Per un futuro senza inceneritori

CAP21 ha lanciato una petizione per limitare la costruzione di inceneritori.

Ecco i diversi punti difesi:

 » Riduzione degli imballaggi alla fonte, che richiede l'uso di prodotti di imballaggio che garantiscono la possibilità di riciclaggio, recupero del materiale, recupero mediante deposito, nonché la tassazione degli imballaggi non riciclabili.

Istituzione di a eco-economia che genera occupazione, incuneato su questi nuovi depositi.

Estensione dell'aiuto finanziario a tutte le masse di prodotti riciclabili ordinati in case o in centri di smistamento industriali.

Recupero materiale di prodotti fermentabili e fanghi, per compostaggio o metanazione.

Allinea la modalità di fatturazione la raccolta e il trattamento dei rifiuti domestici, sulle modalità di remunerazione in vigore per i servizi di acqua, gas ed elettricità.

Introduzione di regole di pianificazione tenendo conto dei vincoli di spazio relativi allo smistamento, alla raccolta selettiva, nonché alla creazione di piattaforme di disimballaggio e recupero in qualsiasi progetto di costruzione commerciale di oltre 300 di area di vendita. " 

Tutti questi punti sono già, in gran parte o in parte, applicati in altri paesi dell'Unione europea, in particolare nei paesi del Nord. Basterebbe alla Francia trarre un po 'di ispirazione da questi altri paesi ...

Leggi anche:  Inquinamento, la prima paura per la salute dei belgi

Firma l'appello

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *