Vivere senza petrolio: analisi delle emissioni

Mostra analisi: vivere senza petrolio
presentato da Anne-Sophie Mercier e Matthias Beermann e trasmesso 11 settembre 2004.

Gli europei si sono preparati a limitare la loro vulnerabilità? Le risposte di Jacques Attali.

I - L'IDEA GENERALE:

Le nostre economie e il nostro stile di vita dipendono strategicamente dall'abbondanza di petrolio a basso costo. Ma questa abbondanza è limitata nel tempo, i costi di approvvigionamento aumenteranno inevitabilmente. Gli europei lo hanno prima sperimentato con lo shock petrolifero di 1973, scoprendo la dolorosa vulnerabilità delle nostre società al prezzo di un barile di petrolio greggio. Ma da questo shock, e nonostante le regolari crisi del mercato petrolifero, gli idrocarburi sono tornati a un prezzo basso e l'Europa ha dimenticato di prepararsi alla fine del petrolio.
La necessità di combattere il riscaldamento globale limitando le emissioni di gas a effetto serra è una nuova motivazione per cercare alternative a tutto il petrolio. Eppure, 30 anni dopo il primo shock petrolifero, poco è stato fatto: l'Europa è ancora fortemente dipendente dall'abbondanza di petrolio a basso costo.

II - ELEMENTI DI INFORMAZIONE

1- IL CONTESTO DEGLI ULTIMI MESI:
IL TREND SOSTENIBILE CON IL PREZZO DEL BOTTO A OLIO.

I prezzi del greggio hanno superato la soglia dei $ 40 per diversi mesi e si stanno avvicinando ai $ 50 ($ 47 il 24 agosto a New York). Il prezzo medio dal primo shock petrolifero è di 20 dollari al barile. Con un barile a $ 40, in valuta costante, rimaniamo al di sotto dei prezzi degli shock del 1973 o del 1979 ($ 80 al barile durante la crisi iraniana).
Negli ultimi mesi 4, benzina e diesel sono aumentati di 10 centesimi alla pompa, circa + 10%
NB: È interessante notare che il prezzo di costo medio reale di un barile di petrolio è inferiore a $ 10.

Motivi addotti per questo aumento di prezzo:

-Aumento esponenziale della domanda globale, che non sta diminuendo in Europa, è in aumento negli Stati Uniti e sta esplodendo in Cina, con la crescita della flotta automobilistica e la fortissima crescita cinese.

-Instabilità dell'offerta : crisi in Iraq (sebbene le esportazioni siano riprese nel sud del paese) e tensioni in Medio Oriente, incertezza in Venezuela (risolta dalla fine di agosto dopo il successo di Chavez al referendum), incertezza in Russia, con problemi fiscali, giudiziari (e politici) del leader russo Youkos, minacciati di smantellamento e fallimento mentre producevano l'2% dell'offerta mondiale.

-Infrastruttura insufficiente. Ad eccezione dell'Arabia Saudita, i paesi membri dell'OPEC non hanno ottimizzato la loro capacità produttiva. D'altra parte, ci sono tensioni sull'infrastruttura di raffinazione: il numero di raffinerie è insufficiente per elaborare tutto il petrolio estratto, specialmente negli Stati Uniti, da cui l'aumento dei prezzi.

Tuttavia, non tutto è chiaro: alcuni sono sorpresi dall'attuale carenza di approvvigionamento quando tutti i produttori producono al massimo delle loro capacità (in particolare l'OPEC). Alcuni accusano gli Stati Uniti e le major di nascondere e conservare alcune delle loro riserve.

Altri avanzano speculazioni sui prezzi: sembra che gli speculatori, dopo l'esplosione della redditizia nuova tecnologia Internet, siano ricaduti sul petrolio, uno degli ultimi settori in cui possiamo fare un sacco di soldi. L'evoluzione dei prezzi del barile è quindi fortemente dipendente dalla speculazione, che è molto sensibile al contesto economico e politico internazionale, che aggrava le tensioni già esistenti nella fornitura di petrolio.

Leggi anche:  La crisi dei mutui subprime in BD

Osservazioni:

1 - questo aumento si fa sentire meno duramente in Europa, a causa della forza dell'euro contro il $.
2 - questo contesto di aumento dei prezzi rende felici anche le persone.
È molto redditizio per le grandi compagnie petrolifere: i risultati delle major sono in forte aumento negli ultimi mesi (soprattutto all'aumentare dei margini di raffinazione): + 30% per Total, + 38,8% per Exxon Mobil, + 16% per Shell.
Beneficiano anche i paesi produttori: l'Arabia Saudita ha previsto un avanzo di bilancio di 35 miliardi di dollari per il 2004 (ma chiede un prezzo al barile più basso, intorno ai 30 dollari).
Secondo INSEE, un barile a 50 dollari costerebbe 0,24 punti di crescita perché investimenti e consumi sarebbero penalizzati.
Logicamente, coloro che soffrono di questi prezzi sono le compagnie di trasporto, aereo, stradale e marittimo. Air France ha aumentato questi prezzi da 2 a 12 euro in base alle destinazioni.

2- QUANDO È FINITO L'OLIO?

PRENOTAZIONI:

Attualmente produciamo 75 milioni di barili ogni giorno. Ogni anno bruciamo ciò che la natura ha impiegato un milione di anni per costruire.
Nessuno accetta di valutare la realtà delle riserve petrolifere mondiali.
Ma il dibattito, sebbene limitato a professionisti ed esperti petroliferi, è virulento: quando passeremo il PEAK OIL, l'inizio del declino delle riserve? Alcuni dicono oggi. L'anticipo 2050 più ottimista. Il dibattito si oppone schematicamente agli scienziati (pessimisti) agli economisti (ottimisti).
Le stime più comuni si basano sul metodo di Hubbert. King Hubbert è un geologo americano che, in 1956, predisse con precisione per 1970 il declino della produzione negli Stati Uniti osservando l'evoluzione della produzione come una curva a campana.

In generale, la valutazione di un campo è un calcolo di probabilità. Nessuna certezza.

Natura (novembre 2003): secondo uno studio commissionato dalla maggiore BP britannica, a consumo costante, rimangono 40 anni di petrolio, 60 anni di gas, 230 anni di carbone. Due generazioni.

Ci sono "cugini" di petrolio che sono già mobilitati come oli non convenzionali - sabbie bituminose canadesi o petrolio greggio extra pesante proveniente dal Venezuela. Rappresentano circa 25 anni di consumo. Ma il loro sfruttamento è più costoso e soprattutto più inquinante del petrolio.
Le riserve di petrolio convenzionale non ancora scoperte sono stimate in media a 3 miliardi di barili (fonte USA: Geological survey's world petroleum assessment - 000), ovvero 2000 anni di consumo aggiuntivo.
Il progresso tecnico consente un migliore recupero delle risorse esistenti. Oggi, in media, viene recuperato solo un terzo delle risorse in essere. L'aumento di 1 punto nel tasso medio di recupero rappresenta 2 anni di consumo aggiuntivo.
D'altra parte, grazie all'aumento del barile, alcuni depositi finora non sfruttati perché troppo costosi diventano di nuovo redditizi.

Uno degli attori più attivi nel dibattito sulla realtà delle riserve petrolifere è l'ASPO, l'Associazione per lo studio del picco del petrolio. Riunisce ex alti funzionari e geologi dell'esplorazione petrolifera e afferma che la falsificazione dei dati sulle riserve ufficiali è sistematica. Secondo ASPO, ad esempio, le riserve OPEC sarebbero sopravvalutate di 46% (poiché i paesi OPEC indicizzano le loro quote di produzione alle riserve dichiarate: più dichiarano, più possono produrre).
ASPO stima che stia immagazzinando 1000 miliardi di barili di riserve.
Il caso Shell ha recentemente dimostrato che la società è stata pesantemente penalizzata sui mercati azionari per aver sopravvalutato le proprie riserve.

Leggi anche:  Mutuo per la casa: determina la tua capacità di prestito

Nota: ci sarà sempre petrolio, ma il costo della sua estrazione sarà troppo importante: non corre a secco, ma piuttosto all'esplosione dei prezzi.

L'aumento esponenziale della domanda

Un barile di olio = 159 litri. Consumiamo 29 miliardi di barili all'anno.
Il petrolio rappresenta ancora l'42% della produzione totale di energia, l'23% per il gas naturale, cioè l'65% di idrocarburi (8% per il nucleare).
Il trasporto dipende ancora dal 96% di olio (secondo l'OCSE).
E il petrolio non è solo una fonte di energia: è anche essenziale per cibo, prodotti chimici, medicine, abbigliamento e tutti i prodotti di plastica che ci circondano.

Come conseguenza diretta della crescita della popolazione e del graduale aumento del tenore di vita, la domanda globale di energia primaria dovrebbe continuare ad aumentare entro il 2030; potrebbe raggiungere i 15 giga di tonnellate equivalenti di petrolio (Gtep) nel 2030 (rispetto ai 9 Gtep odierni), ovvero un tasso di crescita dell'1,7% annuo (scenario di riferimento dell'Agenzia Internazionale dell'Energia). Nel periodo nel suo complesso, questo aumento della domanda sarà dovuto principalmente ai paesi in via di sviluppo, che sperimenteranno un aumento del fabbisogno del 140% contro solo il 34% dei paesi OCSE.

Oggi, il 50% del petrolio viene utilizzato nei trasporti (rispetto al solo 36% nel 1973) ei prodotti petroliferi costituiscono il 96% dell'energia utilizzata nei trasporti stradali. Esistono energie alternative (GNC, GPL, combustibili ossigenati di origine chimica o agricola, ecc.) E sono state utilizzate per un tempo molto lungo, ma rappresentano meno del 2% dell'energia totale di trasporto: non c'è Non ci sarà alcuna sostituzione del petrolio economicamente e massicciamente competitiva nei prossimi 20-30 anni.

Poca speranza con le attuali energie alternative.

Per far fronte all'aumento della domanda, sarà necessaria la mobilitazione di tutte le fonti di energia, per integrare il petrolio più che per competere o sostituirlo. Ma la quota delle energie rinnovabili nel bilancio energetico globale (idraulico compreso) dovrebbe rimanere relativamente stabile (intorno al 5% secondo l'AIE) e questo, nonostante la forte crescita in alcuni settori come il solare fotovoltaico o l'eolico.
L'implementazione di forti politiche di incentivazione potrebbe senza dubbio aumentare la quota di queste energie, ma sarebbe difficile renderle, entro il 2020-2030, un massiccio sostituto dei combustibili fossili, in particolare per ragioni di costo.

Conclusione: il contributo degli idrocarburi al soddisfacimento del fabbisogno energetico globale rimarrà elevato (65% contro il 62% circa di oggi), la quota di gas naturale diventerà più consistente.

3 - LA DIPENDENZA DELL'EUROPA

L'Unione allargata consumerà 2004 20% della produzione mondiale di petrolio.

L'economia europea si basa sui combustibili fossili: petrolio e gas compongono 4 / 5 del nostro consumo totale di energia. Importiamo 2 / 3. E questa proporzione dovrebbe aumentare: con il progressivo esaurimento delle risorse nel Mare del Nord, la Gran Bretagna è tornata ad essere un importatore netto di petrolio nel mese di agosto 2004.

Leggi anche:  9 miliardi di uomini

In 2030, secondo il Libro verde europeo per l'energia, il petrolio potrebbe essere importato fino al 90% del nostro consumo. A causa della mancanza di risorse proprie, l'UE non ha alternative: deve agire sulla domanda di energia (riorientandola o controllandola, a differenza degli Stati Uniti, su cui nel loro piano energetico ha deciso di fare affidamento sempre in aumento, come dimostrano le loro politiche internazionali in Medio Oriente e Africa occidentale).

L'azione prioritaria per il risparmio energetico: i trasporti, poiché rappresentano il 32% del consumo di energia e il 28% delle emissioni di CO2.
Per ora, l'unico obiettivo dei governi è limitare la tendenza al rialzo della domanda. L'arma fiscale potrebbe essere efficace, ma è già ampiamente utilizzata.

4 - BIOCARBURANTI

I biocarburanti hanno un doppio vantaggio: riducono il consumo di petrolio e riducono le emissioni di gas serra (la fotosintesi, il processo di crescita delle piante, assorbe CO2). Ma soprattutto hanno un grosso handicap: sono sempre molto più costosi del petrolio.

L'Unione europea incoraggia l'uso di biocarburanti.
Le ultime direttive europee di 2003 fissano un obiettivo per 2005: 2% di biocarburanti da incorporare nei carburanti esistenti (diesel e benzina).
Per 2010: 5,75% di biocarburanti.
Ma per il momento non è affatto certo che l'Europa abbia la capacità di produrre e distribuire l'agricoltura per raggiungere questi obiettivi.
Devono essere distinte due famiglie di biocarburanti: quelli usati miscelati con idrocarburi (diestere ed etanolo) e quelli usati da soli (oli vegetali)

Il diester, meglio noto come biodiesel: in aggiunta o sostituzione del diesel. Si ottiene per reazione tra alcool (metanolo) e oli vegetali (colza, grano, girasole, ecc.)
etanolo oltre all'essenza: si ottiene dalla fermentazione di zucchero (canna da zucchero, barbabietola), grano o mais.
Entrambi sono già distribuiti in gran parte dalle compagnie petrolifere perché sono già mescolati con carburante. (circa 1% in Francia) e non sono soggetti a segnaletica speciale sulla pompa.

Lo svantaggio di questi biocarburanti: il loro costo. Prima di poter essere utilizzate è necessario eseguire una reazione chimica. Il loro costo di produzione è ancora elevato. Possono svilupparsi solo se incoraggiati da incentivi economici (esenzione fiscale).

Oli vegetali grezzi (colza, grano, girasole):
Utilizzati direttamente come tali nel serbatoio, presentano ancora una serie di problemi tecnici (non sono sicuri che tutti i motori li supportino, le regolazioni necessarie, specialmente per i sistemi di iniezione, non più 10% miscelato nel carburante, richiedono di mettere in atto un nuovo circuito di distribuzione ...)

Il loro bilancio energetico è ancora incerto: sarebbero una fonte di inquinamento atmosferico secondo l'ADEME. Ma riducono significativamente l'effetto serra.

Le sfide dei biocarburanti:
- rischi di sovrapproduzione che potrebbero abbassare la redditività del settore
- La Francia non avrebbe capacità di produzione agricola sufficienti per raggiungere il 5,75% della direttiva europea secondo gli specialisti (ADEME, UFIP e altri ..).
- lo sviluppo dei biocarburanti potrebbe ridare un ruolo maggiore agli agricoltori nella produzione e forse nella distribuzione dell'energia (dolce sogno dei Verdi e di altri agricoltori…) per risolvere i problemi dell'esodo rurale.

Fonte e collegamenti

Fonte : Arte-tv.com

Bibliografia e link ...

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *