Il riscaldamento si rompe tundra


Condividi questo articolo con i tuoi amici:

Scomponendosi, a causa dell'aumento della temperatura, la tundra produrrà anidride carbonica e quindi accelererà ulteriormente il riscaldamento.
Finora, molti studi hanno previsto che il riscaldamento globale avrebbe reso la tundra un'area più verde. In questo scenario, le piante che lo occupano crescono rapidamente immagazzinando più anidride carbonica. Paul Grogan, specialista degli ecosistemi del nord a Queen University, e colleghi portano alla conclusione opposta: essi credono che il riscaldamento sarà anche promuovere la decomposizione della torba e altre piante. E questo aumenterà di circa 25% la concentrazione di anidride carbonica nell'atmosfera. Michelle Mack, che ha condotto lo studio, ha studiato terreni fertilizzati artificialmente in Alaska. Aggiungendo azoto e fosforo al loro suolo, ha riprodotto la qualità nutrizionale che sarebbe prodotta da un riscaldamento pronunciato della zona artica. Tra 1981, l'inizio dell'esperimento e 2000, i suoli da lei studiati hanno subito una perdita netta di 2 di chilogrammi di carbonio per metro quadrato. La perdita maggiore si è verificata più di 5 centimetri sotto la superficie del terreno. Era passato inosservato fino ad ora perché le misurazioni coprivano solo lo strato superficiale.
Mentre il terreno si scalda, l'attività microbica aumenta. I microrganismi digeriscono la materia organica e rilasciano anidride carbonica, azoto e fosforo, che stimolano la crescita delle piante. Questa crescita è raddoppiata con il riscaldamento globale: arbusti di circa cinquanta centimetri ora sostituiscono le carpe [un'erba compatta] che cresce vicino al suolo. Ma la quantità di carbonio emessa dall'accelerazione della decomposizione supera quella assorbita da questa nuova copertura vegetale.
Paul Grogan e Michelle Mack sottolineano che i loro esperimenti si sono concentrati su un aspetto del complesso ciclo del carbonio tra l'atmosfera e la terra: l'effetto dell'aumento dei nutrienti nel suolo. Questi risultati non si applicano necessariamente ad altre regioni del nord, come le enormi torbiere boreali o il deserto polare. E ci sono altri fattori ambientali da considerare, come la fusione del permafrost e il riscaldamento del suolo, dicono i ricercatori. Tuttavia, "questi risultati sfidano alcune delle nostre ipotesi. Si pensava che se avessi avuto più piante e alberi, avresti automaticamente immagazzinato il carbonio, anche se solo temporaneamente ", dice Tim Moore, professore di geografia alla McGill University che studia il ciclo del carbonio. in una torbiera vicino a Ottawa.
Peter Calamai The Toronto Star

Fonte: Courier Internationnal

commenti Facebook

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *