Progetto CO2 Capture Beaver

Il più grande progetto al mondo per catturare l'anidride carbonica

Parole chiave: Castoro, CO2, sequestro, cattura, cattura, cattura, diminuzione, ottimizzazione, pianta pulita, effetto serra, lotta

Per saperne di più:
- Documento di riepilogo su CO2 Capture
- Castor Landfill Project in data forums: dibattiti, idee, fattibilità economica?

Il 6 marzo è stato inaugurato presso lo stabilimento il più grande programma di cattura dell'anidride carbonica al mondo, il progetto CASTOR, istituito con i fondi rilasciati dall'UE nell'ambito del Sesto programma quadro (15PQ). centrale a carbone di Elsam, vicino a Esbjerg (Danimarca). Questo progetto è una prova su larga scala per esaminare come modificare le emissioni delle centrali elettriche per rimuovere l'anidride carbonica, un gas serra.


Centrale a carbone di Elsam vicino a Esbjerg (Credit Elsam)

Riunendo 30 partner dell'industria, della ricerca e del mondo accademico di 11 paesi europei, il progetto mira a sviluppare un modello in grado di ridurre le emissioni di anidride carbonica del 10%, che rappresenterebbe 30% delle emissioni totali delle centrali elettriche dell'UE.

L'UE deve ridurre drasticamente le proprie emissioni di anidride carbonica se intende raggiungere gli obiettivi inizialmente fissati dal Protocollo di Kyoto e che l'Accordo di Lisbona è arrivato a rafforzare. Gli obiettivi di Lisbona prevedono una riduzione del 30-50% delle emissioni di anidride carbonica entro il 2020 rispetto ai livelli del 1990, con un calo previsto che raggiungerà il 60-80% entro il 2050.

Leggi anche:  CITEPA: l'inquinamento atmosferico da ufficio in Francia

“La Commissione europea è impegnata per un futuro a basse emissioni di carbonio. La politica di ricerca di oggi è la politica energetica di domani, progetti come CASTOR rappresentano un contributo molto importante. Attraverso lo sviluppo di tecnologie per la cattura e lo stoccaggio del carbonio, possiamo ridurre le emissioni a medio termine, mentre passiamo a un uso su larga scala di energie rinnovabili prive di carbonio ", ha affermato Janez Potocnik, Commissario responsabile dell'UE. della scienza e della ricerca.

Il sistema CASTOR non si limita a deviare i gas di scarico in un sacco. La tecnologia di cattura del carbonio utilizza un solvente per separare l'anidride carbonica dalle emissioni gassose; l'anidride carbonica viene incorporata in un ciclo del calcio per formare carbonato di calcio (calcare). I gas residui passano quindi attraverso uno speciale solido che permette l'adsorbimento della restante CO2. L'anidride carbonica viene quindi rilasciata sotto forma di calcare o sotto forma di anidride carbonica gassosa per l'interramento geologico.

Leggi anche:  Carne, CO2 e serra

L'anno scorso, il commissario europeo per l'Energia, Andris Piebalgs, ha posto il rendimento energetico e la cattura del carbonio in cima alla sua agenda per il Settimo programma quadro di ricerca. “Personalmente, non ho dubbi per un secondo che, insieme al crescente utilizzo di energie rinnovabili, i combustibili fossili rimarranno la spina dorsale della produzione energetica globale per il prossimo futuro. Visti gli impegni presi a Kyoto per il presente e il futuro, lo sviluppo di tecnologie commercialmente valide per la cattura e lo stoccaggio di CO2 deve costituire un obiettivo collettivo ”, ha dichiarato nell'aprile 2005 in un discorso pronunciato alla Conferenza. Commissione europea sulla cattura e lo stoccaggio della CO2.

Circa l'85% del fabbisogno energetico dell'Europa è attualmente fornito dai combustibili fossili, che sono le principali fonti di emissioni di anidride carbonica. Altre forme di energia si comportano troppo male o non sono sufficientemente avanzate per soddisfare la maggior parte delle nostre esigenze, sebbene la Svezia abbia recentemente annunciato la sua intenzione di eliminare gradualmente i combustibili fossili dalla sua economia.

Leggi anche:  Il riscaldamento in fuga

La prossima generazione di centrali elettriche a combustibili fossili utilizzerà speciali sistemi di "cracking" per separare il carbonio dal carburante, lasciando solo idrogeno e carbonio solido. L'idrogeno può quindi essere bruciato, poiché è uno dei pochi combustibili praticamente senza emissioni e produce solo acqua come sottoprodotto.


Il principio del programma CASTOR

La Commissione europea spera che progetti come CASTOR, insieme a programmi incentrati sui combustibili a base di idrogeno e sui progressi nelle energie rinnovabili, forniranno un contributo significativo alla riduzione dei livelli di emissioni di anidride carbonica. L'obiettivo è acquisire "tecnologia per una centrale elettrica a emissioni prossime allo zero" e l'UE ha recentemente firmato un memorandum d'intesa con il governo cinese per esplorare ulteriormente le possibilità di farlo.

Fonte: Comunità europea

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *