Il ruolo energetico dell'agricoltura

Agricoltura e le energie rinnovabili, la sfida del terzo millennio

Con Agricoltura Renewable Energy.

Parole chiave: petrolio greggio vegetale, carburanti HVB, biodiesel, biocarburanti, diesterici, energia verde, di girasole, di colza, di paglia, di combustibile biomassa, caldaia a legna, olio motore.

la funzione dell'agricoltura che cambia

Sempre chiesto per l'agricoltura per la produzione di cibo. Nel corso del XX secolo, questa richiesta è stata finalizzata a garantire la produzione e lontano il rischio di carestia. Alla fine della seconda guerra mondiale, è stato sconfitto, dichiarazione sconfitto.
Ciò ha comportato il consolidamento dei terreni, l'impiego di mezzi meccanici e chimici, l'intensificazione che ha portato gli eccessi che vediamo oggi. percorsi di sviluppo agricolo che sono stati seguiti negli ultimi decenni sono le loro parole, c'è ora parla di agricoltura contro la natura.

Per la cronaca, ci sono 100 anni 90% del reddito familiare, è stato destinato per comprare il pane a-Jourd'hui, 5% di questo reddito viene speso per la materia prima necessaria per la produzione di cibo. La proporzione di questo reddito è ora destinata ad altre esigenze, prima di comfort poi altre esigenze più banali che generano lo sviluppo del commercio e degli abusi che causano sia economico, sociale ed ecologico.

Tuttavia, dal 2002, la Commissione europea ha autorizzato gli agricoltori a coltivare sui loro terreni incolti, per uso privato, quanto basta per riscaldarsi e produrre energia. La produzione locale di energia rappresenta infatti una significativa alternativa per una parte della produzione agricola:

- energie rinnovabili, ambiente, effetto serra, azione significativa sull'equilibrio delle emissioni / catture di anidride carbonica,
- riduzione della dipendenza energetica all'origine dei conflitti,
- occupazione nelle zone rurali, solidarietà, ridistribuzione dei collegamenti orizzontali, cogenerazione locale,
- sicurezza alimentare, tracciabilità, controllo dei mangimi animali,
- recupero di valore aggiunto rispetto alle produzioni “delocalizzate”.

Produzione di olio vegetale grezzo e pasto ricco di grassi, in corto circuito.

Come viene prodotto il petrolio?

La produzione di olio è semplice, può essere fatto con piccole macchine. Una delle piccola pressa pesa 45 kg con una capacità produttiva fino a 15 000 l'anno. Con una pressione molto elevata, che separa la porzione semi oleosi solidi e liquidi, girasole, colza.

Entrambi i prodotti sono da questa prima fase:
a) olio di disturbo che è una miscela di olio e fondo vasca, poi viene la sedimentazione che può durare 1 20 giorni nella materia prima e le sue caratteristiche e filtrazione,
b) La torta è un pasto grasso come estratto con solventi necessari per l'alimentazione animale.

In questa fase, l'olio vegetale grezzo può essere utilizzato direttamente come olio alimentare o carburanti.

pasto grasso

La produzione di dolci grassi, corto circuito, fornisce una fonte di proteine ​​tracciato e sicuro. Questo approccio consente l'agricoltore ha ripreso la responsabilità e il pieno controllo della fornitura di bestiame. Gli eventi degli ultimi anni dimostrano che essa rappresenta per il nostro approvvigionamento di rischio-ali contro la natura attraverso l'uso di proteine ​​di origine sconosciuta.

Uso di olio vegetale grezzo (HVB) come carburante

Un'auto diesel con iniezione indiretta può semplicemente funzionare con olio vegetale grezzo come carburante.

L'incorporazione del 30% di olio vegetale grezzo è possibile senza alcuna modifica. L'uso al 100% o nei periodi freddi richiederà maggiore cura o adattamento.

In un'auto diesel a iniezione diretta (HDI, Command Rail, ecc.), Il passaggio all'olio vegetale grezzo richiede adattamenti, tuttavia, dal 5 al 10% di olio vegetale grezzo in questi veicoli non pone alcun problema particolare.

Ancora più sorprendente, se l'auto diesel "fumo nero", l'incorporazione di olio 30% elimina l'inquinamento.

Non confondere estere metilico di olio vegetale e olio vegetale Brute

Venendo dalle stesse piante di oli base, uno è un prodotto industriale, l'altro può essere artigianalmente e localmente.

L'olio è costituito da una molecola di glicerolo che lega tre catene di acidi grassi. E 'questa la glicerina fa uso di combustibile meno banale di petrolio rispetto al gas.

Per ovviare a questo problema, l'industria procede alla esterificazione dell'olio che dura circa venticinque operazioni per ottenere quello che viene chiamato Diester, il biodiesel, il Dieselbi, molti marchi che coprono un unico prodotto : estere metilico di olio vegetale (RME), "biocarburanti ufficiale" nel partito non tassato.

Che differenza tra estere metilico di olio vegetale e olio vegetale grezzo, noto come i biocarburanti rinnovabili:
- uno è industriale, non contrassegnato, distribuito in stazioni di servizio, derivante dall'agricoltura intensiva, risultato del collegamento tra agricoltori e petroliere,
- l'altro è locale, senza trasporto e non si inserisce nel circuito di distribuzione del carburante, si rivolge a circuiti di distribuzione locale.

La legislazione del carburante

Dal momento che 1997 e secondo la direttiva del maggio 2003 applicabile entro il dicembre 31 2004, la Commissione europea invita gli Stati membri ad armonizzare i loro testi nel l'uso di olio vegetale grezzo.

La Francia non ha trascritto questa direttiva nei suoi testi e si rifiuta di considerare la HVB come combustibile, qualsiasi prodotto non incluso nella lista dei prodotti autorizzati è vietato o essere costituita sotto controllo doganale in una raffineria.

Il legislatore non ha definito quale sia la natura fiscale del petrolio, può essere un olio commestibile, un adiuvante olio, carburante è il suo uso che ha definito la natura.

Nel bel mezzo del dibattito sui biocarburanti emergono due possibilità, una controllata dagli industriali segna l'alleanza e la fedeltà dei contadini alle compagnie petrolifere, l'altra che afferma che le energie rinnovabili sono affare di tutti.

Leggi anche:  Il consumo di carne in Francia: sviluppi dal 40 anni

La Francia si terrà questo autunno su biocarburanti e la sua posizione in materia di IVA e TIPP, ICT, Consumer interno Tasse 1er dal gennaio 2004, mostrerà il suo impegno in questo settore. Per ogni domanda la sua comunità, politica o professionale, la loro posizione e di controllare le loro azioni.

La mancanza di una posizione chiara, la 1er gennaio 2005, direttive europee sarà applicata automaticamente, utilizzando SVO come sarà consentito di carburante.

impatto ambientale

In contrasto con le massicce emissioni di CO² dei combustibili fossili, le piante consumano carbonio durante la loro fase di crescita prima del rilascio durante la combustione.

Secondo il principio di permessi negoziabili per lo smaltimento di CO2 negoziato a Kyoto, il valore per ettaro risparmiato è un bene nei negoziati internazionali.
Le ridotte dimensioni delle unità produttive limitano rischi di ogni tipo, esplosione, incendio, inquinamento, ecc.

Si tratta di prodotti a basse emissioni. Durante i periodi di raccolta, stoccaggio, la consegna, l'uso, i rischi di inquinamento sono limitati.

Durante la combustione:
a) limitazione di fumo nero e le particelle cancerogene,
b) assenza di composti aromatici, sono quelli che sentiamo intorno a una macchina,
c) assenza di zolfo che impedisce il rilascio di ossidi di zolfo alla base dell'inquinamento acido,
d) assenza cancerogeni IPA, note,
e) combustione di olio vegetale grezzo non produce ozono.

Essendo più vicino ai mezzi di produzione del loro sito consumi apre un aspetto molto diverso, più razionale e completo sulle relazioni energetiche.

La produzione e l'utilizzo locale di energia permettono di limitare il trasporto, che, se ha permesso il nostro sviluppo, inizia a creare difficoltà senza soluzioni reali per la sua crescita esponenziale.

Induce un migliore utilizzo dello spazio rispetto a maggese nudo.

Riscaldamento con grano agricola

1 2 può essere riscaldato per case con un ettaro di cereali. Questi mezzi di riscaldamento sono già utilizzati nei paesi del nord Europa e il declino di utilizzo garantiscono l'affidabilità.

Ci sono tra queste caldaie individuali o collettivi, le stufe che si adattano alle camere sono stati pellet con gusto in legno, bruciatori per sostituire uno dei tuoi caldaie. Tutte queste macchine sono ora disponibili sul mercato. attrezzature ci sarà anche presto salire su vecchie stufe a legna che li rende efficace e facile da usare e in-deserti.

Quando l'elettricità, gas, carburante è troppo costoso, cattivo odore letteralmente figurativamente, legno troppo pesante, difficile da maneggiare e scomodi da usare, è possibile riscaldare direttamente con semi o declassato in particolare coltivato in un rigoroso rispetto dell'ambiente, raccolto da una mietitrebbia senza mezzi di trasporto, senza enorme impianto. 2 2,5 kg di grano per avere lo stesso valore calorifico di un litro di carburante. Cereali consumano CO² prima di respingerla. Sono rinnovabile, pulita, senza il rischio di incendio o esplosione, prodotto localmente portatori di manodopera rurale per la consegna e il servizio.

Leggi anche:  generazione di biocarburanti 2ieme

In questo approccio il "cliente" avrà uno sguardo diretto a come il suo "fornitore" produce semi che prenotano, il collegamento orizzontale produttore utente consente di rinnovare un legame diretto tra l'agricoltura e la popolazione.

La produzione locale di energia rappresenta un'alternativa significativa in termini di produzione agricola, con la possibilità di un rapidissimo incremento grazie alla presenza di uomini, strutture e strumenti di produzione.
E 'la garanzia di mantenimento delle attività economiche nelle zone rurali, la plusvalenza restante locale più ampio rurale, la chiave per la lotta contro la desertificazione.

Georges LOUIS, Presidente dell'ARE

Il grano di riscaldamento, in cifre

Calore: 2 kg di grano (0,24 € HT) = 1 il carburante (€ 0,46)

Un ettaro di grano in grado di riscaldare per 1 case 2. 1 ha prodotto cereali 50 90 a Qx / ha di grano,

In 2003, la Francia aveva 1 600 000 ettari di terreni incolti, è l'equivalente di 2 500 4 500 al carburante per 1 ettari.

Con poco di chimica, si può facilmente produrre 50 Qx (5 000 kg) / ha, 2 500 l di carburante all'anno.

Piante come triticale (un incrocio tra il grano e segale) crescono con scarsissimi rese chimica equivalenti per il grano corrente.

In un grano friggere in mezzo alla casa 2 500 3 500 kg per ridurre della metà della bolletta del riscaldamento. In una caldaia, è necessario 4 000 8 000 kg di grano un inverno per riscaldare.

trovato:
- stufe per cereali da € 3
- bruciatori in sostituzione di un bruciatore a nafta da 2 300 €
- caldaie domestiche da € 4

Gli agricoltori sono dotate, oggi, a piantare, coltivare, raccolto, archiviare e distribuire questi cereali.

L'olio vegetale grezzo in figura

Si può decidere che un ettaro auto all'anno.

Ci vuole 3 kg di semi di 1 l'olio (in 30 45%). Un prodotto di 25 45 di colza o di girasole Qx / ha, questo rende a 750 2 050 litri di olio per ettaro.

Una macchina diesel attraversa di 12 000 17 000 km in un anno, si consuma a 600 1 400 l di carburante all'anno.

In 2003, olio estere metilico coltivato su incolti rappresentato 360 000 Ha.

In Francia gli agricoltori 340 000 ricevere i premi PAC.

Per saperne di più:
- Fare un bruciatore di olio vegetale
- Agricoltura ed energia
- Olio vegetale grezzo per biocarburanti
- Il Piano Biofuel 2005
- senza petrolio

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *