Il trasporto urbano

Progetto di ricerca tecnologica (54 pagine) realizzato da Christophe Martz presso ENSAIS e sostenuto alla fine di gennaio 2001.

Scarica lo studio

Si tratta di uno studio sulla congestione dei centri urbani e di un inventario diverse soluzioni tecnologiche o organizzative che potrebbero migliorare la qualità dell'aria e le condizioni del traffico nei centri urbani.

egli lascia una conclusione unanime: l'organizzazione e il comportamento degli abitanti delle città sono importanti quanto la ricerca di nuovi mezzi di propulsione. Purtroppo questa non sembra essere la priorità dei grandi costruttori che tendono piuttosto a rendere veicoli sempre più pesanti e potenti. (Mentre su 300 000 km percorsa da una macchina durante la sua vita, circa 200 000 sono nelle aree urbane o peri-urbano)

Nota: questo studio è stato condotto tra l'ottobre 2000 e il gennaio 2001, è ovviamente possibile che alcune informazioni non siano più aggiornate visti i vari progressi compiuti da allora.

Leggi anche:  Scarica: studio sul motore Pantone presso UQAR

Introduzione dello studio

Le città attualmente riuniscono la maggior parte delle attività umane, è questa concentrazione di attività e quindi di posti di lavoro che spiega il costante esodo rurale degli ultimi 200 anni. Le campagne si svuotano dando luogo a concentrazioni urbane sempre più estese. Molti Istituti geopolitici annunciano giustamente lo sviluppo di immense megalopoli, che riuniranno più di 20 milioni di abitanti, per il prossimo secolo. Questa tendenza è più caratteristica dei paesi industrializzati, dove i funghi urbani si raccolgono intorno ai centri storici, ma i paesi in via di sviluppo stanno sperimentando lo stesso fenomeno di esodo rurale da diversi decenni. In questi paesi si stanno creando agglomerati urbani molto estesi, basati sul modello spaziato americano.

I deserti rurali contrastano con l'attività straripante dei poli urbani. L'invecchiamento della popolazione rurale rafforza ulteriormente questa desertificazione rurale. L'ascesa di Internet, tramite il telelavoro, potrebbe far rivivere queste regioni deserte? Le concentrazioni di popolazioni urbane pongono molti problemi, ci limiteremo a quello dei trasporti.

Le attività urbane richiedono mezzi di trasporto significativi per le popolazioni, i centri urbani sono saturi sia dai trasporti che dalla popolazione. Le abitazioni nei centri urbani sono costose e non c'è abbastanza spazio per viverci vicino al luogo di lavoro. Le popolazioni migrano quindi verso la periferia del centro per creare periferie, quindi coronano diverse decine di km dal centro. La costruzione di enormi centri di alloggi densi vicino alle attività limiterebbe questa necessità di viaggio, ma dubito che in Francia vedranno la luce città dormitorio basate sul modello asiatico, e per fortuna!

La popolazione urbana deve muoversi regolarmente e sistematicamente più o meno importanti. I problemi causati da questi spostamenti sono molti, ma possono essere riassunti nella saturazione parola: corsie saturazione mare e aria.

Questo studio affronta questa saturazione cercando di spiegare come e perché i viaggi urbani siano diventati così difficili, esamineremo i gravi danni che generano. Vedremo così le misure prese dai politici e dai produttori. Quindi presenteremo le varie soluzioni esistenti e future che si stanno rivelando molto promettenti, tenendo sempre presente che è necessario conciliare prezzo, velocità e facilità.

 

Scarica lo studio

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *