Sylvain David: Quali fonti di energia entro il 2050?

La produzione globale di energia raggiunge i 10 miliardi di tonnellate di petrolio equivalente (tep) ogni anno. È fornito principalmente da petrolio, gas e carbone, in modo molto diseguale a livello del pianeta. Se i paesi ricchi sprecano, molti paesi in via di sviluppo e altamente popolati hanno una legittima tendenza ad aumentare massicciamente i propri consumi nei decenni a venire. Gli scenari energetici prevedono un aumento dal 50 al 300% della produzione globale di energia entro il 2050. È già chiaro che un tale aumento non può essere ottenuto con il modello attuale, basato sui combustibili fossili. , le cui riserve sono limitate e il cui utilizzo porta a massicce emissioni di CO2 responsabili del cambiamento climatico su larga scala.

Lo sviluppo di nuove fonti di energia è oggi essenziale, qualunque sia il nostro impegno per controllare la domanda. Queste fonti alternative sono ben note e relativamente ben quantificate. L'energia nucleare sembra essere l'unica fonte prontamente disponibile su larga scala, ma richiede una significativa mobilitazione di capitali e l'accettazione pubblica. L'energia solare è una fonte importante, ma la sua implementazione rimane estremamente costosa e complessa. Tuttavia, è già competitivo in aree prive di reti elettriche. L'energia eolica rappresenta una fonte limitata e probabilmente non potrà superare il 10% della produzione di elettricità, e sempre in modo intermittente e casuale. La biomassa è un percorso interessante, ma difficile da sviluppare su larga scala. Le altre fonti (energia geotermica, onde, maree, ecc.) Sembrano incapaci di soddisfare una forte domanda. Lo stoccaggio di energia (in particolare l'idrogeno) è lungi dall'essere padroneggiato. Rappresenta una sfida tecnologica significativa e potrebbe rendere le energie intermittenti più interessanti in futuro. Infine, la fusione termonucleare rappresenta una fonte enorme, ma potrebbe non essere disponibile prima della fine del secolo.

Leggi anche:  Ecologia pratica ogni giorno e vicino a te

Se lo sviluppo dell'elettro-nucleare a livello globale è senza dubbio il modo più veloce per combattere l'effetto serra, questo non sarà affatto sufficiente. La sfida energetica e climatica che stiamo affrontando richiede l'implementazione della cattura della CO2 emessa dalle centrali elettriche che utilizzano combustibili fossili e uno sviluppo sostenuto delle energie rinnovabili. Le alternative ai combustibili fossili hanno i loro svantaggi, ma non è detto che abbiamo ancora una scelta " 

Ascolta la conferenza



Sylvain David è Research Fellow del CNRS dal 1999 presso l'Institut de Physique Nucléaire d'Orsay

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *