Il traffico urbano: Civitas incontra le città europee che vogliono limitare i danni

Quattro anni dopo il suo lancio, il programma europeo CIVITAS ha selezionato 17 nuovi progetti urbani volti a combattere la congestione del traffico urbano e l'inquinamento atmosferico. Tra questi, sei sono trasportati dalle città dei nuovi paesi membri dell'Europa.

CIVITAS riunisce un gruppo di città impegnate nella lotta alla congestione e all'inquinamento legati al traffico urbano. Questo traffico è responsabile di oltre il 10% di tutte le emissioni di CO2 nell'Unione Europea, il 98% delle quali è generato da veicoli privati ​​e commerciali. Insistendo su un necessario "cambiamento radicale basato su un approccio integrato", CIVITAS vuole promuovere "soluzioni attraenti per la sostituzione delle auto private nelle aree urbane", e "sostituire il 20% del diesel e della benzina utilizzati con altri combustibili. nel settore dei trasporti stradali entro il 2020 ”. Chiaramente, meno auto nelle città, più trasporti pubblici e soprattutto più carburanti puliti!

Sei città che affrontano l'aumento delle automobili

Quasi quattro anni dopo il lancio di CIVITAS e la prima selezione di 19 città nel 2001 (comprese Lille e Nantes), nel 17 sono stati selezionati 2004 progetti di città, di cui sei da nuovi paesi membri: Estonia, Ungheria, Romania , Polonia e Slovenia. Una notizia che Loyola de Palacio, vicepresidente della Commissione europea responsabile per l'energia e i trasporti, ha accolto con favore quando è stata annunciata la selezione: “In questi paesi, i comuni devono far fronte al rapido aumento flotta di veicoli e diminuzione dell'uso del trasporto pubblico. Voglio supportare le autorità locali nei loro sforzi per sviluppare e testare nuove politiche di transizione volte a mantenere una quota elevata di trasporto pubblico, a piedi e in bicicletta ”.

Leggi anche:  Con l'entrata in vigore del protocollo di Kyoto, contesto e guida al MIES

Se non conosciamo ancora la natura dei progetti delle 17 nuove città (tra cui La Rochelle e Tolosa per la Francia) che beneficeranno di un budget di 50 milioni di euro (35% del finanziamento complessivo completato dalle città e partner), quelli delle città selezionate nel 2001 sono promettenti e concreti, come quello che è stato implementato a Lille Métropole.

L'esempio incoraggiante di Lille

Lille, entrata nel programma CIVITAS nel 2001, ha voluto continuare la sua ricerca per produrre e utilizzare il proprio… combustibile pulito: combustibile metano, un gas derivante dalla digestione dei fanghi degli impianti di trattamento delle acque reflue. Questo biogas, rinnovabile e con un soddisfacente bilancio ambientale, è allo studio come fonte di energia pulita in grado di sostituire i combustibili fossili. Per continuare la sua esperienza pilota (diversi autobus e un impianto di produzione) condotta dal 1997 su questo biogas, Lille è stata selezionata nel programma TrendSetter (in collaborazione con Graz, Monaco, Stoccolma e Pecs), uno dei quattro programmi CIVITAS. Ha permesso di effettuare studi di fattibilità per produrre combustibile metano da una nuova fonte, i rifiuti organici provenienti dalla raccolta differenziata dei rifiuti domestici. Un nuovo impianto di produzione dovrebbe essere costruito nel settembre 2004. Operativo nel 2006, contribuirà a fornire i 160 autobus a metano che la flotta metropolitana di Lille dovrebbe avere entro la fine del 2005, che rappresenta più di un terzo della flotta. L'agglomerato dovrebbe anche dotare i servizi pubblici di 120 veicoli puliti (a gas ed elettrici) invece di veicoli a benzina o diesel. Infine, alla fine, la città spera entro il 2010 di produrre abbastanza carburante per tutti gli autobus. Per Sabine Germe, responsabile del monitoraggio generale del progetto Trendsetter Lille Métropole, "Il programma Civitas consente alle città che fanno ricerca insieme di essere innovative in relazione a ciò che esiste e alla legislazione, e di essere complementari nel fornire un messaggio comune: le città hanno una forza trainante e possono riunire gli agenti del cambiamento, il settore pubblico, le aziende private, i cittadini e i politici ”.

Leggi anche:  Il riscaldamento globale: verso un aumento dei livelli del mare

Il programma CIVITAS ha istituito un programma per la valutazione e la diffusione delle esperienze, METEOR, e nell'ottobre 2002 ha creato il Forum CIVITAS. Questa piattaforma per lo scambio di buone pratiche tra esperti e funzionari eletti si riunisce una volta all'anno nelle città partecipanti al programma. Ciò rappresenta 72 città europee che agiscono per una mobilità urbana più sostenibile.

bmw scooter C1

Sylvie Touboul

Altro:

- Il sito web CIVITAS
- Scarica uno studio completo sul trasporto urbano

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *