Coronavirus

Riconferma e crisi Covid: la fine dei consumi? Cambiamenti verso un mondo più verde

La Crisi del coronavirus non ha tutti gli svantaggi. Siamo ancora mascherati, ovviamente, ma la natura ha respirato un po 'meglio dall'inizio di questa crisi! L'imminente crisi economica metterà a dura prova il nostro reddito, i nostri stili di vita e il nostro modo di consumare. Forse questo è l'inizio della fine del consumismo antropogenico ... o almeno la fine dell'inizio? E allora? Non è giunto il momento di tornare a un consumo più responsabile? Uno stile di vita più in linea con la salvaguardia delle risorse e del clima nel rispetto delle generazioni future? Non è giunto il momento di smettere di trovare la tua "felicità" nel consumo eccessivo narcisistico che alla fine porta una soddisfazione personale magra ed effimera? Consumare troppo per essere "più felici" è ciò che chiamiamo "consomlation" (consumare per conforto). Imparare la sobrietà felice, piuttosto che piangere per la perdita di reddito e potere d'acquisto, contribuirà sicuramente a limitare l'infelicità delle persone durante l'imminente crisi economica.

Ciò è tanto più vero dal momento che il tanto atteso post-coronavirus rischia di non esistere e di trasformarsi in una controparte permanente del coronavirus. In effeti; sempre più persone credono che Covid diventerà endemica. C'è ancora tempo per cambiare ... l'accumulo di ricchezza non dovrebbe più essere un obiettivo!

Novethic ha fornito una panoramica delle azioni positive per l'ambiente già acquisite dall'inizio di questa crisi.

Il ritorno della reclusione è un duro colpo per tutti i francesi e gli europei. In primavera abbiamo creduto in un "mondo dopo" ma le nostre speranze sembrano essere state deluse. Alziamo la testa! Grazie ai tanti inviti a cambiare i modelli, negli ultimi mesi le linee si sono spostate: la Cina è impegnata per il clima, l'industria alimentare sta diventando più economica, il Mercosur viene rifiutato… Ci sono "ragioni per questo" credere "! Panoramica dei cambiamenti positivi per l'ambiente dalla crisi del Coronavirus

La neutralità del carbonio in Cina, Giappone, Corea del Sud

Tre delle maggiori economie sono impegnate nel clima. Cina, Giappone e Corea del Sud hanno appena annunciato un obiettivo di carbon neutrality, nel 2060 per il primo, nel 2050 per gli altri due. Questo non è un impegno da poco per i paesi le cui economie dipendono fortemente dal carbone. Ad esempio, il mix elettrico della Cina è basato sul 62% di carbone. Gli sforzi di questi paesi motiveranno anche gli Stati Uniti a recuperare il ritardo con l'era Trump, che sia già nel 2020 o più tardi. Da parte dell'Europa, la zona più avanzata sul clima, stiamo anche aumentando le nostre ambizioni nonostante la brutalità della crisi sanitaria. In un discorso sullo stato dell'Unione a settembre, la presidente Ursula von der Leyen ha difeso l'obiettivo di ridurre le emissioni di gas a effetto serra del 55% entro il 2030 rispetto al 1990, rispetto al 40% attualmente .

Leggi anche:  Guyana francese e cercatori d'oro: la legge della giungla, cronaca video

Petroliere che cambiano paradigma (hm hmm ... davvero?)

La crisi petrolifera, causata dalla crisi sanitaria globale, ha costretto le major a cambiare idea. Con la domanda in calo e i prezzi bassi, non è più possibile investire in megaprogetti con redditività limitata. L'amministratore delegato di Total, Patrick Pouyanné, ha spiegato che la produzione di petrolio dell'azienda ristagnerà o addirittura diminuirà entro il 2030. Una rivoluzione copernicana! E aggiunge: "Siamo nella Top 5 dei produttori di petrolio, vogliamo essere nella Top 5 delle energie rinnovabili". : Mrgreen:

La Francia rifiuta il Mercosur in nome dell'ambiente

Prima era un simbolo del mondo. Da 20 anni Europa e Mercosur, composti da paesi sudamericani, stanno negoziando uno dei più grandi scambi di libero scambio finora. E quest'ultimo potrebbe non vedere la luce per motivi ambientali. La Francia ha annunciato all'inizio di settembre di opporsi al progetto così com'è perché "la deforestazione mette in pericolo la biodiversità e sconvolge il clima", ha affermato Jean Castex. Un rapporto ha infatti stimato che l'aumento dal 2 al 3% della produzione di carne bovina che deriverebbe da una maggiore apertura dei mercati dei due continenti dovrebbe portare ad un'accelerazione della deforestazione annua del 5% annuo. Questo trattato potrebbe ribaltare l'Amazzonia in quello che gli scienziati chiamano il "punto di non ritorno"

Leggi anche:  Scarica: Eric Laurent FR3, navi cisterna sono signori (della guerra)

Bici : la piccola regina è tornata

Questa è una delle conseguenze indesiderate del Covid-19. Ad aprile, usciti dal carcere, centinaia di cittadini hanno deciso di salire in bicicletta per evitare la promiscuità imposta ai mezzi pubblici. In Île-de-France, in sei mesi sono stati realizzati quasi 150 km di piste ciclabili per far fronte a questa nuova mania, che ha anche il vantaggio di combattere l'inquinamento atmosferico. Secondo il Cycling Towns Club, delle 70 comunità che hanno creato "coronapistes", quasi l'80% intende perpetuarle. Il secondo confinamento potrebbe stabilire questa nuova pratica ancor di più nelle nuove abitudini di viaggio.

Il secondo vento nella lotta contro rifiuti alimentari

Più di 200 colossi dell'agroalimentare si sono impegnati alla fine di settembre a dimezzare lo spreco alimentare entro il 2030. Tra questi, colossi come Unilever, Mondelez, McCain e Kellogg. Ogni grande gruppo deve anche convincere 20 dei suoi fornitori a impegnarsi in questo processo. Se ancora oggi quasi un terzo del cibo prodotto nel mondo viene sprecato, molte startup si sono impegnate in questa lotta negli ultimi anni. In Francia, Too good to go è riuscita così a convincere una cinquantina di aziende di trasformazione alimentare a rivedere la visualizzazione delle date di scadenza. Questi ultimi, di non facile comprensione, sono responsabili del 20% degli sprechi alimentari nelle famiglie.

Leggi anche:  Il consumo dei tipi di carne nel mondo

L'Europa guida chiaramente il investimenti verdi

Finanzia ciò che è verde e devia da ciò che è marrone. Questo è l'oggetto della tassonomia europea svelata lo scorso dicembre. Un lavoro titanico per guidare gli investitori attraverso un elenco di settori favorevoli al clima e all'ambiente Una prima al mondo che viene emulata in Canada, Russia, Cina… "L'idea che l'Europa deve essere coerente e dotarsi degli strumenti necessari per attuare i progressi della transizione. La tassonomia ci aiuterà a cambiare le regole del gioco sui mercati finanziari per un'economia veramente allineata con l'Accordo di Parigi ”, assicura l'eurodeputato Pascal Canfin, uno degli artefici di questo strumento.

Discuti il mondo post-Coronavirus

Fonte parziale: Novethic

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *