Stoccaggio di anidride carbonica su larga scala in campi petroliferi

Governo del Canada, 07 / 09 / 2004

EnCana è riuscita a produrre più petrolio quando l'anidride carbonica (CO2) è stato iniettato nelle formazioni geologiche e mele olio. Così, il campo di Weyburn, operato dal 50 anni nel sud-est Saskatchewan dalla società da Calgary, ha permesso di memorizzare circa cinque milioni di tonnellate di CO2.
Un rapporto conclude che il giacimento petrolifero di Weyburn è molto adatto per lo stoccaggio a lungo termine di CO2 grazie alle sue caratteristiche geologiche. ENAA (Giappone), Nexen, SaskPower, TransAlta e Total (Francia) hanno partecipato a uno studio multidisciplinare, della durata di quattro anni, che è costato 40 milioni di dollari canadesi. Durante lo studio, i ricercatori hanno eseguito una valutazione del rischio di questo deposito a lungo termine, completato studi geologici e sismici, confrontato i modelli ambientali con i risultati effettivi ed effettuato campionamenti ripetuti e frequenti per cercare di comprendere le reazioni chimiche che si verificano in Il serbatoio.
Questo studio dimostra che possiamo immagazzinare 5.000 tonnellate di CO2 al giorno nel suolo e quindi limitare il rilascio di questo gas serra nell'atmosfera. Tuttavia, la CO2 utilizzata è stata convogliata attraverso un gasdotto di 325 chilometri e proveniva da un impianto di gassificazione del carbone del Nord Dakota. Questo mostra i limiti del progetto poiché rimane più facile produrre CO2 che intrappolare, immagazzinare e trasportare quella emessa dalle attività inquinanti. Inoltre, c'è ancora molto da fare per applicare le tecniche e i sistemi impiegati qui ad altre formazioni geologiche in altre parti del mondo e per garantire che lo stoccaggio di CO2 diventi davvero un'opzione per ridurre le emissioni di gas serra. stretto.

Leggi anche:  Combustibili "bio" convenzionali: un catastrofico bilancio ambientale ed energetico

Nota di econologia:
Guarda l'ordine di grandezza delle emissioni di CO2 dell'umanità:

- l'attuale consumo giornaliero è di 80 milioni di barili di petrolio
- L'85% di questo olio viene consumato sotto forma di energia (quindi bruciato)
- 1 kg di olio bruciato rifiuta, intorno e per semplificare i calcoli, 2.5 kg di CO2
- un barile di petrolio contiene 159 L
- la densità dell'olio è di circa 800 kg / m3

Quindi ci 80 0.85 * * * 159 0.8 8650 = Milioni di kg di olio bruciato tutti i giorni.
Da qui le emissioni di CO2 di: 8650 * 2.5 = 21 600 milioni di kg ... o 21 milioni di tonnellate.

Sarebbe interessante confrontare questo dato con l'assorbimento giornaliero di CO2 da biomasse (principalmente piante e plancton).

Ovviamente questa cifra prende in considerazione SOLO gli scarichi di petrolio, non gli scarichi di CO2 da altri combustibili fossili (gas e carbone). La "grande scala" citata nel titolo è quindi poco credibile ... per il momento.

Leggi anche:  Stati Uniti: sanzioni contro coloro che gonfiano il prezzo della benzina

Una soluzione più efficace non sarebbe semplicemente ridurre il consumo di olio? Aumentando l'efficienza di conversione dei processi ... per esempio.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *