accumulo idropneumatico di energia

 

Accumulo idropneumatico di energia

Supponiamo che io possieda una turbina eolica (o altra fonte di energia) e voglio essere autosufficiente utilizzando solo mezzi ecologici  : il vento non è regolare e le mie esigenze sono concentrate su alcuni periodi della giornata: mattina, mezzogiorno e sera: ho quindi bisogno di un sistema di accumulo di energia.

se  a livello individuale o nazionale, dobbiamo fare i conti con i picchi di consumo.

Il sistema che propongo utilizza solo aria e acqua: è lo stesso processo delle dighe idroelettriche, tranne  che non si tratta di produrre MW ma di kW e non necessitare di un fiume o di un fiume, ma di reggere su pochi metri quadrati.

È un sistema idropneumatico: l'energia viene immagazzinata sotto forma di acqua compressa da una massa d'aria, alla pressione di 150 bar (o 150 atmosfere).

Leggi anche:  GIFNET: Istituto globale per nuove tecnologie energetiche

Una pompa azionata dalla turbina eolica o da un motore elettrico comprime l'acqua in un grande serbatoio; la velocità della pompa può essere variabile. L'acqua viene immagazzinata in uno o più tubi di acciaio di grandi dimensioni del diametro di 600 mm, gli stessi utilizzati per i gasdotti.

L'energia viene ripristinata da un motore idraulico che aziona un generatore elettrico, lo stoccaggio e il recupero sono completamente indipendenti.

Questo sistema utilizza quindi solo l'acqua per il trasferimento, poiché esiste già nell'industria (industria siderurgica per esempio).

I calcoli mostrano che il rendimento è compreso tra il 75 e il 77%, forse migliore se tutti i parametri sono regolati con precisione.

Ci vuole circa 1 m3 di acqua per fornire 1 kWh

Esiste tutta l'attrezzatura necessaria, fa parte dei recenti sviluppi (meno di 10 anni) di questa tecnologia “idraulica dell'acqua”.

Le tue opinioni e osservazioni?

Clicca qui

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *