso trovarlo?
    grazie

  23. Buongiorno,
    La paglia può essere sostituita dall'erba falciata?
    L'ho fatto lo scorso autunno e questa primavera mentre sollevavo quest'erba ho scoperto 20 grosse larve di maggiolino (grandi come un mignolo) al posto dei vermi !!!
    Vivendo in montagna, è difficile per me trovare la paglia.
    Grazie in anticipo per la tua risposta

  24. Buongiorno,
    Qui è primavera, il giardino a fine ottobre era coperto di fieno, per di più molto difficile da trovare poiché la raccolta per i contadini quest'anno è stata minore vista il tempo (Limosino). L'avevo integrata con la paglia ma mi rendo conto che la luce passa più facilmente così le piante perenni fanno vedere il naso !! Panico anche perché visto che è il primo anno taggo per seminare, trapianto le prime verdure !! Devo trapiantare cipolle scalogno, faccio un solco o trapianto praticando ogni volta un buco per ogni pianta ?? Se escludo a malapena il fieno, la terra sarà abbastanza calda da far prosperare la pianta ??? la tua risposta mi consolerà, grazie in anticipo
    Giardinieri neofiti per questa pratica

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *