Quale aiuto puoi finanziare per l'installazione di una pompa di calore?

L'installazione di una pompa di calore richiede un budget significativo. Tuttavia, si tratta di un investimento saggio per migliorare il comfort termico e risparmiare denaro a lungo termine. Inoltre, c'è molto aiuto disponibile.

Presentazione del bonus energetico

I fornitori di energia hanno l'obbligo di seguire gli obiettivi imposti dal governo francese. Per questo è stato istituito un bonus energetico, particolarmente interessante per i privati ​​che desiderano installare una pompa di calore e più in generale per interventi di riqualificazione energetica. Entrano in gioco diversi parametri come la superficie riscaldata, l’ubicazione del tuo immobile e l’efficienza energetica stagionale della tua pompa di calore. Per calcola l'importo del tuo bonus energetico, utilizza un simulatore affidabile per procedere con tranquillità nel tuo progetto.

Per ottenerlo dovrai compilare la tua pratica e poi presentarla al tuo fornitore di energia. Tuttavia, non dimenticare di compiere questo passaggio prima di aver effettuato l'operazioneinstallazione della vostra pompa di calore. Altrimenti purtroppo non potrai trarne beneficio. Affinché la tua pratica sia considerata completa, fornisci diversi documenti giustificativi come una dichiarazione giurata, la qualifica dell'installatore professionista nonché la certificazione delle apparecchiature che intendi installare.

Una volta aggiunte queste varie informazioni al tuo file, questo verrà studiato da un esaminatore e riceverai una risposta positiva o negativa. In caso di risposta favorevole potrai conoscere anche l’importo del bonus energia e questa è un’ottima notizia per ridurre la bolletta.

Leggi anche:  Isolamento di legno naturale e materiali a base di legno

My Renovation Prime: un aiuto essenziale

Appena si intraprendono lavori di riqualificazione energetica e in particolare l'installazione di una pompa di calore, è impossibile non parlarne Il mio "bonus" Renov. Probabilmente ne hai sentito parlare, ma non sai ancora quali passi compiere per trarne beneficio. Questa volta dovrai rivolgerti all'Agenzia nazionale per il miglioramento dell'edilizia abitativa, ovvero all'ANAH. Si tenga presente che l'importo dell'aiuto può arrivare a 2 euro per i nuclei familiari che rientrano nella categoria viola, rispetto ai 000 euro per la categoria gialla ed infine ai 3 euro per la categoria blu. Per scoprire in quale categoria ti trovi la soluzione è creare la tua pratica con la partecipazione di un istruttore ANAH.

Anche in questo caso il processo deve essere intrapreso prima di installare la pompa di calore. Inoltre, è necessario collaborare con un'azienda che possiede il prezioso marchio RGE. Da parte tua, ti consigliamo di creare immediatamente il tuo account online andando all'indirizzo appropriato: maprimerenov.gouv.fr. Ancora una volta, scoprirai molteplici condizioni per beneficiare di questo prezioso bonus. Per avere un quadro immediato della situazione vi consigliamo di rivolgervi ad un professionista esperto e abituato a gestire questo tipo di richieste.

Finanzia facilmente l'installazione di una pompa di calore con l'ecoprestito a tasso zero

La PTZ è compatibile con l'installazione di una pompa di calore. Tuttavia, è imperativo eseguire almeno altri due lavori separati per risparmiare energia. Il prestito deve essere approvato da un istituto bancario che ha stipulato una convenzione con lo Stato francese. Possono beneficiarne diversi soggetti quali società civili, proprietari, occupanti, comproprietari e locatori.

Leggi anche:  Trattamento dell'umidità delle pareti

Niente paura, il prestito a tasso zero è perfettamente compatibile con gli altri aiuti sopra menzionati. Si tratta di un prestito bancario senza interessi con un massimale di 50 euro. Una somma più che sufficiente per l'installazione di una pompa di calore, ma anche per realizzare altri lavori di miglioramento energetico come la coibentazione interna o l'installazione di un cumulo termodinamico. La cosa più semplice è informarsi sul lavoro ammissibile.

Altra particolarità da tenere in considerazione, la durata del rimborso non può superare i 20 anni. Per trarne vantaggio, tieni presente che le risorse non verranno prese in considerazione. L'unico passo da compiere è rivolgersi ad un istituto bancario che finanzia questo tipo di prestito e presentare la propria pratica, fornendo ovviamente tutti i documenti giustificativi. Dopo l'esame della banca, riceverai una risposta il prima possibile, ma purtroppo l'accettazione della tua pratica non avviene automaticamente.

Approfitta di un'aliquota IVA ridotta

Il governo incoraggia l'installazione di pompe di calore e di conseguenza nel 2014 è stata adottata una nuova misura che consiste nel proporre un'aliquota IVA del 5,5% applicabile sia alla manodopera che ai lavori e alle forniture. Per poter beneficiare di questa riduzione particolarmente vantaggiosa, ricordiamo che sono state poste in essere diverse condizioni.

Leggi anche:  Guida solare 2020: quanto costa un'installazione di pannelli fotovoltaici?

Devi essere il proprietario, l'occupante o l'affittuario del tuo immobile. Sono state poste altre condizioni, come essere un occupante o un inquilino libero. Infine, non dimenticare di tenere in considerazione che la casa deve essere stata completata 24 mesi fa. L’ultimo elemento riguarda se risiedi in un alloggio primario o secondario.

Hai pensato di rivolgerti agli enti locali?

A volte esistono aiuti locali e per scoprirli è necessario contattare la propria regione e il proprio dipartimento. Anche in questo caso gli aiuti vengono concessi quando riguardano l'abitazione principale e quando i lavori comportano un risparmio energetico. Il modo più semplice è recarsi subito presso il proprio Comune, perché è un punto di partenza fondamentale per conoscere la procedura da seguire.

Cosa ricordare

L'installazione di una pompa di calore offre un vero comfort termico durante il periodo invernale. Il risparmio energetico sarà effettivamente presente, ma non dimenticate di installare i file appropriati prima di installare un dispositivo del genere. Inoltre, dovrai collaborare con un professionista che abbia il Etichetta EGR. Ti consigliamo di prenderti il ​​tempo necessario per studiare la tua ammissibilità, perché l'importo dell'aiuto riduce notevolmente il conto finale.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *