L'azienda ginevrina produce diesel con olio vegetale recuperato

Biocarb, società di quattro dipendenti situata nella campagna di Ginevra,
produce gasolio da oli alimentari usati,
soprattutto dalle friggitrici da ristorante. La prima fase di
il processo di fabbricazione prevede la pulizia e la filtrazione di oli
recuperato. Quindi la composizione del combustibile finale deve essere standardizzata,
nonostante gli oli molto diversi utilizzati. Biocarb non solo recupera
oli grezzi utilizzati in tutta la regione di Ginevra, ma acquistano anche
oli raccolti in tutta la Svizzera e filtrati dall'azienda
Ekura.
Il biodiesel prodotto viene venduto a 1,25 franchi svizzeri (circa 0,80
euro) per litro alla pompa. Per ora, è distribuito solo a
professionisti, per macchine edili o trasportatori
strada. Questo carburante può essere usato puro o diluito, con un motore diesel
classico. Ha un potere calorifico leggermente inferiore rispetto al diesel
ordinario (dal 2 al 5%), ma genera meno particelle.
In un anno, Biocarb ha prodotto 1,5 milioni di litri di biocarburante e suoi
la capacità può arrivare a 3 milioni di litri all'anno. Ma il
La Confederazione, che non tassa il biodiesel, limita la produzione a 5
milioni di litri all'anno, per paura di vedere diminuire le entrate fiscali.
Liberalizzazione del mercato, che consentirà l'importazione di biodiesel e
comporterà l'abolizione delle quote di produzione in Svizzera, è prevista
per il 2007, in coordinamento con l'Unione europea. In Svizzera, potremmo
quindi riciclare da 6 a 10 milioni di litri di olio all'anno.

Leggi anche: L'innovazione nel campo di diodi emettitori di luce

Sito web Biocarb

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *