la produzione di pioppo transgenico

OGM: uno strumento contro l'inquinamento e l'effetto serra?

Più resistenti e in rapida crescita, queste sono le proprietà della nuova varietà di pioppo transgenico sviluppata nel laboratorio di Biologia Molecolare e Biotecnologie Vegetali dell'Università di Malaga. Questo albero geneticamente modificato ha raggiunto, durante i tre anni di prove trascorse in natura, un'altezza e un vigore molto più elevati del normale. Questo successo è stato anche pubblicato di recente come parte del sequenziamento internazionale del genoma del pioppo.

Tre anni fa, il gruppo di ricerca ha deciso, dopo aver ottenuto l'autorizzazione dalla National Biosecurity Commission, di lasciare il laboratorio di piccoli pioppi transgenici e di consentire loro di crescere in un ambiente naturale. I ricercatori hanno clonato e introdotto in una varietà sperimentale di pioppo il disagio della glutammina sintetasi di pino silvestre che facilita l'assimilazione e il riciclaggio dell'azoto. Quando li confrontiamo con gli alberi di controllo, vediamo che questi pioppi sono più alti del 41%, che hanno una maggiore resistenza alle foglie che cadono e che accumulano una maggiore quantità di proteine. "

Leggi anche: Ambiente e risparmio energetico, lo svizzero esemplare? Siti su cui riflettere

Per saperne di più

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *