La respirazione marina gioca sul clima

Un gruppo di ricerca dell'IFM-GEOMAR, istituto per le scienze del mare della comunità di Leibniz, pubblica nell'ultima edizione di Science le conclusioni delle opere secondo le quali l'oceano "respirerebbe". Gli scienziati di Kiel usavano esclusivamente nel Mare del Sud
Labrador, un robot di misura con sensori di ossigeno.

La ricerca, condotta nell'ambito di un progetto internazionale, mostra che in inverno questo mare "ispira" grandi quantità di ossigeno atmosferico. Come un polmone, il Labrador Sea sembra fornire ossigeno a una larga parte degli strati profondi dell'Oceano Atlantico. Le misurazioni mostrano anche che l'ossigeno assorbito viene rapidamente ridistribuito attraverso le correnti oceaniche in tutto l'oceano.

Ciò potrebbe avere conseguenze significative per la ricerca sul clima, poiché la concentrazione oceanica di ossigeno è strettamente legata a quella dell'atmosfera. Questa scoperta apre quindi la strada a nuove ricerche sui cambiamenti climatici.

Leggi anche: Olio: investimenti globali sono attesi in crescita nel 13 2005 per cento

Contatti:
- Prof. Arne Kortzinger, IfM-GEOMAR - email:
akoertzinger@ifm-geomar.de
Bibliografia: "L'oceano prende un respiro profondo", Scienza, 19/11/2004. autori
A. Kortzinger, J. Schimanski, U. Send, D. Wallace
Fonti: Depeche IDW, Comunicato stampa dell'Istituto Leibniz per
Scienze marine, 18 / 11 / 2004
Editor: Antoinette Serban,
antoinette.serban@diplomatie.gouv.fr

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *