Scollegare il dispositivo

Risparmio energetico: quali elettrodomestici staccare per ridurre la bolletta elettrica?

Il tema del risparmio energetico è ormai al centro delle preoccupazioni delle famiglie, sia per ridurre la bolletta elettrica sia per motivi ecologici. Una delle azioni quotidiane più semplici da adottare per ottenere questi risparmi energetici è conoscere gli elettrodomestici più energivori della casa e staccare la spina quando non li utilizziamo.

Inoltre, il mercato dell'elettricità è attualmente piuttosto teso in Europa e in particolare in Francia dove esistono rischi di blackout. Il governo francese ha persino istituito lo strumento per monitoraggio della rete elettrica ecowatt per prevenire il rischio di interruzioni di corrente. Tuttavia, un piccolo calcolo d'angolo del tavolo consente di stimare che la produzione di un reattore nucleare rappresenta solo una trentina di watt per tutte le case in Francia! E 30 W sono solo pochi dispositivi rimasti in standby... e per niente la maggior parte del tempo!

Scopriamoli insieme e vediamo i semplici gesti che permettono di fare grandi risparmi, fino a poche centinaia di euro all'anno...e ridurre anche il rischio di possibili futuri tagli alla rete elettrica!

Perché staccare la spina degli elettrodomestici?

Molte persone non lo sanno, ma quando lasciamo i nostri elettrodomestici in standby, continuano a consumare elettricità. Questo consumo, chiamato “standby parassitario”, rappresenta circa l'11% del consumo annuo di elettricità di una famiglia. Questa energia è puramente e semplicemente sprecata, ma rappresenta, a fine anno, una cifra importante sulla nostra bolletta elettrica.

Sulla base degli studi Eurostat condotti nel 2021, il consumo medio di elettricità per persona in una famiglia può essere stimato tra circa 500 e 600 euro all'anno, di cui 55-66 euro sono spesi per gli elettrodomestici in standby. Prendere la buona abitudine di staccare i dispositivi inutilizzati permette a una famiglia numerosa di risparmiare diverse centinaia di euro all'anno sulla bolletta finale!

Inoltre, dovrebbe essere realizzato che questo studio è stato condotto prima dell'impennata dei prezzi dell'energia. Certo, sono stati messi in atto misure di scudo tariffario e di limitazione dei prezzi per le tariffe regolamentate, ma uno studio di Selectra stima comunque che tra il 2020 e il 2023 le famiglie abbiano registrato un aumento della bolletta di circa il 30%. Quindi tanto vale adottare i giusti riflessi per limitare le rotture! Ma come sapere se un dispositivo sta consumando molta elettricità e quale staccare prima? Facciamo il punto insieme.

Leggi anche:  Perché scegliere un fornitore di elettricità verde?

Suggerimenti per sapere se il tuo dispositivo consuma molta elettricità

In realtà è molto facile capire se il tuo elettrodomestico sta consumando molta elettricità. Basta guardare l'etichetta energetica presente su tutti i dispositivi. Istituito nel 1992, è un obbligo legale. Se non si dispone più di questa etichetta, è possibile trovare facilmente le informazioni su Internet. In ogni caso, ricorda che maggiore è la potenza in watt o kilowatt (kW/h), maggiore sarà il tuo consumo.

Ma avere questi dati grezzi rimane poco chiaro per molte persone. Può essere quindi interessante, per prendere coscienza dello stato della situazione, avere una panoramica comparativa dei consumi per device. Ecco due esempi significativi:

  • un box sempre illuminato consuma quanto una lavatrice usata 200 volte l'anno,
  • mentre una console di gioco accesa per 3 ore al giorno (o in standby 30 ore su 24) consuma quanto un forno elettrico utilizzato tre volte alla settimana per alimentarsi.

Quando ti rendi conto di questo livello di consumo, capisci abbastanza chiaramente l'utilità di scollegare i tuoi dispositivi quando non ne hai bisogno!

Per aiutarti a tracciare in modo ancora più preciso questo consumo ci sono molti modi, in particolare adottando dispositivi connessi o installando applicazioni dedicate. È così possibile stimare o misurare con precisione il consumo di ogni dispositivo, programmare lo standby automatico o anche controllare da remoto l'accensione o lo spegnimento delle sue apparecchiature elettriche se sono connesse a Internet.

Leggi anche:  Da Parigi a Fukushima, i segreti di un disastro

Ma allora, quali sono i dispositivi da staccare per primi?

Il modo più semplice per vedere chiaramente è prendere la domanda pezzo per pezzo. Ci sono tre principali spazi abitativi che consumano energia: la cucina, il soggiorno e il bagno.

La cucina

Se guardiamo al lato cucina, non mancano gli elettrodomestici: il forno, il piano cottura, la cappa, il frigorifero o anche la lavastoviglie sono tutti elettrodomestici che consumano energia ma sono difficili o addirittura impossibili da staccare, sono incassati. Concentratevi quindi principalmente su ciò che è accessibile e su piccoli elettrodomestici come il tostapane, la caffettiera, il bollitore o il microonde. Tuttavia, il tuo spazio di manovra su questo lato è limitato.

Il soggiorno e la multimedialità

Sul lato soggiorno, quasi tutti gli elettrodomestici possono essere scollegati quando non vengono utilizzati. Generalmente le famiglie hanno una connessione centrale con televisore, internet box e console di gioco nello stesso posto, quindi è sufficiente installare una ciabatta con pulsante di accensione/spegnimento per staccare tutto con un semplice clic non appena vai a letto o lasci il tuo casa!

In generale, anche i dispositivi multimediali come computer, tablet e smartphone consumano molta energia. Per risparmiare energia, si consiglia di scollegare questi dispositivi quando non vengono utilizzati. Inoltre, si consiglia di impostare la luminosità dello schermo al minimo per ridurre il consumo energetico e caricarli di notte.

il bagno

Infine, anche il bagno è un luogo particolarmente energivoro ma purtroppo troppo spesso dimenticato. La lavatrice e l'asciugatrice sono apparecchi particolarmente energivori, sia a riposo che in funzione. Si consiglia quindi di utilizzare la lavatrice nelle ore non di punta e di non sovraccaricarle e abbandonare semplicemente l'asciugatrice e optare per un'asciugatura naturale all'aria aperta. Ancora una volta, scollegare gli apparecchi quando hanno finito può far risparmiare un sacco di soldi.

Leggi anche:  Stirling cogenerazione a pellet di legno da Sunmachine

Anche altri elettrodomestici presenti in bagno sono energivori, come l'asciugacapelli (principalmente i vecchi modelli, è possibile optare per modelli più recenti che consumano fino a tre volte meno) e ovviamente lo scaldabagno. Per quest'ultimo è consigliabile optare per un modello recente a basso consumo energetico e impostarlo ad una temperatura adeguata (intorno ai 55 gradi), che offra comfort senza consumi eccessivi.

Insomma

Adottando comportamenti eco-responsabili dal punto di vista energetico possiamo fare del bene sia alle nostre bollette che al pianeta. Non è complicato e richiede solo un po' di organizzazione e semplici gesti quotidiani, come staccare il caricabatteria del telefono la mattina o spegnere il box prima di andare a letto. È attraverso la sobrietà collettiva quotidiana e la lotta allo spreco che possiamo trovare una delle principali fonti di risparmio energetico, senza che questo influisca sul nostro stile di vita. In caso di domande, non esitare a visitare il forum risparmio di energia elettrica

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *