Robot elettrico per piscina

Quali sono i diversi tipi di robot per piscine?

La pulizia della piscina è uno dei compiti di cui vorremmo fare a meno, per avere solo i vantaggi di avere in casa una bella piscina in cui fare il bagno quando fa caldo. Eppure igiene dell'acqua e della piscina, così come il comfort e la salute dei bagnanti, dipendono da questo. Dobbiamo quindi trovare soluzioni che integrino l'azione combinata dei prodotti chimici con cui trattiamo l'acqua e il sistema di filtrazione della piscina. È possibile lavare tutto a mano, utilizzando una spugna, una spazzola e una rete, ma questo è particolarmente doloroso, per non parlare del tempo che bisogna dedicargli. Il modo migliore, che è anche il più veloce e il meno restrittivo, per ottenere una pulizia ottimale, consiste in utilizzare un robot pulisci piscina. Esistono due famiglie principali di robot per piscine: robot per la pulizia idraulica e robot elettrici per piscine.

Il robot idraulico per pulire la piscina

Pulisci il fondo di una piscina è difficile, perché appena si tocca lo sporco che si deposita tende a muoversi con il movimento dell'acqua. Inoltre, è necessario essere in acqua da soli se non si utilizzano apparecchiature di pulizia automatizzate. Se all'inizio può essere divertente, ti stanchi abbastanza in fretta di questa operazione, tanto che devi rinnovarla quotidianamente, soprattutto durante l'alta stagione, l'estate, quando tutti vogliono potersi fare il bagno tutti i giorni. Per soddisfare questa esigenza sono stati sviluppati robot idraulici.

Energia idroelettrica in piscina

Se si chiama “idraulico”, è perché è un dispositivo che funziona grazie alla forza dell'acqua. In una piscina fuori terra come in una piscina interrata, è presente un sistema di pompaggio e filtrazione che genera flussi d'acqua. Questa viene aspirata tramite gli skimmer, che raccolgono parte delle impurità che galleggiano e passano sotto la superficie. L'acqua prosegue il suo percorso, grazie alle pompe, al sistema di filtrazione della piscina, che eliminerà le impurità residue. Quindi, liberato di ciò che conteneva di indesiderabile, prosegue il suo percorso e trova, attraverso le bocchette di scarico, il bacino, che genera un forza idraulica, su cui si basa il principio di funzionamento del robot idraulico della piscina.

Leggi anche:  Etichetta energetica: migliorare l'informazione sul rendimento energetico e durata del prodotto

Il funzionamento del robot idraulico della piscina

Le piscine sono dotate di una presa dedicata alla loro pulizia denominata “presa spazzatrice”. L'acqua viene aspirata attraverso questa apertura, allo stesso modo degli skimmer. Il robot idraulico si collega a questa presa oa uno skimmer, a seconda del modello e della marca, tramite un tubo flessibile. In entrambi i casi, il principio rimane lo stesso:

  1. l'acqua viene aspirata
  2. passa attraverso il robot, in direzione della presa o dello skimmer
  3. la forza idraulica spinge il robot sulle sue ruote e gli permette di muoversi
  4. così facendo aspira le foglie morte e altri residui vari che si sono depositati sul fondo della vasca
  5. questi ultimi vengono aspirati e raggiungono il sistema di filtrazione della piscina, in cui vengono setacciati
  6. l'acqua esce nella vasca, pulita, tramite gli ugelli di ritorno

Il robot descrive una corsa casuale e spesso deve essere spostato a mano in modo da aspirare lo sporco dove non è andato. Alcuni moderni robot sono fatti per realizzare percorsi a spirale, in modo da poter eliminare quanti più sprechi possibile, ma questo è ancora insufficiente per pulizia accurata della piscina, il suo fondo, le sue pareti e soprattutto la sua linea di galleggiamento.

tubo per piscina

Il robot pulsatore idraulico

C'è un tipo speciale di robot idraulici per piscine, questi sono i robot pulsatori. Anch'essi sono alimentati da energia idraulica, ma il loro funzionamento è diverso. Il loro principio di azione è utilizzare la forza dell'acqua ma nella direzione opposta: l'acqua viene espulsa dal robot con forza, per sciogliere lo sporco presente sul fondo della piscina. Per rendere ciò possibile, il robot è collegato ad un ugello di scarico, tramite un tubo. Affinché la potenza idraulica sia sufficiente, è necessario prima installare un booster nel sistema di pompaggio e filtrazione della piscina. L'impatto è quindi più forte e lo sporco si stacca, prima di essere espulso dalla piscina.

Leggi anche:  Gli isolanti ecologici, link e documenti

Il robot elettrico per piscine

C'è un dispositivo che è entrambi più autonomo del robot idraulico e più efficiente del robot pulsatore: questo è il robot elettrico per piscina. Collegato ad un trasformatore a sua volta connesso alla rete elettrica domestica, ha una potenza maggiore, pur essendo sicuro per l'utente (motore elettrico a bassa tensione). Inoltre, grazie all'alimentatore, ha un maggior numero di funzioni. Facile da usare grazie alla sua tecnologia plug & play, è una delizia per chi desidera la più pulita delle piscine, senza sforzo.

I vantaggi dei robot di tipo elettrico

Innanzitutto, i robot elettrici per piscine hanno un grande vantaggio: sono dotati di spazzole. L'energia elettrica consente loro di essere azionati durante il ciclo di pulizia del robot. Così, muovendosi, rimuove lo sporco, anche quello che è profondamente incastrato nel telo, cemento, PVC o anche il poliestere che costituisce il rivestimento della piscina. Indipendentemente dal tipo di piscina, spazzola avanti e indietro e ogni impurità viene poi risucchiata nel corpo del robot. Alcuni robot elettrici per piscine sono dotati di diversi filtri, un filtro per i detriti più grandi e uno per le particelle più fini. Molti modelli di robot elettrici per piscine sono in grado di rimuovere lo sporco non solo dal fondo del laghetto, ma anche dalle pareti della piscina. Aderiscono al rivestimento e, grazie alla propulsione elettrica, salgono lungo la parete. In alcune gamme, ci sono anche robot autonomi che salgono i muri per andare pulire la linea dell'acqua, questo particolare luogo in cui l'acqua è a contatto con l'aria e dove lo sporco si incrosta, i batteri proliferano ed è probabile che inizino a svilupparsi le alghe.

Leggi anche:  ECD: strumenti e metodi per il calcolo di una diagnosi della prestazione energetica

In sintesi, è molto più autonomo di qualsiasi altro dispositivo dedicato alla pulizia delle piscine :

  • spazzola il rivestimento per rimuovere tutti i tipi di impurità, compresi alghe e batteri
  • aspira lo sporco man mano che avanza
  • li filtra ed è quindi indipendente dal sistema di filtrazione della piscina, che libera da carica

robot per la pulizia della linea idrica della piscina

Tecnologie integrate

Oltre a questa capacità unica di pulire in modo autonomo e radicale il fondo, le pareti e la linea di galleggiamento grazie al suo sistema di spazzolatura, il pulitore elettrico per piscine può avere altri punti di forza. Prendiamo alcune funzionalità offerte dal Detergenti per piscine Dolphin :

  • scansiona la superficie della piscina che deve pulire, e quindi calcola le distanze che deve coprire, per cui pulisce assolutamente l'intero rivestimento, senza dimenticare il centimetro quadrato più piccolo
  • telecomando, grazie a un sistema di controllo remoto, o anche su uno smartphone tramite un'applicazione mobile
  • possibilità di avere più cicli di pulizia, che possono essere scelti sia tramite il trasformatore elettrico che sul telecomando o sull'applicazione mobile
  • funzione “prendimi”) per tornare a bordo vasca e facilitarne l'estrazione dall'acqua.

Decisamente più autonomo e molto più efficiente degli altri, un robot elettrico per piscina è quindi una risorsa importante per ottenere un'acqua cristallina e una piscina perfettamente pulita.

Un'alternativa alla pulizia della tua piscina sarebbe l'uso di piscina naturale, ma la loro manutenzione deve essere rigorosa e la loro progettazione richiede uno spazio di lagunaggio spesso incompatibile con le superfici dei giardini delle abitazioni private.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *