migliori gomme

Pneumatici migliori per una guida più ecologica

In Francia, la quota di trasporto nelle emissioni di gas serra è del 29%. In altre parole, è il settore più inquinante anche prima del consumo di energia in casa. Inquinando 2,5 volte di più rispetto ai veicoli commerciali pesanti, i veicoli privati ​​sono i più colpiti da questo fenomeno. In un momento in cui l'enfasi è posta sul comportamento ecologico, anche la guida in modo ecologico è diventata una delle principali preoccupazioni per tutti. I pneumatici, elementi importanti per la sicurezza di guida, aiutano a ridurre l'impronta ecologica di un veicolo. Scopri come pneumatici migliori sono fondamentali per una guida più ecologica.

L'influenza delle gomme sul consumi

Molti potrebbero non saperlo, ma le condizioni degli pneumatici sono responsabili di un maggiore consumo di carburante (possono influire dal 20% al 30%!). È quindi essenziale controllare le condizioni dei suoi pneumatici prima di colpire la strada per ridurre il consumo di carburante. Questo gesto non è solo buono per il tuo portafoglio, ma anche per il pianeta.

Il consumo eccessivo causato dalle gomme passa attraverso diversi parametri:

L'inflazione o il bene pressione dei pneumatici

Essendo le gomme fatte di aria, la loro gonfiaggio diminuisce man mano che si rotola. Tuttavia, i pneumatici gonfiati in modo insufficiente non sono solo dannosi in termini di sicurezza, ma comportano una scarsa maneggevolezza e un rischio di scoppio, ma generano anche un aumento del 4% nel consumo di carburante. È quindi essenziale monitorare regolarmente l'inflazione dei pneumatici.

Si noti che l'inflazione dei pneumatici non può essere improvvisata. È necessario controllare le indicazioni che compaiono sull'adesivo posto sul montante interno della porta anteriore sinistra o nel diario di bordo. È allora gonfiare eccessivamente le gomme a 0,2 bar sopra il valore indicato dal produttore.

Leggi anche: Brevetto Renault: generazione di idrogeno mediante conversione ad alta temperatura del vapore acqueo

pressione dei pneumatici

La pressione dei pneumatici viene controllata circa ogni 1 chilometri o mensilmente. Bisogna pensa a cambiare le gomme quando sono in cattive condizioni per ottimizzare la sicurezza e il consumo di carburante. Si noti che in hiver, è necessaria una maggiore vigilanza a causa del tempo. Neve, freddo e nevischio possono aiutare a ridurre la pressione dei pneumatici.

Proprio come sotto l'inflazione, una pressione dei pneumatici troppo elevata può anche rappresentare un rischio per la sicurezza. Da qui l'importanza di non commettere errori sulla pressione dei pneumatici.

Bilanciamento dei pneumatici

Se si verificano vibrazioni anomale alla ruota o se le ruote si consumano più velocemente, è molto probabile che le gomme non siano sbilanciate. Il bilanciamento delle gomme è necessario dopo averle cambiate, al fine di distribuire uniformemente il loro peso su tutta la loro circonferenza.

Le conseguenze di una ruota sbilanciata sono numerose. Non solo influisce sul comfort di guida causando più affaticamento per il conducente, ma provoca anche un'usura prematura e anormale degli pneumaticiconsumo eccessivo di carburante, che aumenterà la tua impronta di carbonio.

Per limitare l'impronta ecologica di un'auto, è quindi essenziale controllare regolarmente l'equilibrio dei pneumatici. Oltre all'obbligo di eseguire questa operazione ad ogni cambio di pneumatico, si raccomanda anche di controllare la geometria o il parallelismo dei pneumatici una volta all'anno o ogni 10-000 km.

Dimensioni dei pneumatici

Esistono sul mercato diverse dimensioni di pneumatici adatti a diversi tipi di veicoli. Si noti che esiste un collegamento tra la dimensione dei pneumatici e il consumo di carburante del veicolo. I pneumatici di grandi dimensioni comportano un consumo eccessivo di carburante a causa del fatto che anche la superficie di contatto sulla strada è grande. Ma la controparte è il guadagno in termini di prestazioni. Gli pneumatici più larghi sono più efficienti, soprattutto in autostrada.

Leggi anche: GPL o GPL

Al contrario, i pneumatici piccoli possono ridurre il consumo di carburante di 0,4 l / 100 km. Ma attenzione, questo guadagno può trasformarsi in una perdita se il veicolo è dotato di pneumatici di dimensioni diverse. Non esitate a chiedere al vostro meccanico se è possibile modificare le dimensioni dei pneumatici per ridurre il consumo di carburante.

Resistenza al rotolamento dei pneumatici

La resistenza al rotolamento si riferisce all'energia di cui il veicolo ha bisogno per mantenere i pneumatici in movimento su una superficie, o semplicemente all'energia consumata quando i pneumatici sono a contatto con la strada. Questo valore raggiunge circa il 20% in un'autovettura media, leggete bene: il 20% dell'energia (e quindi dei consumi) si perde a livello delle 4 gomme! È molto importante ma è la garanzia di comfort e sicurezza!

È un fattore chiave nel consumo di carburante di un'auto. Maggiore è la resistenza al rotolamento dei pneumatici, maggiore è il consumo di carburante. Numerosi fattori possono aumentare la resistenza al rotolamento dei pneumatici, tra cui la sottoinflazione o l'usura dei pneumatici.

Per ovviare a questo problema, oggi i produttori offrono pneumatici con bassa resistenza al rotolamento o pneumatici economici. Sono noti per consentire un risparmio di carburante dal 4 al 6%. Inoltre, consentono anche di ridurre il tasso di CO2 emessa nell'atmosfera.

Etichettatura dei pneumatici

Dal novembre 2012, gli automobilisti hanno avuto un modo semplice per confrontare le gomme vendute sul mercato. Questa è un'etichettatura europea. Questo imposta un semplice pittogramma che va dalla lettera A alla lettera G secondo tre criteri:

  • consumo di carburante,
  • presa bagnata,
  • il rumore emesso durante la guida.
Leggi anche: La macchina aerea, rapporto investigativo. Ulteriori indagini

Per tutti questi criteri, I pneumatici di classe A sono considerati i migliori, in altre parole il migliore in termini di consumo di carburante, aderenza sul bagnato e inquinamento acustico. Per ridurre al minimo il consumo di carburante, è quindi necessario favorire pneumatici di classe A.

Una guida ecologica per ridurre il consumo di carburante

Calcolare regolarmente il consumo di carburante non è sufficiente per guidare economicamente. Quando parliamo di modi per ridurre il consumo di carburante, dovremmo anche parlare di concetto di guida ecologica.

Alcune semplici tecniche consentono al guidatore di ridurre il suo impatto sul consumo di carburante e quindi sull'ambiente. Tra questi, possiamo citare l'anticipazione della frenata adottando una velocità di guida costante. Si noti che l'accelerazione e la frenata regolari aumentano significativamente il consumo di carburante. È pertanto necessario mantenere una velocità costante. L'anticipazione della frenata comporta anche la pianificazione anticipata delle manovre, il controllo della strada e dell'ambiente circostante.

Infine, sono coinvolti anche altri metodi la riduzione dell'impatto ecologico della guida. Tra questi c'è il fulmine del veicolo. Qualsiasi peso aggiuntivo aumenta il consumo di carburante di un veicolo perché richiede più energia.

Inoltre, dovrebbe essere fatto un uso moderato di attrezzature per il comfort, come l'aria condizionata o il riscaldamento, che tendono ad aumentare il consumo di carburante.

Finalmente un bene riciclaggio dei pneumatici è anche un fattore importante per l'ambiente

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *