Vuoi passare alla bici elettrica?

Curioso? Precursore? Alla ricerca di un mezzo di trasporto più ecologico? Quello che sappiamo è che la motocicletta elettrica non lascia indifferente nessuno. Ma ti stai sicuramente chiedendo quali siano le possibilità di questa moto di ultima generazione e il garante che può avere. Quindi facciamo un bilancio di questa moto elettrica che è diventata di tendenza!

Come funziona una motocicletta elettrica?

La motocicletta elettrica trae la sua energia da un motore elettrico messo in moto da un magnete animato dal campo magnetico. Lo statore è fisso mentre il rotore gira e fa scattare una forza potente. L'energia viene quindi trasmessa a una cinghia che consente alla macchina di muoversi. Il motore elettrico funziona molto più semplicemente di un motore termico. Esistono due tipi di motori elettrici:

  • Motori con spazzole,
  • Motori brushless.

Il motore brushless si trova più spesso perché riduce l'attrito e garantisce prestazioni migliori. Per una maggiore omogeneità nel rilascio di energia, il motore è associato a un controller che esiste anche nel motore termico (ma che ha una tecnologia completamente diversa). Lo permette gestire meglio l'energia e il freno motore. Se desideri maggiori informazioni sulle caratteristiche delle differenze tra le motociclette elettriche, non esitare a visitare il sito di La Becanerie. Troverai molte informazioni e potrai trovare la tua futura motocicletta elettrica!

caricamento elettrico del motociclo

La batteria dura a lungo?

La durata della batteria di motocicletta elettrica dipende principalmente da come lo usi, lo carichi e lo memorizzi. La maggior parte dei motocicli elettrici utilizza batterie agli ioni di litio o ai polimeri di litio. Sono dotati di un BMS (Battery Manager System) che aiuta a ottimizzare i periodi di carica e scarica.

Leggi anche: Honda FCX Clarity con idrogeno

Pertanto, la batteria verrà utilizzata con il massimo vantaggio e beneficerà di una maggiore durata. In media, una batteria funziona tra 300 e 000 km a seconda del modello selezionato. Basti dire che è già una grande prestazione. Una nuova motocicletta elettrica non avrà mai problemi di batteria. Le preoccupazioni saranno piuttosto da temere sui modelli di motocicli elettrici di vecchia tecnologia.

E la durata della batteria?

La durata della batteria sarà quindi fortemente in relazione al tuo stile di guida e ai percorsi su cui usi la motocicletta elettrica. Se guidi principalmente in città, la batteria si scarica molto più lentamente. È l'opposto di un veicolo termico che consumerà di più in città a causa delle scarse prestazioni dei motori termici in condizioni urbane ma anche a causa delle numerose accelerazioni e cambi di marcia. Le condizioni climatiche hanno anche un impatto sulle prestazioni della batteria. Allo stesso modo, se vivi in ​​montagna e devi arrampicarti su strade ripide, la tua batteria potrebbe avere meno autonomia.

Parliamo di recupero energetico

Il recupero di energia è l'atto di catturare l'energia che viene prodotta quando la moto frena. Questo si chiama energia cinetica che si trasforma in calore. È possibile recuperare questa energia sotto forma di elettricità. È una buona soluzione per trasmettere energia alle batterie per beneficiare di una maggiore autonomia. Ogni volta che freni, generi energia e ricarichi un po 'la batteria elettrica! Questo è anche il motivo per cui i veicoli elettrici sono più vantaggiosi in città ... per non parlare dell'assenza di inquinamento atmosferico!

La motocicletta elettrica richiede un'importante manutenzione?

No! Ed è qui che la motocicletta elettrica interesserà i meno appassionati di fai-da-te. In realtà, il suo funzionamento è così semplice che la manutenzione è quasi zero. Si tratta semplicemente di sostituire alcune parti che si usurano come le pastiglie dei freni, la cintura o le gomme.

Leggi anche: Diritto del lavoro di El Khomri: petrolio bloccato, arma di distruzione economica di massa?

Ma a parte questo, non c'è quasi nessuna manutenzione. L'unica eccezione è per i motocicli elettrici con un sistema di raffreddamento. Sostituirà semplicemente l'olio una volta all'anno. E questo è tutto! Non c'è bisogno di mettere la tua moto in garage per una revisione. Questo è un risparmio molto significativo a lungo termine.

Paghi meno con la sua moto elettrica?

Un altro vantaggio! L'assicurazione delle motociclette elettriche è economica rispetto ai modelli termici. Sembra che questo tipo di due ruote sia meno accidentale e quindi gli assicuratori sono meno esigenti con l'entità del contributo. C'è anche sconti e offerte specifiche per incoraggiare l'acquisto di una motocicletta elettrica.

Inoltre, la carta grigia della motocicletta elettrica è anche meno costosa di quella di una motocicletta termica. Il potere fiscale è più vantaggioso per la motocicletta elettrica. Questa è ancora un'opportunità per risparmiare sull'acquisto del tuo veicolo a due ruote. Per quanto riguarda il permesso, è lo stesso principio usato per le motociclette termiche. I modelli elettrici con potenza inferiore a 11 kW possono essere guidati con patente di guida A1 se il conducente ha 16 anni.
Dagli anni 20 del conducente, è possibile guidare queste motociclette elettriche con una patente B, ma dopo aver seguito un allenamento specifico di 7 ore. Oltre 11 kW, avrai bisogno di una licenza A. Chiedi anche i bonus ecologici assegnati per l'acquisto di un veicolo elettrico a due ruote.

Leggi anche: Scarica: studio TPE: vetture GT di domani

Come caricare la sua moto elettrica?

Per caricare la batteria della tua moto, hai solo bisogno di una presa elettrica da 220 V. L'unico inconveniente di questo tipo di ricarica è che è piuttosto lungo. Non è possibile ricaricare la batteria in pochi minuti. Tuttavia, è possibile acquistare un caricabatterie specifico per una ricarica rapida.

Questo è anche ciò che offrono le stazioni di ricarica pubbliche. La carica è quindi molto più breve. Se scegli una motocicletta elettrica con una batteria rimovibile, potrai ricaricarla da casa. Non dovrai più preoccuparti di come collegare la motocicletta alla presa elettrica.

È solo un'organizzazione da installare: la sera rimuoviamo la batteria e la ricarichiamo durante la notte. Sono necessarie dalle 6 alle 8 ore se si carica la batteria in una normale presa domestica. Con un caricabatterie rapido, il tempo di ricarica è ridotto a un periodo compreso tra 1 e 4 ore a seconda del livello di utilizzo.

Al mattino, rimetti la batteria al lavoro e il gioco è fatto! L'energia elettrica è anche molto meno costosa del combustibile prodotto dal petrolio. Le fluttuazioni dei prezzi sono anche molto meno casuali. In un anno, quindi, risparmierai moltissimo.

Una domanda? Visita il forum trasporto elettrico

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *