Le città Megalopolis 2025

Megalopoli 36 in 2025

Parole chiave: città, popolazione, futuro, urbanizzazione, megalopoli, ambiente

Oggi la metà dei terrestri vive in megalopoli e, entro il 2050, saranno i due terzi della popolazione mondiale. Questa è la valutazione allarmante elaborata dagli specialisti dell'urbanizzazione sull'espansione delle città giganti, durante il forum mondo urbano organizzato da UN-Habitat, che
tenutasi recentemente a Barcellona.

Una tendenza apparentemente irreversibile

Si può designare con il termine di megalopoli qualsiasi città con una popolazione di oltre 8 milioni di abitanti. Secondo questa definizione, scelta dall'UNESCO, erano 23 nel 1995 e sarebbero 36 nel 2015. Fino a quella data, sempre secondo l'UNESCO, il loro numero non varierà in
paesi industrializzati. Tuttavia, cambierà da 17 a 30 nelle regioni meno sviluppate.

Per il geografo Olivier Dollfus, queste megalopoli sono di due tipi molto diversi a seconda che appartengano o meno a ciò che lui chiama AMM (Arcipelago Megalopolitain Mondial), un insieme di grandi città che contribuiscono alla direzione del mondo e sono un forte simbolo di globalizzazione. Le megalopoli quindi non sono più descritte solo dal numero di abitanti ma dalle funzioni che svolgono e dalla loro influenza sul resto del mondo. Ad esempio, il 90% delle transazioni finanziarie globali è gestito all'interno di un numero limitato di megalopoli nei paesi sviluppati.

Leggi anche:  Download: prospettive per l'evoluzione del prezzo degli idrocarburi a medio e lungo termine

Megacittà e ambiente

Non è un caso che alcuni termini che designano habitat precari siano associati alle più grandi metropoli dei paesi poveri. Tra le più conosciute in Francia, possiamo citare “favela”, proveniente dal Brasile, o “baraccopoli”, parola apparsa a Casablanca negli anni 20. La percentuale di abitazioni create nelle megalopoli è stimata tra il 20% e il 30%. e che appartengono alla “costruzione informale” *.

È in gran parte in questo tipo di habitat che vivono i 2,5 miliardi di esseri umani che non hanno accesso a una rete di purificazione dell'acqua. E l'impatto di grandi concentrazioni urbane sull'inquinamento idrico può in generale essere misurato ben oltre i loro limiti, soprattutto a valle dei fiumi che le attraversano.

Leggi anche:  Pace dall'acqua

La qualità dell'aria è un altro problema importante per le condizioni di vita nelle megalopoli. L'inquinamento non raggiunge sempre le altezze che si potrebbero temere, ma il suo impatto è spesso molto ampio. È probabile che gli inquinanti generati nelle grandi città si spostino e si diffondano su grandi distanze a seconda dei movimenti dell'atmosfera. Una rete di monitoraggio dell'aria nelle megalopoli è stata istituita nel 1974, sotto l'impulso dell'OMS (Organizzazione mondiale della sanità) e dell'UNEP (Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente). Consente di verificare che le soglie preoccupanti per la salute pubblica vengono spesso superate.

* fonte: Conferenza Habitat II delle Nazioni Unite, Istanbul, 1996

Philippe dorison

Elenco di megalopoli in 2025
In milioni di abitanti

TOKYO - 28,9
BOMBAY - 26,3
LAGOS - 24,6
SAO POLO - 20,3
DACCA - 19,5
KARACHI - 19,4
MESSICO - 19,2
SHANGAI - 18,0
NEW YORK - 17,6
CALCUTTA - 17,3
DEHLI - 16,9
PECHINO - 15,6
MANILA - 14,7
IL CAIRO - 14,4
LOS ANGELES - 14,2
BUENOS AIRES - 13,9
DJAKARTA - 13,9
TIANJIN - 13,5
SEOUL - 13,0
ISTAMBUL - 12,3
RIO DE JANEIRO - 11,9
HANGZOU - 11,4
OSAKA - 10,6
HYDERABAD - 10,5
TEHRAN - 10,3
LAHORE - 10
BANGKOK - 9,8
PARIGI - 9,7
KINSHASA - 9,4
LIMA - 9,4
MOSCA - 9,3
MADRAS - 9,1
CHANGCHUN - 8,9
BOGOTA - 8,4
HARBIN - 8,1
BANGALORE - 8,0

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *