Russia: Mosca radunato per il protocollo di Kyoto

La Russia, dopo aver rimandato a lungo, ha aderito ufficialmente al protocollo di Kyoto oggi

Il governo russo ha approvato il progetto di legge sulla ratifica e lo trasmetterà alla Duma, la Camera dei Deputati, per l'accordo finale.

Questa luce verde di Mosca dovrebbe infine consentire l'entrata in vigore dell'accordo internazionale concluso nel 1997, relativo alla riduzione dei gas a effetto serra.

Dato che la Duma è dominata dal partito filo-Cremlino Russia Unita da una maggioranza molto ampia, la ratifica russa non dovrebbe rappresentare un grosso problema.

Il Protocollo di Kyoto deve, per entrare in vigore, essere ratificato da almeno paesi 55 rappresentanti il ​​55% delle emissioni di CO2 dei paesi industrializzati.

Gli Stati Uniti hanno deciso nel 2001 di respingerlo, il segno del 55% può essere raggiunto solo con la ratifica della Russia.

Nonostante le insistenti chiamate, in particolare da parte dell'Unione Europea, il Presidente Putin ha soffiato molto sulle sue intenzioni negli ultimi anni, mentre all'interno della leadership russa si sono scontrati con sostenitori e oppositori del accordo.

Leggi anche: 2010, carbonio o anno econological?

La Commissione europea ha immediatamente accolto la manifestazione russa, dicendo che "non vede l'ora" di lavorare con Mosca sulla questione.

Il capo del fascicolo sul clima delle Nazioni Unite ha stimato che il presidente Putin aveva quindi "mostrato il suo senso dello Stato e inviato un segnale incoraggiante alla comunità internazionale".

La ratifica russa dovrebbe facilitare l'ingresso della Russia nell'Organizzazione mondiale del commercio, una priorità per Vladimir Putin.

Fonte : France2

Nota ecologica: se il signor Bush viene rieletto, non siamo pronti a vedere gli Stati Uniti ratificare questo protocollo ...

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *