TurboSteamer: sistema di recupero del calore BMW

È noto che viene utilizzato solo un terzo dell'energia fornita dalla benzina, in gran parte persa a causa del calore rilasciato. Controllare meglio questo calore, è aumentare la potenza mentre si riduce il consumo, vale a dire se il soggetto è sensibile a tutte le case automobilistiche.

Basandosi sul principio del motore a vapore, BMW ha sviluppato una tecnologia chiamata "TurboSteamer" per riciclare questo calore in energia. Risultati promettenti avrebbero rivelato un aumento della potenza di 13ch e 20Nm mentre il consumo diminuisce 15% su un cilindro 4 1.8l montato su una panchina.

Il principio è molto complesso ma può essere schematicamente riassunto come segue: un serbatoio dell'acqua viene riscaldato dalla linea di scarico a 550 ° e il vapore in pressione così ottenuto viene scaricato in un vaso di espansione specifico e sarà utilizzato per aumentare la pressione nei cilindri, nello spirito di un compressore. In questo modo è possibile recuperare oltre il 80% dell'energia termica contenuta nel gas di scarico.

Leggi anche:  Lo strato di ozono vittima delle tempeste solari del 2003

Tuttavia, questa tecnologia può essere applicata solo ai motori a benzina, poiché i motori diesel non forniscono abbastanza calore per essere sufficientemente efficienti.

Il Turbosteamer è il primo risultato provvisorio dopo cinque anni di intenso lavoro di ricerca. L'ulteriore sviluppo del concetto deve ora concentrarsi principalmente sulla riduzione e la semplificazione dei diversi componenti. L'obiettivo a lungo termine del progetto di ricerca è quello di renderlo un sistema di serie, un obiettivo che BMW ritiene possibile nei prossimi dieci anni.

Fonte : Caradisiac

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *