Ridurre le emissioni di metano entro il 2015

Gli Stati Uniti hanno appena firmato un protocollo con altri 13 paesi che prevede una riduzione delle emissioni di metano entro il 2015. Per raggiungere questo obiettivo, gli Stati industrializzati dovranno aiutare i più poveri a mettere in atto tecnologie efficienti per la raccolta dei fumi di gas. effetto serra, soprattutto nelle miniere di carbone e sui giacimenti di petrolio e gas. L'amministrazione statunitense stima alcuni dei costi associati a questa iniziativa in circa 53 milioni di dollari in 5 anni.

 L'obiettivo è catturare, entro dieci anni, non meno di 9 milioni di tonnellate di metano all'anno, che possono essere vendute come fonte di energia. Gli industriali e gli ambientalisti accolgono con favore questo accordo, comprese le principali nazioni emittenti come Cina e India. Ma alcuni si rammaricano apertamente del rifiuto della Casa Bianca di ratificare il protocollo di Kyoto che
attacca la principale causa dell'effetto serra, l'anidride carbonica (CO2). Infatti, la quota di metano in questo fenomeno è solo del 16% contro oltre il 60% della CO2. Gli altri firmatari sono Argentina, Australia, Brasile, Colombia, Italia, Giappone, Messico, Nigeria, Regno Unito, Russia e Ucraina. NYT 17/11/04 (Stati Uniti e altri 13 stati concordano sulla spinta alla raccolta di metano)

Leggi anche:  equilibrio Environnental di biocarburanti, marketing etico e regolazione termica.

http://www.nytimes.com/2004/11/17/politics/17enviro.html

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *