Perché la ricerca di soluzioni alternative non avanza.

Nelle tue reazioni o sul forumMolti di voi ci parlano del proprio fraintendimento sulla riluttanza delle aziende a fare ricerca e sviluppo per soluzioni di energia alternativa.

Nell'articolo che segue, è l'ex direttore della ricerca di Schneider Electric che spiega il suo ragionamento e fa luce sulla cecità che regna nei laboratori. Particolarmente gustoso: non preoccuparti degli sprechi, i nostri nipoti verranno dietro di noi per pulire i nostri m….


Calcola il vero costo dell'energia: un puzzle per tutti

In termini di rapporto potenza-costo di mantenimento, l'energia fornita da EDF (80% nucleare di origine) è la migliore per il consumo domestico. Su questa base di riferimento economico, le turbine eoliche oi pannelli solari interessano solo in casi molto localizzati. La loro bassa potenza rispetto alle fonti di energia convenzionali non vale la pena investire pesantemente in queste "microenergie". In sostanza, è questa la conclusione a cui è giunto, dopo approfonditi confronti, Michel Barrault, della società di consulenza Guidance ed ex direttore della ricerca di Schneider Electric. “Il discorso si concentra sull'energia, mentre noi abbiamo bisogno di potenza in un momento preciso. E lì, niente batte la classica rete. Ciò non impedisce di sfruttare la diversità delle situazioni per utilizzare il potenziale delle risorse locali: eolico, geotermico, cascata. E, soprattutto, l'energia deve essere risparmiata dove è più facile: nel riscaldamento e nei trasporti ”, aggiunge Michel Barrault. Energia nucleare, senza rivali nell'habitat? Questo è ciò che fa saltare più di uno specialista… “Preferisco considerare l'utilizzo di fonti energetiche inesauribili che producono scarti minimi o nulli. Certo, oggi l'energia fornita da EDF sembra la più affidabile. Ma cosa succederà quando il mercato elettrico sarà completamente aperto alla concorrenza? Ricordiamo i tagli mostruosi nei paesi in cui è già così… ”chiede Bassam Ouaida, dell'ufficio di progettazione Transenergy. Un'altra domanda sollevata: che dire delle scorie nucleari che oggi non sappiamo come trattare e il cui stoccaggio non viene mai preso in considerazione nel calcolo dei costi di questo tipo di energia? Dal punto di vista di Michel Barrault, un simile argomento non può essere accettato: “Se oggi non disponiamo della tecnologia per trattare i rifiuti nucleari, i nostri nipoti lo avranno. Ci paralizziamo limitando le nostre opzioni per una questione di conoscenza scientifica in un dato momento mentre la ricerca continua ad avanzare. "

Leggi anche:  I veicoli privati ​​in Francia: dati e riferimenti

In materia di energia, i dibattiti sull'innovazione non sono obiettivi. Dobbiamo quindi continuare a investire in soluzioni convenzionali, per rispettare il quadro della politica energetica francese e i suoi tre pilastri: sicurezza dell'approvvigionamento, salvaguardia dell'ambiente, accesso a tutti? Anche qui le opinioni divergono. “Costruiamo con il nostro ambiente piuttosto che contro di esso. I paesi nordici ci stanno dando un esempio oggi, costruendo con il legno, utilizzando il vento, il sole, l'energia geotermica e persino le correnti marine per produrre energia ", sostiene Bassam Ouaida. Posizione opposta a quella di Michel Barrault, per il quale “bisogna investire dove il ritorno in termini di potenza è il migliore. Le soluzioni meno efficaci non dovrebbero essere aiutate ”.

Matthieu Massip

Fonte: http://www.brefonline.com/numeroERA_affichearticle.asp?idA=2073

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *