Permafrost o permafrost

Riscaldamento: permafrost a rischio

Fino al 90% del permafrost nelle regioni polari di Canada, Russia e Alaska potrebbe scomparire entro il 2100 a causa del riscaldamento globale, molto prima, infatti, di quanto previsto dai ricercatori. .

Questo è ciò che rivela uno studio dell'American Center for Atmospheric Research (NCAR).

Cos'è il permafrost?

Il permafrost è lo strato del suolo terrestre che è permanentemente congelato in profondità. Rappresenta un quarto dell'intero emisfero settentrionale. È anche noto come permafrost.

Secondo lo studio, l'area del permafrost sarà ridotta da 4 a 0,4 milioni di chilometri quadrati entro la fine del secolo, 1,5 milioni di chilometri quadrati nello scenario più ottimistico.

Inoltre, lo scioglimento del permafrost rilascerà gradualmente miliardi di tonnellate di metano nell'atmosfera terrestre, generato dalla materia organica quando queste terre non erano congelate oltre 10 anni fa. Impara di più riguardo idrati di metano.

Leggi anche:  Ritornare alla conferenza di Copenaghen

Lo studio NCAR prevede che l'impatto di questo gas serra, 22 volte più potente dell'anidride carbonica, sarà molto maggiore di quanto previsto dalla ricerca precedente. Si prevede che il suo massiccio rilascio acceleri e intensifichi il riscaldamento globale.

Inoltre, lo scioglimento dei ghiacci artici aumenterà l'assorbimento dei raggi solari da parte del mare, il che aumenterà la sua temperatura a medio termine.

Questo disastro ambientale porrà sfide significative per i governi. Questi dovranno rafforzare le coste in preda a un'erosione accelerata, anticipare le conseguenze sulle infrastrutture stradali e industriali e persino aspettarsi di trasferire le comunità entro 50 anni.

Altro:
- idrati di metano
- Associazione americana per lo studio del permafrost

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *