L'uso di energia solare in base al modello di impianto


Condividi questo articolo con i tuoi amici:

Le piante verdi hanno la particolarità di utilizzare la radiazione solare direttamente per creare la propria energia. Le tecnologie note utilizzate sui pannelli solari sono in grado di trasformare solo una parte molto piccola della radiazione raccolta in energia utilizzabile, a differenza delle piante. Sig. Prof. Il Dr. Dirk Guldi della Cattedra di Chimica Fisica I dell'Università di Erlangen-Nurnberg ha sviluppato un nuovo dispositivo che sostituisce gli strati di silicio cristallino che servono
finora raccogliere la radiazione attraverso tubi in scala del nanometro carbonio. I tubi mini saranno dotati di particelle ALLEGATI molecolari per assomigliare rami microscopici con foglie piccole.

Tubi di carbonio Mini sono costituiti da un singolo strato Laminati atomo di carbonio formare un lungo cilindro cavo presenta una struttura esagonale. molecole di gruppi possono essere fissati sulla parete esterna con l'aiuto di gancio molecolare, e una catena di ganci, una sorta di ferrocene, un
anelli di carbonio complessi intorno ad un atomo di ferro o porfirina, una classe molecolare vicino alla clorofilla chimica. Questi due tipi di parti costituenti hanno una tendenza di elettroni in eccedenza e possono facilmente lasciar andare di un elettrone.

Quando la luce colpisce il mini tubo, un carico negativo animato da fotoni si muove "foglie" al gambo. Prima che il dispositivo torna al suo stato iniziale, c'è abbastanza tempo per deviare gli elettroni sfollati e li usa. Prime le basi necessarie
Lo sviluppo di pannelli solari costruiti utilizzando tubi mini in carbonio modificati è ben presente.

Contatti:
- Prof. Dr. Dirk M. Guldi, Lehrstuhl pelliccia Physikalische Chemie I,
Friedrich-Alexander-Universitat di Erlangen-Norimberga - tel: + 49 91318527340 -
e-mail:
guldi@chemie.uni-erlangen.de
Fonti: Sachgebiet come Öffentlichkeit, Friedrich-Alexander-Universitat
Erlangen-Norimberga, 10 / 01 / 2005
Editor: Simone Gautier (CCUFB (
bfhz@lrz.tu-muenchen.de))


commenti Facebook

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *