La privatizzazione dell'acqua

Parole chiave: acqua, oro blu, di gestione, multinationnale, globalizzazione, privatizzazione, geostrategia, geopolitica.

Secondo Riccardo Petrella “l'attuale logica dei rapporti tra Stati e Multinazionali riduce il primo ad un vasto sistema di ingegneria legale, burocratica e finanziaria posto al servizio dell'andamento commerciale dell'azienda. Lo stato non è più l'espressione politica dell'interesse pubblico collettivo; diventa un attore tra gli altri, responsabile della creazione di condizioni favorevoli alla competitività delle imprese. L'interesse generale è in procinto di essere ridotto a quello di aziende giganti che competono per i mercati mondiali. E l'acqua diventa un bene come un altro "

Diventa sempre più interessante per le aziende investire grosse somme nel commercio dell'acqua, quella che si compra in bottiglia si vende già più cara del petrolio, in quantità equivalente; i costi di estrazione sono minimi e i costi di raffinazione sono nulli.

Alcune multinazionali e le loro filiali condividono la torta per la distribuzione privata di acqua potabile; nei “paesi del Sud” vanno di pari passo per organizzare il mercato dell'acqua e sostituire la sfera pubblica. I loro interessi sono totalmente comuni. Il loro reddito ha tenuto il passo con la loro crescita. Queste multinazionali sono tra le 100 aziende più ricche del mondo, con un reddito complessivo di quasi 160 miliardi di dollari nel 2002 e un tasso di crescita annuo del 10%, più veloce di quello delle economie di molti dei paesi in cui operano. .

Ma la liberalizzazione dell'acqua ha causato seri problemi in molti paesi, dove l'intervento di multinazionali straniere ha portato in particolare a fatturare l'acqua ben al di sotto di quanto possono pagare i poveri.

L'Africa è chic

In Zimbabwe, Biwater alla fine si è ritirata da un progetto di privatizzazione dell'acqua perché la popolazione locale non poteva permettersi le tariffe che avrebbero assicurato un profitto sufficiente. Quasi ovunque, la politica del pieno recupero dei costi ha fatto aumentare i prezzi al consumo.

In Sud Africa, la situazione è diventata molto preoccupante: dal 1994 a quasi 10 milioni di famiglie è stata interrotta l'acqua, impossibilitata a pagare il conto, e il colera è tornato.

Il Ghana ha visto il prezzo dell'acqua aumentare del 300% in tre anni. I rubinetti sono "scollegati" perché sempre più famiglie non possono più pagare le bollette dell'acqua alle stelle.

In Kenya, la fatturazione dell'acqua è stata privatizzata dal Consiglio comunale di Nairobi senza gare d'appalto, lasciando 3 lavoratori disoccupati. Queste persone sono state sostituite da 500 dirigenti pagati in eccesso. I consumatori hanno sostenuto i costi di un nuovo sistema di fatturazione. Gli abitanti di Nairobi pagano cinque volte di più per un litro d'acqua rispetto a un cittadino nordamericano.

Mentre in Botswana, la Public Water Company è riconosciuta per aver aumentato il numero di utenti, che è passato da 30 nel 000 a 1970 nel 330. La sua politica di perequazione protegge l'accesso all'acqua. acqua per le famiglie a basso reddito.

Leggi anche:  Il ritorno di carbone

America Latina

In Brasile (20% delle riserve mondiali di acqua dolce), Nestlé ha realizzato vere e proprie privatizzazioni dilaganti acquistando terreni dove ci sono sorgenti e falde acquifere; Nestlé, interessata solo all'acqua da tavola, pompava 30 litri di acqua al giorno che si è affrettata a demineralizzare, pratica che la legge brasiliana vieta però perché impedisce di curare l'anemia a un costo inferiore. Con il sostegno di Coca-Cola l'azienda ha anche tentato, prima delle elezioni del 000, di modificare la legge brasiliana che impedisce la demineralizzazione dell'acqua. Due fonti si sono prosciugate e l'ecosistema è completamente sconvolto. Nestlé si è infiltrata anche in tutte le università brasiliane, la ricerca sulla questione dell'acqua viene troncata.

Nella provincia uruguaiana di Maldonaldo, le tariffe dell'acqua sono aumentate drasticamente e le forniture sono state contaminate quando Uruqua, una sussidiaria della compagnia idrica Aguas de Bilboa, ha ottenuto il diritto di distribuire l'acqua su base redditizia. “Recupero completo dei costi. La Banca Mondiale ha dichiarato un successo la privatizzazione di Buenos Aires. Ma un'indagine dell'ICIJ mostra che la privatizzazione dell'acqua di Buenos Aires è stata afflitta da avidità, inganni e promesse non mantenute. Il suo successo si è rivelato principalmente un miraggio. La privatizzazione dell'acqua ha arricchito un gruppo di leader sindacali, capitalisti amici e funzionari governativi sotto l'ex presidente Carlos Menem. Diversi funzionari sono oggetto di indagini sulla corruzione.

Nelle maquiladoras messicane l'acqua a volte è così scarsa che neonati e bambini sono ridotti a bere Coca-Cola e Pepsi. Oltre alle tariffe di fatturazione ingiustificate, i residenti che non possono pagare le bollette sono spesso tagliati fuori dall'acqua e spesso i funzionari li fanno aspettare molto tempo per considerare le loro richieste. Gli allagamenti sono molto più frequenti, conseguenza della mancanza di manutenzione di tubazioni e tubazioni. I grandi distributori di acqua hanno mostrato poca disponibilità a investire nel miglioramento delle infrastrutture. D'altra parte, l'idea di comuni sempre più indebitati sembra ispirarli.

Il governo boliviano ha concesso la sua acqua per 40 anni ad Aguas del Tunari, una filiale della Bechtel. Un anno dopo, migliaia di famiglie hanno dovuto pagare fino al 20% del loro reddito per ottenere l'acqua quotidiana. Secondo Amnesty International, è scoppiato lo sciopero generale e l'esercito è dovuto intervenire violentemente, uccidendo 5 persone. La popolazione ha chiesto la fine del contratto con la compagnia privata e il governo ha ceduto.

Il governo uruguaiano iniziò a offrire concessioni nelle città e nei quartieri ricchi. Il prezzo dell'acqua è stato moltiplicato per 10, l'acqua è stata tagliata fuori a chi non paga, famiglie o istituzioni. Le lagune e le altre aree in cui queste società attingevano l'acqua si sono prosciugate, il tutto in modo che città come Punta del Este (che utilizza tanta acqua quanto il resto del paese) possono innaffiare i loro giardini privati. Ma gli uruguaiani sono riusciti a programmare un referendum nazionale, con valore legislativo: nell'ottobre 2004 oltre il 60% dei cittadini uruguaiani è stato costretto a inserire nella costituzione l'irrinunciabile appartenenza al demanio dell'acqua e il divieto della sua acqua. privatizzazione.

Leggi anche:  2013 la fine del petrolio (Docu-fiction)

A Puerto Rico, dove Suez è incaricato per 10 anni di fornire servizi idrici in base a un contratto pari a $ 4 miliardi, il procuratore generale Carlos Lopez ha criticato aspramente la multinazionale francese, che ha dedicato molto energia per migliorare i metodi di fatturazione e raccolta, ma non ha portato "alcun miglioramento" alla distribuzione dell'acqua potabile ai consumatori.

Grandi progressi nelle Filippine.

Bassa pressione al rubinetto, pochissime ore della giornata in cui l'acqua scorre: le famiglie a Manila si alzano a mezzanotte o all'alba per prenotare perché il servizio non è fornito in modo continuativo, soprattutto nei quartieri popolari . Il 10% del reddito familiare viene ora speso per pagare la bolletta dell'acqua. Sono le persone senza acqua corrente che soffrono maggiormente della privatizzazione: la comprano a prezzi tre o anche cinque volte più alti dai rivenditori. Il colera è persino ricomparso a Manila, quando nessun caso è stato segnalato per cento anni.

India: l'imbecillità dei progetti privati

In India, Suez ha cercato di acquistare l'acqua del Gange, per vendere 635 milioni di litri al giorno a Delhi. L'argomento di Suez era classico: “senza i loro soldi non saremmo in grado di riorganizzare l'approvvigionamento idrico. Ma perché l'acqua pura del Gange ha dovuto bere Delhi, che dista centinaia di chilometri, mentre il fiume Yamuna scorre proprio lì vicino? La pulizia della Yamuna sembra più economica e più razionale. Ciascuno degli agricoltori che verrà privato dell'acqua - perché sarà venduta a Delhi - perderà enormi somme a causa del calo del raccolto.

Un altro enorme progetto per privatizzare i fiumi indù, mira a collegare i fiumi tra loro, a farli scorrere in direzioni opposte, a indirizzarli verso le zone dove c'è denaro. Costa 200 miliardi di dollari; ma una valutazione scientifica ha dimostrato che è del tutto inutile, che causerà enormi danni alla società, all'ecosistema, alle foreste e che sposterà popolazioni su una scala storica inimmaginabile.

Questi mega-progetti rappresentano opportunità d'oro per le multinazionali dell'acqua, per le aziende occidentali e per i burocrati. Tutto questo, in un contesto in cui la corruzione affligge il mondo politico e giuridico a tutti i livelli. Ma tutta questa privatizzazione rischia di minare il futuro collettivo dell'approvvigionamento idrico.

Leggi anche:  ghiaccio che si scioglie

Merde in Francia

Corruzione, frode, fatturazione eccessiva e così via fanno parte del fascicolo delle multinazionali Suez e Vivendi. Le città che avevano privatizzato i loro servizi idrici hanno visto i prezzi aumentare fino al 400% poiché la qualità è scesa al punto da portare a cause legali per avvelenamento. L'unico paese al mondo in cui la distribuzione dell'acqua è privatizzata all'80%, la Francia registra notevoli differenze di prezzo. Gli amministratori delegati di Bouygues, Lyonnaise e Générale des Eaux sono stati a loro volta incriminati per casi di corruzione. Molti dirigenti senior sono stati accusati di uso improprio dei beni aziendali. Sono sospettati di aver pagato contributi nascosti a sindaci, deputati, partiti politici in cambio di appalti pubblici. Alain Carignon, ex sindaco di Grenoble, ha impiegato 5 anni.

Gran Bretagna: qui i soldi

I contribuenti britannici si sono trovati a spendere 9.5 miliardi di dollari per vendere le loro società statali di trattamento e distribuzione delle acque. A seguito della privatizzazione, il prezzo dell'acqua è aumentato notevolmente, in particolare per coprire gli investimenti necessari per la ristrutturazione delle reti. Alla fine sono stati i consumatori, non le imprese, a finanziare questi investimenti. La privatizzazione ha determinato un trasferimento di ricchezza dagli utenti ai detentori di capitali, i costi eccezionali che hanno ridotto artificialmente il profitto e il riacquisto di azioni hanno permesso di nascondere una redditività ritenuta imbarazzante dagli amministratori.

Mentre i profitti sono aumentati di $ 600 milioni o del 35% dal 1992 al 1996, l'occupazione è diminuita costantemente negli ultimi cinque anni, l'occupazione è diminuita di 4 posizioni o del 084%. Se dipendenti e utenti hanno pagato il prezzo della privatizzazione, ovviamente i dirigenti senior non hanno avuto lamentele.

Essendo l'azienda privata che si occupa della raccolta, la situazione diventa insostenibile per molte famiglie svantaggiate, costrette a pagare tariffe eccessive o ad affrontare il divieto di fornitura di acqua potabile. In Gran Bretagna, le grandi società private non hanno esitato a tagliare l'acqua a diverse migliaia di famiglie a causa del mancato pagamento.

È questo il mondo sul serio?

Volendo “riformare la distribuzione dell'acqua”, una riforma presentata come tecnica, gli attori stanno infatti toccando un certo modo di organizzare la redistribuzione del reddito nei paesi interessati, un certo equilibrio tra società civile e politica, su stili di vita. Accesso all'acqua a due velocità in base al reddito familiare, erogazione dell'acqua inadeguata, degrado degli standard di qualità (le aziende private preferiscono ridurre al minimo i costi), aumenti dei prezzi da capogiro, scandali e condanne a cascata, attivazione dello squilibrio del Nord -Sud, reddito netto per gli Stati irrisorio, anzi negativo: i beni pubblici sono stati svenduti a basso prezzo, i saccheggi mascherati da una riforma necessaria per supplire alle carenze dei servizi pubblici, linciati dai media e decretati a priori incompetenti e corrotti.

Frank Swalt

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *