Un nuovo studio conferma un riscaldamento allarmante del pianeta

Un nuovo studio, condotto dal Dr. David Parker presso l '"Hadley Center for Climate Prediction and Research", si oppone alle teorie che negano il fenomeno del riscaldamento globale. Gli scettici fanno affidamento sulla teoria dell'isola di calore urbana, sostenendo che la maggior parte delle letture climatiche vengono effettuate vicino alle città, che producono il proprio calore. Per loro il riscaldamento globale registrato negli ultimi anni sarebbe quindi solo un riflesso dell'urbanizzazione.

Tuttavia lo studio commissionato dal centro meteorologico britannico (Met Office) e pubblicato su Nature, sembra invalidare la teoria dell'isola di calore urbana. Il dottor David Parker ha utilizzato i dati climatici degli ultimi cinquant'anni per creare due grafici: uno che rappresenta le temperature nelle notti calme e l'altro nelle notti ventose. Secondo lui, ammettere la validità della teoria dell'isola di calore si riduce a trovare tracce di temperature molto più elevate nelle notti calme che nelle notti ventose, poiché il vento soffia il calore in eccesso fuori dalle città. Tuttavia, le curve sono identiche e mostrano un aumento medio delle temperature notturne di 0,19 ° C per decennio tra il 1950 e il 2000. Il dottor Parker aggiunge che il riscaldamento degli oceani è un altro testimone del riscaldamento globale del pianeta.

Leggi anche:  Settimana della mobilità: muoviti in modo diverso!

Eminenti studiosi come Myles Allen, un membro del dipartimento di fisica dell'atmosfera all'Università di Oxford, dicono di essere convinti dall'argomento del Met Office. L'americano Fred Singer, presidente del Science and Environmental Policy Project in Virginia, è uno dei leader del movimento scettico e si difende affermando che per analizzare le tendenze climatiche attuali dovrebbero essere utilizzate solo letture indirette della temperatura. Per letture indirette della temperatura si intende lo studio di anelli di legno, stalattiti, fossili, sedimenti oceanici, ecc. Accusa i sostenitori della teoria del riscaldamento globale di essere selettivi nell'usare i dati climatici per mostrare una tendenza preoccupante nelle variazioni di temperatura.

Fonte: comunicato stampa, BBC News, 18/11/04 Rete di notizie governative

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *