prototipo diesel ibrido

Le società Ricardo, QinetiQ e PSA Peugeot Citroën hanno presentato, il 2 giugno 2006, il loro prototipo: un ibrido diesel Citroën Berlingo Multispace che dovrebbe emettere solo 99 g / km di CO2 (ovvero un consumo di 3,75 litri per cento). Le sue emissioni di CO2 sono quindi inferiori del 30% rispetto a quelle dei veicoli diesel standard. Questo progetto, Efficient-C, è il primo risultato del programma “Ultra-Low Carbon Car Challenge” del Dipartimento per i Trasporti (DfT, Ministero dei Trasporti). Questo programma da 10 milioni di sterline (circa 15 milioni di euro) è stato creato nell'aprile 2003 ed è gestito dall'Energy Savings Trust.

Il suo scopo è incoraggiare lo sviluppo di veicoli pratici "puliti": riguarda solo le vetture a cinque porte di dimensioni familiari. Il progetto Efficient-C, che è costato 3 milioni di sterline (circa 4,4 milioni di euro) in 2 anni, ha ricevuto 1,5 milioni di sterline (circa 2,2 milioni di euro) dal DfT . Altri due progetti sono stati finanziati nell'ambito di questo programma: uno è stato bloccato dallo studio di fattibilità e l'altro, guidato dalla società Zytek, dovrebbe essere completato il prossimo anno.
Ricardo, una società di ingegneria e consulenza per l'industria automobilistica, responsabile del progetto, ha fornito i sistemi di controllo per il motore ibrido ed è stato coinvolto nell'integrazione di questo nel veicolo. PSA Peugeot Citroën, da parte sua, ha fornito il veicolo base, i componenti per il motore ibrido e i sistemi di controllo del veicolo. QinetiQ, società parzialmente privatizzata trasformata dalla DERA militare, ha fornito le proprie competenze per lo stoccaggio dell'energia, in particolare per le reti di batterie e cavi di alimentazione.

Leggi anche:  Classifica di auto

La scelta della Citroën Berlingo può sembrare strano per un concorso riguardante auto familliales con cinque porte. Le sue caratteristiche aerodinamiche sono molto diverse da quelle dei veicoli standard C-classe. Tuttavia, il suo interno è più spazioso, rendendolo più funzionale per apparecchiature di controllo test. Il prototipo presentato nel giugno 2 2006 è compatibile con la normativa europea Euro IV ed è dotato delle seguenti tecnologie:
- Motore diesel PSA Peugeot Citroën 1,6 HDi;
- un motore elettrico compatto da 23 kW e 288 V in corrente continua montato tra il motore diesel e l'albero di trasmissione; può fornire fino a 130 Nm di coppia aggiuntiva;
- un cambio manuale a 5 marce;
- una batteria agli ioni di litio da 288 V.
Il sistema ibrido ha sei diverse modalità operative:
- propulsione convenzionale utilizzando il motore diesel;
- il motore elettrico si ricarica sul motore diesel, producendo elettricità così immagazzinata nella batteria per usi futuri;
- quando l'auto richiede accelerazioni significative, l'energia immagazzinata nella batteria viene trasmessa al motore elettrico che fornisce coppia aggiuntiva;
- a bassa velocità il motore elettrico funziona da solo, alimentato dalla batteria (risparmio di carburante e quindi emissioni di CO2); il veicolo può percorrere 10 km in modalità elettrica;
- quando il veicolo sta frenando, il motore elettrico assorbe l'energia cinetica del veicolo e la immagazzina nella batteria (frenata retroattiva);
- a veicolo fermo, il motore diesel produce elettricità che viene immagazzinata nella batteria, a differenza della Toyota Prius, un veicolo ibrido attualmente in commercio, che arresta il suo motore elettrico quando il veicolo è fermo.

Leggi anche:  Diestere: sintesi Francese

Considerando il numero di modalità, i sistemi di controllo sono molto importanti e il software che gestisce le transizioni tra motore diesel ed elettrico ha una dimensione di 70 MB contro i 30-40 MB del software che controlla solo un motore diesel. Il pedale destro è collegato al sistema di controllo del motore ibrido e non più all'acceleratore.

Inoltre, sono necessari molti sistemi aggiuntivi per garantire il corretto funzionamento del veicolo nelle sue 6 modalità operative:
- un sistema di raffreddamento a bassa temperatura a protezione delle parti elettroniche del motore;
- un convertitore DC-DC, che trasforma la corrente prodotta da 288 V in 12 V (produzione diretta più efficiente di 12 V);
- impianti elettrici ausiliari: servosterzo, pompa a depressione per frenatura assistita e impianto di climatizzazione.
Questo prototipo non è ancora pronto per essere commercializzato: l'attuale costo di attrezzature e di fabbricazione fa sì che questo Berlingo costa 3 sterline (circa 000 euro) in più rispetto al modello attualmente in vendita. Gli industriali di PSA stimano che il costo aggiuntivo dell'auto dovrebbe essere al massimo di 4 sterline (circa 400 euro) per consentirne la produzione in serie.

Leggi anche:  servizio leggero


Fonte: Adit

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *