inquinamento digitale

World Cleanup Day e inquinamento digitale: una grande sfida per il clima e l'ambiente!

Ieri, 18 marzo, è stato il Giornata di pulizia digitale, in altre parole: World Digital Cleanup Day. In effetti, può sembrarti sorprendente, ma, proprio come le nostre case, il nostro cibo e i nostri mezzi di trasporto, internet inquina, emette CO2 e consuma una parte sempre più grande di energia. L'impatto ecologico digitale è quindi sempre maggiore attraverso l'hardware (apparecchiature) e il software (uso). Pertanto, possiamo ridurre il nostro impatto di CO2 digitale rimanendo ragionevoli sul rinnovo dei nostri dispositivi digitali e facendo di tanto in tanto una buona pulizia di primavera. Questo cancellando i nostri dati inutili al fine di alleggerire il peso della CO2 che quotidianamente generano. Vediamo tutto questo in modo più dettagliato...

Ma a proposito, come funziona Internet?

Quando utilizziamo un computer connesso ad internet, possiamo facilmente avere l'impressione che la connessione arrivi "per magia" ai nostri dispositivi. Ciò è tanto più vero dalla generalizzazione della connessione Wifi che ha portato con sé la scomparsa della maggior parte dei cavi RJ-45 che consentono di collegare un computer a Internet via cavo. Ma poi, cosa succede dall'altra parte di una scatola internet?

Prima di tutto, la scatola è collegata alla rete del nostro operatore tramite la presa a muro. Questa connessione viene effettuata utilizzando cavi che corrono lungo l'edificio per raggiungere l'esterno dove continuano il loro percorso (il più delle volte sotto terra), verso le infrastrutture dei nostri fornitori di servizi Internet. Oggi troviamo principalmente cavi in ​​fibra ottica che permettono ai dati di passare più velocemente rispetto alla tecnologia ADSL (tramite i vecchi fili telefonici in rame) che hanno sostituito.

Quindi, i diversi operatori sono collegati tra loro. Sia con cavi terrestri quando si trovano nello stesso continente, sia con cavi sottomarini che permettono di collegare tra loro i vari continenti. La rete formata da tutti questi cavi forma quello che viene chiamato “il web”, in altre parole: internet. Lorsque nous envoyons des données d'un ordinateur à un autre, elles transitent le long de tous ces câbles à la vitesse de la lumière (ou presque) jusqu'à atteindre leur destination, parfois sur des milliers de km et cela en quelques micro secondes solamente. Lungo la strada, passeranno attraverso le infrastrutture. In caso di backup in cloud (online), saranno archiviati anche nei data center: giganteschi computer raggruppati in parchi informatici.

Ed è qui che le cose si complicano.

Tutte queste infrastrutture sono collegate alla rete elettrica e consumano energia elettrica. Questo consumo proviene ancora troppo spesso da fonti energetiche non rinnovabili che generano grandi quantità di CO2. Anche se Google, ad esempio, cerca di collocare i suoi Datacenter in paesi o regioni in cui il bilancio di CO2 è più interessante. Google sta anche investendo in centrali solari. Inoltre, i data center emettono molto calore e necessitano quindi di essere costantemente raffreddati. Quindi, ovviamente, le grandi aziende del settore digitale devono agire, questo è spiegato in dettaglio nel video qui sotto.

Leggi anche:  Cos'è la firma elettronica e come funziona?

Ma al nostro livello, possiamo anche contribuire a limitare l'inquinamento legato al nostro uso della tecnologia digitale. Non smettendo di usare internet, ma stabilendo nelle nostre abitudini una serie di buone pratiche che limitino la quantità di dati che generiamo, e soprattutto che memorizziamo (spesso inutilmente).

Riduciamo insieme il nostro personale inquinamento digitale:

Riducendo la quantità di dati memorizzati

Con l'aumento delle capacità di archiviazione dei nostri dispositivi e la democratizzazione delle soluzioni di archiviazione online, abbiamo perso l'abitudine di cancellare i dati di cui non abbiamo più bisogno. Molto spesso: le nostre caselle di posta sono straripanti, i nostri smartphone sono saturi sotto il peso degli sms ricevuti e talvolta delle foto perse... I nostri computer sembrano un campo di battaglia in cui facciamo fatica a trovare questo "file importante" che abbiamo salvato insieme ad altri documenti ingombranti e inutili. Se ti riconosci in questa osservazione, allora è il momento di ripulire tutto ciò...

  • Per noi cassette postali noi possiamo :
    • Elimina tutti i messaggi di cui non abbiamo più bisogno
    • Approfittatene per noi cancellarsi dalle newsletter che non leggiamo mai (un link per rifiutare di inviarli è spesso presente in fondo alla newsletter in caratteri piccoli)
    • Crea categorie per le email che desideriamo conservare, la pulizia della nostra casella di posta sarà notevolmente facilitata!
  • Per i nostri telefoni è possibile :
    • Elimina tutti i messaggi di testo che molto spesso non leggeremo mai più...
    • Anche in questo caso è possibile annullare l'iscrizione a determinate catene di messaggi (spesso inviando "stop" a un numero che ci è stato fornito a tale scopo)
    • De ordinare le nostre fotografie ! L'eliminazione di duplicati, foto sfocate e schermate acquisite per errore spesso libera molto spazio.
    • Può anche essere un'opportunità per quindi migrare le foto che si desidera conservare su un supporto fisico esterno (hard disk, memory card) al fine di evitare che saturino la memoria interna del telefono, che può arrivare a renderlo inutilizzabile in caso di eccessivo sovraccarico!
    • De disinstallare le app che non usiamo o non usiamo più. Da un aggiornamento Android abbastanza recente, le autorizzazioni vengono rimosse dopo alcuni mesi di non utilizzo, consentendoti di indirizzare facilmente quelle app inutilizzate. Tieni presente che alcune applicazioni predefinite non possono essere eliminate.
    • usare strumento per la pulizia del telefono per cancellare le cache ed eliminare i dati delle app non necessari.
    • Prova a riparare il telefono in caso di caduta. Spesso è molto interessante dal punto di vista economico riparare il telefono. I gusci protettivi integrali e le pellicole di protezione eccessiva dello schermo sono ora spesso abbastanza efficaci.
    • E soprattutto di non cambiare telefono con ogni nuovo moderatore, l'unico obiettivo è spesso quello di far sbavare i tuoi amici: perché? A differenza dell'era 2000-2010, quando la loro tecnologia si stava evolvendo molto rapidamente (il primo iPhone è stato rilasciato all'inizio del 1), attualmente è possibile conservare uno smartphone per più di 2007 anni nonostante l'obsolescenza programmata.
  • Per i nostri computer, puoi migliorare le cose:
    • En cancellazione di documenti di cui non abbiamo più bisogno.
    • En organizzare file per archiviare i nostri file (che renderanno più piacevole l'uso quotidiano del computer). Attenzione, è consigliabile posizionare queste diverse cartelle in 'Documenti', 'Immagini', 'Video' ecc. in base alla loro categoria, piuttosto che direttamente sul desktop dove possono essere cancellate più facilmente.
    • molti software di ottimizzazione del computer può aiutare a mantenere la tua macchina funzionante per anni. La maggior parte di questi software è gratuita o ha una versione gratuita. Troverai un elenco abbastanza completo qui.
    • Stessa osservazione degli smartphone per quanto riguarda il materiale: oggi puoi mantenere un computer per più di 10 anni, a differenza dei computer degli anni '1990 dove doveva essere rinnovato ogni 2 anni. Questo anche per PC Gamers, a patto che tu abbia acquistato in quel momento.
  • Infine in generale possiamo:
    • Ricordati di svuotare regolarmente i cestini dei nostri dispositivi elettronici
    • Prendi il riflesso per cancellare i nostri dati regolarmente: idealmente ogni giorno o almeno una volta al mese
    • Non rinnovare il materiale troppo spesso
Leggi anche:  Raccolta dati su TikTok: cosa preoccupa gli utenti

Non sostituendo troppo spesso e riciclando i nostri dispositivi elettronici usati...

inquinamento digitale
Questa immagine è stata generata dall'intelligenza artificiale, eppure illustra una triste realtà...

La vita media di uno smartphone in Francia è di 18 mesi, in altre parole, in media, i francesi acquistano uno smartphone ogni 18 mesi per motivi di rottura, smarrimento o peggio, moda consumistica! Questo ha un impatto a monte (produzione) ea valle (riciclaggio). Tuttavia, è possibile conservare uno smartphone molto più a lungo, a patto di aver acquistato un modello di qualità, probabilmente un po' più costoso da acquistare ma che sarà largamente redditizio nel corso degli anni. Nel 2023 è del tutto possibile utilizzare ancora smartphone e apparecchiature digitali come PC della generazione 2014/2015 o anche di vecchia generazione, a patto di non aver acquistato i primi prezzi dell'epoca. Questo senza la necessità di acquistare prodotti di fascia alta, troppo cari.

Nelle nostre discariche si sarebbero potuti raccogliere troppi rifiuti! Questo è ovviamente il caso di molti dispositivi elettronici. Tuttavia, questi possono essere recuperati in vari luoghi:

  • Se acquisti un nuovo dispositivo elettronico, il rivenditore è generalmente obbligato a riprendere quello vecchio.
  • I centri di raccolta dei rifiuti dispongono di cassonetti specifici per questo tipo di rifiuti
  • Infine, i piccoli dispositivi elettronici (telefoni in particolare) possono essere depositati presso i punti di raccolta di molti supermercati.
Leggi anche:  Tutorial e confronto della creazione di immagini AI: Dall-e VS Stable Diffusion VS Canva (Text to Image)

Allo stesso modo le batterie, e ricordiamo le lampadine e i neon, vengono recuperate anche in molti centri commerciali. Importante invece non metterli nei sacchi di raccolta gialli, possono danneggiare le selezionatrici o provocare incendi!

Promuovendo l'acquisto di apparecchiature ricondizionate

E se il tuo nuovo laptop fosse sull'ormai noto Back Market ? Oltre a costarti tra il 20 e il 70% in meno rispetto a un nuovo dispositivo, il tuo nuovo compagno elettronico costerà anche molto meno all'ambiente! Proprio come un dispositivo che avresti acquistato nuovo, anche questo sarà garantito: per un periodo di un anno. Cosa ti fa venire voglia di fare il grande passo, non credi?

Se non desideri acquistare attrezzature di seconda mano su Internet, Elettro-deposito offre anche una gamma abbastanza ampia di smartphone ricondizionati di ottima qualità con il marchio francese Reborn. Ne abbiamo comprato uno di recente, era nuovo e costava meno del 50% del nuovo.

Certo, compra solo ciò di cui hai veramente bisogno! L'occasione per ricordare che a volte è anche possibile far riparare un dispositivo difettoso (presso un riparatore, o se ne hai uno vicino a te, in un centro di riciclaggio che organizza officine di riparazione). Se non hai niente di tutto questo nella tua città, un tutorial che a volte può facilmente risolvere il tuo problema lo trovi semplicemente su Youtube?

Il consumatore detta le leggi del mercato

Questa è una realtà che spesso viene dimenticata: comprare è votare.

Attraverso le nostre scelte personali, possiamo influenzare i giocatori digitali. Quindi ogni anno Pace verde assegna un punteggio ai maggiori attori del settore in base agli sforzi che compiono per rivolgersi a energie più pulite per ridurre il loro impatto sul pianeta. Qualcosa su cui riflettere sulla nostra reale esigenza di utilizzare i servizi più scadenti… Perché non rivolgersi invece alle alternative offerte da chi si impegna a migliorare le proprie prestazioni ecologiche?

Buono a sapersi

In Francia, dal 17 agosto 2015, obsolescenza pianificata (una pratica volta a ridurre deliberatamente la durata di vita dei dispositivi elettronici), è riconosciuto come reato e punibile dalla legge (devo ancora riuscire a dimostrarlo…)!

Una misura essenziale quando sai che in Francia:

  • Il digitale rappresenta da solo il 2.5% dell'impronta di carbonio
  • Ad essa è imputabile il 10% del consumo annuo di energia elettrica
  • 20 milioni di tonnellate di rifiuti all'anno provengono da dispositivi digitali (ovvero 299 kg per abitante)

Queste cifre sono fornite da uno studio di l'ademe.

Dimostrano l'urgenza di agire su questo tema. Suggerimenti o domande? Usa il forum elettronica e informatica

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *