Il riscaldamento globale: verso un aumento dei livelli del mare

Due nuovi studi, pubblicati sulla rivista Science il 24 marzo, confermano l'impatto del riscaldamento globale sull'innalzamento del livello del mare.

Affidati ai climi del passato ...
Per avere un'idea delle probabili conseguenze del riscaldamento globale sull'innalzamento del livello del mare, i ricercatori del National Center for Atmospheric Research (NCAR) e dell'Università dell'Arizona hanno simulato computazionalmente l'ultimo prolungato periodo di riscaldamento 130 anni fa. Gli oceani erano quindi almeno sei metri sopra il loro livello attuale.

Il glaciologo Bette Otto-Bliesner dell'NCAR e il suo collega Jonathan Overpeck dell'Università dell'Arizona, hanno attinto a dati paleoclimatici, in particolare da coralli fossili e carote di ghiaccio.
Bette Otto-Bliesner sottolinea che "le calotte glaciali ai poli si sono già sciolte in un lontano passato provocando un brusco innalzamento del livello del mare con temperature allora non molto superiori a quelle odierne". Ecco perché il confronto sembra interessante.

Leggi anche:  India: progetto Air metro

... per predire il nostro futuro
Entrambi gli studi mostrano che con l'attuale e sostenuto aumento della concentrazione di gas a effetto serra nell'atmosfera, le temperature estive potrebbero aumentare nell'Artico da 3 a 5 ° C entro la fine del secolo. .
Infatti, gli scienziati del National Snow and Ice Data Center (NSDIC) hanno notato in uno studio pubblicato alla fine del 2005 che, negli ultimi quattro anni, la temperatura media sulla superficie dell'Oceano Artico è stata, tra gennaio e agosto 2005, Da 2 a 3 gradi Celsius in più rispetto agli ultimi cinquant'anni.

A livello planetario, ci aspettiamo piuttosto, negli scenari più ottimistici e desiderabili, un aumento di 2 ° C della temperatura media sulla Terra entro il 2100; l'Artico sperimenterebbe quindi, con un surplus compreso tra 1 e 3 ° C, le condizioni climatiche che prevalevano 130 anni fa, l'ultimo periodo caldo tra la precedente e l'ultima era glaciale.
Si noti che questo precedente riscaldamento era quindi la conseguenza di una variazione dell'asse di rotazione e dell'orbita terrestre, e non di un aumento del contenuto di gas serra.

Leggi anche:  Il costo dei biocarburanti

Per saperne di più

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *