Il Passaggio Nord Ovest

Il riscaldamento climatico nella regione artica: una buona notizia per l'industria navale

Parole chiave: artico, crema a base di ghiaccio, Passaggio a Nord Ovest, via d'acqua, l'Asia, l'Europa, il trasporto, il carico

La regione artica sta vivendo un rapido aumento della sua temperatura media.

È uno dei luoghi del pianeta più sensibili al riscaldamento globale. Gli specialisti stimano che, a causa dell'effetto serra, la temperatura media dovrebbe stabilizzarsi tra 4 e 7 ° C entro il 2070, causando lo scioglimento totale della calotta di ghiaccio. Entro pochi decenni (2050 secondo Environment Canada), i navigatori dovrebbero essere in grado di godersi le estati senza impacco di ghiaccio.

Questa scomparsa del ghiaccio aprirà nuove rotte di navigazione che collegheranno l'Oceano Pacifico e l'Oceano Atlantico. Il primo percorso, chiamato "Passaggio a nord-ovest", corre lungo la costa settentrionale del Canada, il secondo è il "Passaggio a nord-est" che corre lungo la costa della Russia, infine una terza via potenziale è il "Ponte Artico".

Leggi anche: 2013 la fine del petrolio (Docu-fiction)

Queste nuove rotte consentiranno di guadagnare quasi 10.000 km tra l'Europa e l'Asia rispetto all'attuale rotta via Panama e al passaggio di grandi navi da carico (fino a 155.000 tonnellate rispetto alle 70.000 tonnellate di Panama). Ciò rappresenta un notevole risparmio per le industrie marittime e promette un forte sviluppo nelle regioni settentrionali del Canada (in particolare il porto di Churchill, Manitoba) e la Russia.


La mappa Passage Nord Ovest

Robert Huebert, professore di studi politici all'Università di Calgary e vicedirettore del Center for Strategic and Military Studies, afferma che la regione settentrionale del Canada è trascurata dal governo federale nonostante abbia la costa e il potenziale più lunghi risorse significative. Gli eventi climatici porteranno la regione artica del Canada ad affrontare nuove sfide internazionali. Classifica queste sfide in tre
categorie:

  • dispute internazionali sul controllo della regione artica.
  • Ambiente: cambiamenti climatici, tempeste di mercurio, presenza di inquinanti organici persistenti (POP) e radionucleidi (la maggior parte di questi contaminanti viene trasportata a nord dalle correnti aeree e oceaniche da fonti agricole e industriali situate più a sud) e infine, un corollario del ghiaccio che si scioglie, la scomparsa di quasi tutte le specie che vivono sulle banchise.
  • Leggi anche: La macchina aerea, rapporto investigativo. Ulteriori indagini

  • Sicurezza: comparsa di un nuovo punto di ingresso in Nord America che richiede controllo.
  • Robert Huebert afferma che la situazione nella regione artica non pone problemi immediati, ma il Canada dovrebbe pensare a una strategia coerente e globale per proteggere al meglio i propri interessi prima di attendere un'emergenza .

    Per saperne di più:

    1) Leggi il rapporto "Interessi del nord e politica estera canadese" (di Rob Huebert)

    2) Sintesi della seconda relazione della valutazione di contaminanti nell'Artico canadese

    3) La mappa Passage Nord Ovest

    Leggi anche: I motori ad iniezione diretta tempi 2

    Lascia un commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *