L'Usine Nouvelle: Petrolio, perché i prezzi continueranno a salire.

Uno sguardo di uno “specialista del settore” sull'aumento del prezzo del petrolio sulla rivista “L'Usine Nouvelle” di questa settimana.

Riepilogo: il consumo globale di petrolio continua a crescere. Nel 2004 è aumentato del 3.2% rispetto al 2003. Con la popolarità di 4-4 vetture di grossa cilindrata, lo sviluppo di Cina, India e altri paesi emergenti, la tendenza accelererà ulteriormente.

Due domande dominano il mercato:
- Qual è la reale capacità produttiva dell'Arabia Saudita, che potrebbe fungere da valvola di sicurezza in caso di crisi?
- Quali saranno le conseguenze della scarsità di opportunità di investimento per produzioni a basso costo?

L'Arabia Saudita (la cui produzione è di esclusiva responsabilità delle società nazionali di proprietà statale) ha sempre affermato di avere la capacità di aumentare rapidamente (poche settimane o mesi) la sua produzione con un minimo di investimento da fare. Ma le dichiarazioni rassicuranti rivolte agli occidentali non bastano più. Da trent'anni non vengono scoperti giacimenti giganti, i giacimenti stanno invecchiando e le tecniche di estrazione hanno trovato i loro limiti. Con l'avvicinarsi della prova della verità, l'Arabia Saudita ha appena ammesso che in realtà ci vorrebbero 2-3 anni per aumentare la produzione, a costo di investimenti colossali, per una quantità insoddisfacente e probabilmente petrolio. pessima qualità.

Leggi anche:  La crisi energetica rinvigorisce il futuro reattore nucleare di quarta generazione

Seconda fonte di preoccupazione: la mancanza di investimenti da parte delle “major”. L'Agenzia Internazionale dell'Energia stima in 6200 miliardi di dollari gli investimenti che dovrebbero essere fatti nei prossimi 25 anni per sperare di soddisfare la domanda. Quindi 180 miliardi di dollari all'anno, 50 miliardi in più di quanto stanno facendo ora le compagnie petrolifere. Inoltre, nessuno sa se Yukos (compagnia russa) sfuggirà alla bancarotta, portando con sé tutti i suoi progetti infrastrutturali. La tendenza tra le compagnie petrolifere è quindi al ribasso, a riacquistare azioni piuttosto che investimenti iper-rischiosi con scarsa visibilità.

“L'attuale prosperità, è vero, non porta a dolorosi sforzi di produttività nelle compagnie petrolifere occidentali. Sanno tutti, però, che mangiano il loro pane bianco da molto tempo. Le nuove aree di esplorazione e produzione, che si tratti di fondali marini molto profondi o di clima molto freddo […] richiederebbero investimenti giganteschi. Nessuno, per il momento, vuole correre rischi enormi "

Conclusione: abbastanza inquietante.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *