Perché dovresti scegliere una pompa di calore?

Mentre il costo dell’energia diventa sempre più centrale per i privati, nel corso dei mesi e degli anni osserviamo uno spostamento verso un’energia sempre più economica, ma soprattutto più ecologica. Una delle fonti energetiche più diffuse è probabilmente la pompa di calore. Pratica ed economica, la pompa di calore è sempre più installata quasi ovunque in Francia. Del resto, i vari incentivi da parte dello Stato nel 2023 non sono certo estranei. Concentrati su questo metodo di riscaldamento.

Cos'è una pompa di calore?

Per comprendere appieno il perché scegli una pompa di calore è una buona idea per il riscaldamento (ma non solo!), è opportuno riferirsi al suo funzionamento. A dire il vero quest'ultima non è la più complessa, visto che tutti noi abbiamo una pompa di calore in casa: il nostro frigorifero! Il principio è quindi semplice. Una pompa di calore è composta da due unità, una in casa e l'altra all'esterno. Come suggerisce il nome, il sistema pomperà il calore da un'unità all'altra. Ciò consente quindi una duplice operatività:

  • Riscaldamento: catturando il calore dall'esterno verso l'interno, la pompa aiuta a riscaldare la casa. Questa è l'operazione abituale in inverno.
  • Refrigerante: viceversa, la pompa modifica il suo funzionamento e cattura il calore dall'interno verso l'esterno per rinfrescare l'abitazione. Generalmente questa modalità viene utilizzata in estate poiché prevede la climatizzazione.

La pompa di calore è quindi perfetta per essere utilizzata sia come riscaldamento che come condizionamento. Contrariamente a quanto si potrebbe pensare a prima vista, può benissimo catturare il calore esterno in inverno (anche quando fa freddo), e questo, nell'aria, nella terra o nell'acqua. Sappiate infine che mantenendo il funzionamento in modalità “riscaldamento” è possibile produrre acqua calda.

Leggi anche:  Rame o PER? Quali materiali per l'installazione di impianti idraulici ecologici in casa?

Benefici per il tuo portafoglio… ma anche per il pianeta!

Oltre al fatto che la pompa di calore ha un funzionamento reversibile, è l'aspetto economico (in senso finanziario e ambientale) che la rende così apprezzata.

Riduci le bollette

Una pompa di calore funziona con l'elettricità. Detto questo, è importante notare che il consumo legato al suo funzionamento è particolarmente efficiente grazie ad un COP (coefficiente di prestazione) elevato. In altre parole, questo significa questo la pompa di calore è in grado di produrre più calore con meno energia elettrica rispetto ad un altro sistema. I risultati, quindi, non tardano ad arrivare: alcune pompe possono raggiungere il 60% di risparmio energetico! Meglio ancora, se colleghi la pompa a un impianto a pannelli solari, riduci drasticamente il consumo di energia sulla rete elettrica (soprattutto nelle regioni soleggiate). Insomma, l’investimento per una pompa di calore può essere notevole (su questo torneremo), ma il risparmio resta più che rilevante.

Per preservare l'ambiente

Se un sistema consuma meno energia è perché è in grado di preservare l'ambiente e di ridurre riscaldamento globale (non dimentichiamolo). Come abbiamo accennato poco sopra, la pompa di calore ha un’elevata efficienza: richiede quindi meno risorse rispetto al riscaldamento elettrico o a gas. Allo stesso tempo, se puoi abbinarlo alle energie rinnovabili stai facendo un grande passo verso l’autonomia energetica sul riscaldamento. Oggi la pompa di calore è probabilmente il sistema di riscaldamento (e di condizionamento, se necessario) più rispettoso dell’ambiente. Infine, ricordiamo che i sistemi a pompa di calore hanno la reputazione di essere particolarmente resistenti a lungo termine. Di conseguenza, questa longevità consente di ridurre le risorse necessarie per la fabbricazione di questo sistema di riscaldamento. Si tratta, ancora una volta, di un’ottima notizia per il nostro pianeta.

Leggi anche:  Pellet di combustione, analisi e confronto con altre fonti energetiche

È possibile ottenere un aiuto finanziario per l'installazione di una pompa di calore in Francia?

A prima vista, potresti pensare che una pompa di calore sia troppo cara quando vuoi installarla a casa. Infatti, il prezzo medio per l’installazione di una pompa di calore è compreso tra 6 e 000 euro. Anche se possiamo pensare che il risparmio energetico che ne deriva possa compensare questo costo nel lungo periodo, resta comunque una cifra significativa da investire. La buona notizia è che viene offerto un aiuto significativo alle persone che desiderano installare questo tipo di riscaldamento:

  • MyPrimeRenov ' : si tratta dei principali aiuti finanziari da parte dello Stato. Se ne hai diritto (dipende dal livello di reddito familiare per le famiglie con più di 15 anni), può arrivare fino al 90% del costo del lavoro o 70 euro per le famiglie più modeste (in questo caso estremo, lavoro diverso da quello deve essere effettuata l'installazione della pompa di calore)
  • MaPrimeRénov' Serenity : non cumulabile con MaPrimeRénov’ semplice, è riservato solo ai nuclei familiari più modesti che si avvalgono di un artigiano certificato RGE per la realizzazione dei lavori. A questo aiuto si aggiunge la componente “Vivere Meglio”, cioè svolgere lavori con l’obiettivo di vivere dignitosamente in un alloggio.
  • L'eco-prestito a tasso zero : fino a 50 euro, questo prestito facilita il finanziamento del resto dei lavori (detratto l'aiuto di MaPrimeRénov''). Gli interessi su questo prestito sono finanziati dallo Stato. Concesso senza condizioni di reddito, l'ecoprestito a tasso zero è comunque sottoposto a delle condizioni: l'alloggio deve essere stato ultimato da più di due anni e occupato come abitazione principale.
  • Colpo di energia : ci sono bonus diversi a seconda della natura del tuo lavoro (e non vengono concessi direttamente dallo Stato, ma dalle aziende). Qui il bonus che ci interessa è l’aumento del riscaldamento. Cumulabile con gli aiuti precedenti, questo aiuto dipende dal livello di risorse della famiglia.
Leggi anche:  La grigia energia della costruzione, il lato nascosto del settore!

Infine, avremmo potuto anche menzionare l’utilizzo del check energetico, ma viene sempre più utilizzato per pagare le bollette (della luce o del gas ad esempio). In ogni caso gli aiuti sono molto interessanti (nel 2023, comunque), e sarebbe un peccato perderli!

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *