PlasmHyRad combustione assistita al plasma e idrogeno Radicali

progetto PlasmHyRad, i radicali di combustione e idrogeno assistita.

di JM Cornier, Università di Orléans, GREMI - CNRS - MINISTERO DELLA RICERCA.

Progetto di ionizzazione al plasma elettrico di aria comburente e combustibile per migliorare l'efficienza e il controllo dell'inquinamento dei motori termici a combustione interna. I test riguardano il metano, il più semplice degli idrocarburi.

Questo documento ci è stato utile durante la fase di ricerca sul doping dell'acqua ionizzazione del vapore acqueo che in gran parte favorire la combustione.

Sintesi e presentazione sintetica dei risultati.

I primi test sono stati condotti GREMI con un reattore da laboratorio tubolare comprendente due elettrodi paralleli. L'alimentatore utilizzato è un trasformatore di step-up dispersione magnetica (220V / 15kV) per 50 Hz.

Il primo obiettivo era definire metano miscele aria possono essere utilizzati sapendo che il limite di concentrazione di metano è definita dalla HEL è 15% e la deposizione di carbonio è vietato consentire il funzionamento del motore. I test sono stati condotti a pressione atmosferica.

Leggi anche:  ECD: strumenti e metodi per il calcolo di una diagnosi della prestazione energetica

la combustione di ionizzazione al plasma elettrico

Analisi del gas di uscita dal reattore ha mostrato, che c'era una significativa produzione di idrogeno e monossido di carbonio. Le concentrazioni di idrogeno, monossido di carbonio, biossido di carbonio, ossigeno e azoto sono stati misurati mediante gascromatografia.

Questi primi risultati hanno confermato la validità dell'idea generatrice del progetto: è possibile arricchire con idrogeno una miscela gassosa contenente metano ed aria.

In questa prima concentrazioni studio CO2, H2O e altri idrocarburi non sono stati misurati per il dispositivo sperimentale non era completa.

Tuttavia, questo primo studio ha permesso di definire l'intervallo di concentrazioni di metano utilizzabili. È stato così dimostrato che è possibile lavorare con miscele contenenti un minimo del 16% di metano in aria e un massimo del 30% se si desidera evitare qualsiasi deposito di carbonio.

Abbiamo eseguito un inverter di potenza che permette di sincronizzare le fasi di avvio e di espansione del plasma con l'apertura della valvola di aspirazione. Dai risultati che abbiamo costruito in collaborazione con l'LME un prototipo di reattore secondo i progetti realizzati da Christophe MET.

Leggi anche:  Download: Valutare la vostra impronta ecologica

Scarica il file (un abbonamento alla newsletter può essere richiesto): assistita da plasma di combustione: idrogeno e radicali

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *