Inquinamento: conseguenze dell'effetto serra

Cambiamenti climatici e conseguenze dell'effetto serra: coincidenze preoccupanti.

Rifiutando le sostanze inquinanti sopra definite nell'atmosfera, l'uomo non solo si distrugge, rovinerebbe l'equilibrio naturale delle regioni, quindi su scala ancora più ampia, dell'intera Terra. La conseguenza principale è l'effetto serra, che provoca un aumento molto improvviso, su scala geologica, delle temperature. Ma data la novità dell'effetto serra, scienziati e meteorologo possono fare solo ipotesi più o meno plausibili circa le conseguenze dell'effetto serra.


Inondazioni in somma (primavera 2001)


Le principali conseguenze climatiche (disastri) dell'aumento delle temperature medie (effetto serra e attività umane) sul pianeta sarebbero:

- numerose tempeste, eccezionali per intensità o frequenza (fenomeni poco noti come "el niño" e "la niña")

- alluvioni (o siccità): frequenti in Francia. Più di 600 morti in Algeria nel novembre 2001.

- scioglimento dei ghiacci: all'attuale tasso di aumento della temperatura, il 95% della massa dei ghiacciai alpini si sarebbe sciolta nel 2100 (il 92% della massa del ghiacciaio del Monte Kenya è già scomparso). Per la prima volta (estate 2000) è stata osservata acqua liquida al Polo Nord.

- Aberrazioni meteorologiche: periodi di pioggia in estate e ondate di calore in primavera, temperature che giocano con yoyo ...

- Riduzione della durata della neve ... (con le conseguenze turistiche che ciò induce, ad esempio nei Vosgi, la neve è assente da 10 anni)

- ... o, al contrario, la durata delle nevicate è notevolmente aumentata dall'interruzione delle correnti oceaniche, in particolare la Corrente del Golfo. Se non esistesse più, ci sarebbe un periodo da 4 a 6 mesi all'anno di innevamento sull'Europa fino alla Grecia. E al contrario, un forte aumento della temperatura in America (New York, che è comunque alla latitudine della Spagna, ha sempre conosciuto lunghi periodi di nevicate)

- diffusione di malattie tropicali nei paesi temperati

- scomparsa di molte specie, sensibili alle temperature (insetti) ma soprattutto il cui ecosistema o catena alimentare è minacciata dai cambiamenti climatici

- l'innalzamento del livello del mare, più per l'espansione delle acque oceaniche che per lo scioglimento del ghiaccio terrestre o polare

- in definitiva 92 milioni di esseri umani potenzialmente vittime di un innalzamento del livello del mare di 50 cm. (catena alimentare rotta, delta allagato, ecc.); immagina questo numero per un'altezza di 2 o 3 metri

Questo elenco non è esaustivo e alcune conseguenze dell'effetto serra sono ancora sconosciute. Comunque sia, i costi umani e finanziari saranno enormi.


Piogge torrenziali a Marsiglia (inverno 2000)


Costo stimato di inquinamento in CO2.

La conferenza di Kyoto ha stimato il costo preventivo di una tonnellata di CO2 tra $ 20 e $ 40. Questo costo è stato stimato in previsione del potenziale danno causato dalla CO2. In Francia, questo costo preventivo e virtuale ammonta, solo sui trasporti, a 1.7 miliardi di franchi / anno.

Ad esempio, la tempesta del dicembre 1999 "costò" in Francia: 88 morti e 150 miliardi di franchi.


Foresta devastata dalla tempesta di 1999 (Petite Pierre, Alsazia)


Come contrastare questo suicidio ecologico?

Le soluzioni che sono rapidamente implementate, economiche e che non turbano le attuali sfide finanziarie devono assolutamente essere sviluppate al fine di sperare di limitare il danno quasi irreversibile (a misura d'uomo) che stiamo causando. Queste soluzioni sono tanto comportamentali quanto tecnologiche ...

Perché l'inquinamento non influenzerà, come alcune malattie molto pubblicizzate, che una parte della popolazione, ma tutta l'umanità, nessuno verrà risparmiato anche se le popolazioni più povere saranno le più colpite (come abbiamo visto con le inondazioni omicide in Honduras e Algeria).

Ovviamente, nulla è ancora scientificamente provato, ma il buon senso rende facile sentire il rischio maggiore verso cui stiamo andando ... e che potrebbe essere giunto il momento di sviluppare e applicare soluzioni invece di continuare a difendere determinati corporatismi ...

Leggi anche: Problema energetico attuale

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *