Prima stazione di bioetanolo E85 in Svizzera

Lo svizzero può guidare la Bio Station distribuendo biocarburanti, nuove auto progettate per funzionare con questo carburante agricolo, entrambe sono disponibili in Svizzera.

Tra lo svizzero e il francese, per i biocarburanti, gli svizzeri sono i primi a sparare.

Il fornitore di energia Agrola ha appena aperto la sua prima stazione E85 (85% di etanolo e 15% di SP) a Winterthur e prevede di aprirne altre dozzine nel prossimo futuro.

Questo biocarburante viene acquistato da Alcosuisse e viene prodotto principalmente dai rifiuti dell'industria del legno.

Poiché in Svizzera i biocarburanti sono zero, l'E85 viene venduto a Winterthur per 1,39 franchi al litro (87 centesimi di euro al litro!). Le capacità produttive annuali sono comunque molto limitate, a 8 milioni di litri di E85, ma Alcosuisse sta già progettando la costruzione di un nuovo stabilimento (lavoro per gli svizzeri) che potrebbe portarle a 50 milioni di litri. E se consideriamo che l'E85 permette di ridurre le emissioni di CO75 del 80/2%, allora ci sarebbe abbastanza per tagliare le emissioni del Paese.

Leggi anche:  Trappole di CO2: i residui delle miniere di amianto potrebbero essere utilizzati per combattere il riscaldamento globale

Dopo Agrola e Alcosuisse, il terzo partner dell'operazione è la casa automobilistica Saab, che ora propone sul mercato svizzero il suo modello 9/5 in versione BioPower.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *