Sintesi su oli combustibili

settore olio vegetale puro, un combustibile pulito per Century 21e! Yves Lubraniecki

Introduzione

L'umanità deve affrontare, tra l'altro, tre pericoli: l'effetto serra, l'estrema povertà di alcuni paesi e la fine del petrolio.

È già molto tardi per reagire. Tuttavia, oggi, l'unico settore energetico in grado di fornire una risposta comune a queste tre domande rimane pressoché sconosciuto al grande pubblico.

Prima di tutto, devi capire che un motore, un reattore o un bruciatore funzionante con un combustibile fossile come petrolio, gas o carbone non saranno mai puliti, anche se si spendono miliardi e miliardi di euro la ricerca. Se mettiamo un combustibile contenente carbonio fossile all'ingresso, qualunque cosa facciamo, avremo la stessa quantità di carbonio fossile all'uscita. Tuttavia, l'anidride carbonica (CO2) è il gas serra più importante in volume.

Quindi, dovresti sapere che l'idrogeno e l'elettricità non sono fonti di energia, ma semplici vettori. Per usarli, devi prima crearli. Oggi sono prodotti principalmente con combustibili fossili, con energia nucleare o grande idroelettrico.

Infine, essendo le tecnologie più moderne le più costose, rimangono e rimarranno fuori dalla portata dei paesi poveri e le differenze continueranno ad aumentare.

La posta in gioco è il nostro futuro e soprattutto quello dei nostri figli e nipoti, è nelle nostre mani.

Riassunto

1) I fatti: stiamo rilasciando nell'aria - in meno di due secoli - una quota, ogni giorno di più, del carbonio che le piante fissano da 300 milioni di anni per produrre i tre combustibili fossili: carbone, petrolio e gas. Allo stesso tempo, i paesi più poveri non hanno accesso all'energia e non riescono a svilupparsi mentre le riserve si riducono drasticamente e irreversibilmente.

2) proposto soluzioni: da un lato, a parte quanto segue, nessuna delle soluzioni proposte dai leader socio-economici mondiali (politici, industriali, ONG, ecc.) è in grado di soppiantare rapidamente il petrolio che è, in larga misura , all'origine del problema, principalmente nei trasporti, nel riscaldamento e nell'industria.

Leggi anche:  Trova olio combustibile

D'altra parte, se si vince la battaglia contro la povertà estrema e per lo sviluppo, si corre la nostra perdita perché ogni miglioramento del tenore di vita si traduce in un corrispondente aumento del consumo di combustibili fossili e quindi le emissioni di CO2 .

Solo una fonte di energia dà risultati positivi su tutte e tre le tabelle: Olio vegetale puro (HVP). Viene anche chiamato olio vegetale grezzo (HVB).

3) Le soluzioni presentate qui: l'utilizzo di energia vegetale non restituisce carbonio fossile nell'atmosfera. Entriamo nel ciclo annuale del carbonio perché il carbonio che rifiutiamo è stato assorbito dalla pianta l'anno prima per preparare l'olio che stiamo bruciando e sarà assorbito dalla pianta l'anno prima. dopo prepararsi per il prossimo raccolto e così via.

Se sostituiamo parte dell'olio energetico (olio combustibile, gasolio, cherosene) con un olio vegetale proveniente dai paesi che lo producono oggi poi da tutti i luoghi del mondo dove è possibile piantare un seme oleoso, le borse energetiche mondiali sarà profondamente trasformato e darà risorse proprie (in entrambi i sensi della parola) ai paesi che oggi non le hanno.

4) deve 3 inderogabili condizioni:

condizione 1ère; che il cambiamento radicale, è condotto da una collaborazione tra:

a - petroliere perché sono i più qualificati in termini di carburante (insieme agli attuali produttori e commercianti di olio vegetale). Se non li coinvolgiamo dall'inizio, faranno di tutto per far deragliare il cambiamento e continueranno a ingannarci con falsi rimedi.

Leggi anche:  Download: cogeneratore con olio vegetale grezzo

b - leader politici perché hanno la legittimità di imporre soluzioni e

c - i finanziatori perché non hanno i mezzi per finanziare gli investimenti necessari.

Dobbiamo garantire che le persone che oggi guadagnano montagne di denaro distruggendo il pianeta, guadagnino montagne di denaro proprio ora preservandolo. Quando c'è pericolo in casa, i buoni sentimenti non si applicano più, questo si chiama pragmatismo ...

Dovrebbe essere chiaro che, anche se si è scioccati dalla gigantesca differenza che esiste tra la fortuna di pochi e l'estrema povertà della maggioranza dei terrestri, ad oggi, nulla suggerisce che questo si evolverà in un significato più umano.

Se almeno il settore HVP permette di rendere positiva questa situazione detestabile e di renderla utile da qualche parte, è meglio farlo piuttosto che restare nel sistema attuale che ci sta portando tutti alla nostra perdita, ricchi e poveri allo stesso modo. .

2a condizione: che i metodi di coltivazione utilizzati per la produzione di semi oleosi facciano appello a un concetto di agricoltura sostenibile (Vale a dire, conserva risorse ed evita chimici) o almeno di allevamento (utilizzando prodotti chimici, ma solo quando necessario e solo la quantità necessaria).

Potremmo anche citare l'agricoltura "integrata" che è un concetto in cui l'approccio dell'azienda agricola è globale, tenendo conto delle interazioni tra le diverse specie coltivate in azienda per ridurre al minimo l'uso di input chimici e aumentare la produzione effetto benefico della complementarità dei processi naturali tra di loro.

Se non lo facciamo, la cura sarà peggiore della malattia perché i gas rilasciati nell'atmosfera dall'uso di fertilizzanti chimici sono molto più potenti per l'effetto serra della CO2. È meglio fermarsi ora e continuare a morire dolcemente per il petrolio.

Leggi anche:  L'oro nero e oro giallo

Gli elementi per fornire la massima protezione ad alto livello della politica globale sono: acqua, aria, suolo, biodiversità e dei paesaggi, perché sono beni comuni naturali più preziosi per l'umanità.

Condizione 3: che la raccolta e il commercio di semi oleosi e oli siano organizzati secondo le regole del commercio equoIn caso contrario, l'obiettivo dichiarato di sviluppo dei paesi poveri non sarà raggiunto e la differenza potrà solo crescere.

Resta inteso che questa terza condizione ha la priorità sulla prima. Quando un'azienda (a caso) realizza 8 miliardi di euro di profitto, è al netto delle tasse. Se la stessa azienda realizza un profitto di XNUMX miliardi di dollari l'anno prossimo, dovrà essere dopo la conservazione dei partner e al netto delle tasse. Il "commercio equo" qui deve imperativamente essere considerato come una "tassa da pagare" prima del calcolo del risultato. Una “carica” indispensabile, ineludibile.

Lascia che solo una di queste tre condizioni molto accessibili fallisca e l'affare è perso.

Per guidare in modo sostenibile il pianeta per questa soluzione, deve lanciare oggi un movimento di opinione che genera abbastanza pressione sulla politica per capire che non possiamo aspettare.

Non credete a nulla a priori ciò che è scritto lì. Controllare da sé e si forgia la propria opinione. Se non è uguale al mio, fammelo sapere (Ylubra @ yahoo. Com senza gli spazi), mi interessa molto perché dalla discussione brilla la luce.

Scarica i rapporti

b) Versione 2009

Scarica il documento energia e sviluppo senza serra.

a) Versione 2004-2005

File .pdf di pagine 23 670 KB e scritto da Yves Lubraniecki.

combustibile olio vegetale

Altro: Forum energia, trasporti e biocarburanti

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *