Il Piano Biofuel 2005

Mentre l'impennata del prezzo del petrolio sta rilanciando il dibattito sullo sviluppo delle energie rinnovabili, il governo francese ha appena annunciato il suo "piano per i biocarburanti", che dovrebbe entrare in vigore all'inizio del 2005. I professionisti di questi settori non hanno, però, ottenuto le misure fiscali e normative richieste.

Il prezzo di un barile di petrolio, che è salito a $ 45 durante il mese di agosto, potrebbe non avere un effetto diretto sugli investimenti nelle energie rinnovabili, ma almeno sarà servito come promemoria del situazione di dipendenza energetica in cui si trova la maggior parte dei paesi occidentali. L'esaurimento dei giacimenti nel Mare del Nord, Canada e Messico potrebbe anche peggiorare questa situazione di dipendenza dal petrolio, che, a lungo termine, proverrà principalmente da aree geopoliticamente instabili - Medio Oriente, Caucaso, Asia Centrale e Golfo di Guinea-. Questi due fattori combinati potrebbero portare a ulteriori picchi di prezzo nei prossimi 50 anni, e anche paesi come la Francia, che hanno scelto l'opzione nucleare, ne sarebbero colpiti. Da qui l'importante ruolo che possono svolgere le energie rinnovabili, che attualmente sono limitate al 10% del consumo energetico in Europa, ma che dovrebbero raggiungere il 21% entro il 2010 secondo le normative vigenti. I biocarburanti - etanolo, metanolo e biodiesel - dovrebbero scendere dal 2% nel 2005 al 5,75% nel 2010. In Francia, attualmente sono incorporati solo fino all'1% nella benzina e nel diesel, nonostante 180 milioni di euro di incentivi fiscali all'anno. I professionisti di questi settori attendono con impazienza altre misure fiscali e normative, ma il governo è rimasto in silenzio su questo tema. Il 19 agosto lo stesso presidente Chirac ha sottolineato "la grandissima importanza che attribuisce allo sviluppo della bioenergia per ragioni agricole, ambientali ed energetiche" e ha chiesto al governo "di accelerare lo sviluppo e la diffusione dei biocarburanti. "Con misure applicate" dal prossimo 1 gennaio ".

Leggi anche:  Fuel biocatalitica di CO2 dalle scienze di carbonio

benefici ambientali ed economici

I vantaggi della bioenergia sono sia economici che ecologici. In paesi come gli Stati Uniti o il Brasile, che stanno aumentando le loro capacità di produzione di quasi il 30% all'anno, risparmiano 1,1 milioni di tonnellate di petrolio ogni anno, ovvero circa 2,5-3 miliardi di euro, mentre impediscono anche l'emissione di 16 milioni di tonnellate di anidride carbonica ... Il trasporto è la principale fonte di emissioni inquinanti nell'aria (rappresenta il 50% del consumo totale di petrolio), comprendiamo la sfida che ora consiste nel rendere la produzione di biocarburanti competitiva con quella dei combustibili fossili. "Urge che il governo prenda le sue misure, altrimenti la Francia resterà indietro, sottolinea Pierre Cuypers, presidente e presidente dell'Associazione per lo sviluppo dei carburanti agricoli (Adeca) e del Comitato europeo dei biocarburanti. Quando ci vuole un mese negli Stati Uniti per costruire un'unità di produzione di un milione di tonnellate di bioetanolo, in Francia ci vogliono due anni ”. Gli attori del settore chiedono quindi un quadro fiscale e normativo per riuscire a raddoppiare il tasso di biocarburante incorporato nella benzina e nel diesel, consistente in particolare nel "premiare i bravi studenti e tassare quelli che non incorporano i biocarburanti". Tanto più che i paesi dell'Unione europea dispongono delle risorse agricole - semi oleosi, mais - necessarie alla produzione di biocarburanti per soddisfare i fabbisogni entro il 2010. Lo sviluppo di questo settore, secondo le organizzazioni professionali.

Leggi anche:  combustibili Brachypodium e bio

Véronique SMEE
Fonte : http://www.novethic.fr/novethic/site/article/index.jsp?id=80288

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *