settimana Sostenibilità

La settimana dello sviluppo sostenibile

Un modo per incoraggiare i cittadini, le comunità e le imprese a cambiare le proprie abitudini per proteggere il pianeta e il clima.

Il concetto, emerso dall'Earth Summit di Rio nel 1992, sembra più noto al grande pubblico: si tratta di coniugare crescita economica, progresso sociale e salvaguardia dell'ambiente.

“Nel 2002 solo il 9% dei francesi era a conoscenza di questo concetto, oggi il 50% afferma di conoscere la parola e il 40% può dare la definizione. Il termine è effettivamente entrato nell'uso corrente ", ha affermato il ministro dell'Ecologia, Nelly Ollin. "Il tema comincia ad avere un senso", ammette Christian Brodhag, delegato interministeriale per lo sviluppo sostenibile. Quest'ultimo ammette di essere più "dubbioso sui cambiamenti di comportamento" causati da questa settimana di eventi, organizzati per il quarto anno consecutivo.

In questo caso, sono state selezionate quasi 1400 iniziative, ovvero il doppio rispetto allo scorso anno.
Troveremo così mostre, open day, una serie di convegni e seminari e azioni sul campo: promozione della bicicletta o risparmio idrico nell'autolavaggio, etichettatura “sviluppo sostenibile” nei villaggi sotto il 2000 abitanti. Il tutto sarà supportato da una campagna di spot radiofonici e televisivi e dalla distribuzione di manifesti e opuscoli sulle “azioni civiche” quotidiane, una delle quali, nei colori di Babar, è destinata ai 4-8 anni.

Leggi anche:  Lavoro Sviluppo sostenibile

Il MEDEF (datori di lavoro) si occupa del campo lanciando una guida di un centinaio di buone pratiche destinate alle aziende. Sempre più di loro stanno comunicando sullo sviluppo sostenibile.

Il Ministero dell'Ambiente sta valutando la possibilità di estendere la “etichetta energetica”, già applicata ad auto ed elettrodomestici, ad altri prodotti. Scopo: riportare il loro valore di anidride carbonica (CO2). Ad esempio, contare e visualizzare le emissioni di gas serra su un vassoio di fragole importate da tutto il mondo fuori stagione. Fino ad allora, "i consumatori devono essere responsabili", ha detto il ministro dell'Ambiente.

Ethicity, agenzia di consulenza per le aziende nel campo dello sviluppo sostenibile, ha condotto un'indagine sullo stato d'animo dell'opinione pubblica francese sulla questione, intervistando a marzo 4500 persone rappresentative. Uno su due "si sente preoccupato per lo stato del pianeta", spiega Ethicity. L'83% afferma di essere diventato consapevole del proprio potere d'azione attraverso i propri acquisti. E più del 20% pensa che sia semplicemente necessario consumare meno ”. Se nulla risponde a queste preoccupazioni, avverte l'agenzia, "corriamo il rischio di vedere i maggiori consumatori optare per una diminuzione".

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *